Il Palio di Legnano 

Il Palio di Legnano 

Scuola_calcio_portieri_stage_ASDOlgiatese2016

Domenica 29 maggio 2016 a Legnano suggestiva rievocazione storica per le vie del centro. Il Palio di Legnano è l’insieme delle manifestazioni rievocative della Battaglia di Legnano, l’importante fatto d’armi che il 29 maggio del 1176 vide la vittoria dei comuni alleati nella Lega Lombarda sull’esercito imperiale di Federico I detto il Barbarossa.

La manifestazione possiede un cerimoniale comprendente alcuni importanti avvenimenti che sono propedeutici alla sfilata storica e alla corsa ippica.

Il primo di questi è la “traslazione” della croce di Ariberto d’Intimiano dall’edificio religioso di riferimento della contrada che ha conquistato la precedente edizione del Palio, alla chiesa principale di Legnano, la basilica di San Magno. Poco dopo, il sindaco di Legnano, indice ufficialmente il Palio . Successivamente c’è l’investitura civile dei capitani delle contrade. Poi le contrade si iscrivono ufficialmente al Palio, dove avviene la presentazione delle reggenze delle stesse contrade. Al terzo venerdì di maggio, nella Basilica di San Magno prende luogo la veglia della croce di Ariberto di Intimiano, a cui partecipano le rappresentanze delle contrade.

La mattina del giorno del Palio, che cade sempre all’ultima domenica di maggio, si ha l’investitura religiosa dei Capitani e la benedizione dei cavalli e dei fantini. Mentre nel pomeriggio alle ore 15 da Piazza Carroccio parte la sfilata storica per le vie del paese che raggiungerà il campo sportivo G. Mari, dove si svolgerà la gara a cavallo.

La prima parte del corteo sarà aperta da una formazione musicale.Scuola_calcio_portieri_stage_ASDOlgiatese2016
Le 8 contrade sfileranno nella parte centrale  in costume storico con   un massimo di 110 figuranti e di 16 cavalli ed ognuna svolgerà un      tema specifico dell’epoca medioevale: la Flora la guerra,    Sant’Ambrogio i cortigiani, San Martino la musica e la danza, San  Domenico giochi e popolani, San Domenico il trionfo per la cattura  delle armi, Legnarello la forza e il lavoro, San Magno la nobiltà e il  clero, Sant’Erasmo l’astrologia e la caccia.

La terza parte sarà costituita dal “Carroccio”, trainato da 6 buoi bianchi,sul quale si trova la Croce di Ariberto e sovrapposta alla Croce “La martinella”, la campana che verrà suonata sul campo al volo dei colombi. Il Carroccio sarà scortato dai fanti e seguito dalla compagnia della morte formata da cavalieri in costume guidati da Alberto da Giussano.

Dopo la sfilata del corteo storico e la carica della Compagnia della Morte, il Supremo Magistrato procede alla composizione delle due batterie mediante un sorteggio che viene effettuato al centro del campo. Il Supremo Magistrato estrae da un sacchetto quattro biglie che riportano i simboli delle contrade.

Le prime quattro contrade estratte correranno la prima batteria, le rimanenti 4 correranno naturalmente la seconda batteria. Lo stesso sorteggio, con l’ordine di estrazione, determina anche la posizione di partenza al canapo, in considerazione del fatto che quella più favorevole, ovviamente è quella più vicina allo steccato.

Le batterie si corrono sulla distanza di 4 giri. I primi due classificati delle due batterie disputeranno poi la finale che invece si svolge su 5 giri. L’ordine di posizione della finale viene determinato da un apposito sorteggio che si effettua al termine delle due batterie.

Pubblicato il 02/05/2016

 

 

 

comuni
Annuncio Google

I commenti sono chiusi