Milano chiama Castellazzo

Milano chiama Castellazzo

Nel Parco delle Groane c’è la più grandiosa villa barocca di Lombardia, luogo del cuore con i suoi giardini considerati fra i primi dieci d’Italia per bellezza e importanza architettonica. Dell’uomo che ha realizzato questo capolavoro si parla poco e si conosce poco, eppure fu uno fra i personaggi più straordinari dell’epoca spagnola, che lasciò ai posteri, oltre alla sontuosa dimora, il Codice Atlantico vinciano, il colosso di Pompeo e le straordinarie opere del Bambaja per il monumento a Gaston de Foix (oggi in Castello): Galeazzo Arconati. Un viaggio attraverso la storia e la natura, un viaggio sorprendente che inizia ai tempi dei romani, attraversa il Rinascimento e la peste, per giungere ai giorni nostri, fra gli straordinari eventi del Festival e le prospettive di recupero dell’insigne monumento: Villa Arconati, la piccola Versailles milanese.L’incontro, dal titolo Galeazzo Arconati-Milano chiama Castellazzo,  organizzato dal Comune di Milano, Parco delle Groane in collaborazione con Fondazione Augusto Rancilio e con il patrocinio del Comune di Bollate, intende essere un modo per restituire ai milanesi un pezzo di storia ancora troppo poco conosciuto riguardo ad un bene storico e culturale, il Castellazzo, che è una realtà unica in tutta la Lombardia. Sarà, inoltre, l’occasione per ricordare Galeazzo Arconati, figura di spicco del panorama collezionistico e culturale milanese del Seicento, che fu tra i precursori del collezionismo di matrice classica, portando da Roma al Castellazzo la colossale statua un tempo creduta di Pompeo Magno, ma soprattutto che ebbe il merito di consegnare alla sua città in dono i fogli del Codice Atlantico di Leonardo.

L’appuntamento è per Martedì 4 Luglio 2017 ore 17.30 in Galleria Vittorio Emanuele lato Piazza Scala presso Urban Center Milano. Interverranno: Fabio Lopez, già direttore Parco delle Groane – Quel fiumiciattolo chiamato Nirone che ha disegnato  due millenni di storia milanese. Carlo Dones, ricercatore- Galeazzo Arconati collezionista e mecenate del XVII secolo. Giancarlo Cattaneo, Comune di Bollate- Il Festival di Villa Arconati dagli esordi ai grandi successi internazionali, visto dal suo curatore-aneddoti e personaggi in scena. Sonia Corain, Fondazione Augusto Rancilio- La villa, fucina di cultura ed arti, oggi e domani.

Comunicato Stampa

Pubblicato il 27/06/2017

comuni
Annuncio Google

I commenti sono chiusi