meteo
  • Meteo Estremo
    Meteo Estremo

    Meteo estremo su Altomilanese e Varesotto. La seconda settimana di Maggio è stata caratterizzata da temporali estremi e violente bombe d’acqua. In particolare nella zona di Castellanza, Busto Arsizio e Legnano nella giornata di Mercoledì 9 Maggio un violentissimo nubifragio si è abbattuto sulle città causando seri problemi. Le strade del centro città si sono trasformate in pochi istanti in torrenti, numerose le chiamate e gli interventi dei Vigili del Fuoco chiamati con le forze dell’ordine a presidiare i sottopassi allagati e a soccorrere alcuni automobilisti finiti con le ruote nei tombini esplosi per la pressione dell’acqua.
    Situazione analoga nel Varesotto e Luinese, dove nella notte tra Lunedì e Martedì addirittura sono dovuti intervenire gli spalaneve per liberare le strade invase dalla fittissima e violenta grandinata record che in alcuni punti ha raggiunto i 30 cm d’altezza.
    Il nubifragio di grandine è durato per più di 20 minuti paralizzando alcuni comuni del Varesotto mettendo a dura prova i Vigili del Fuoco intervenuti durante la calamità.
    La Redazione
    Pubblicato il 10/05/2018
    Continua a leggere

  • La qualità dell’aria
    La qualità dell'aria

    L’inquinamento atmosferico è l’alterazione delle condizioni naturali dell’aria, dovuta alle emissioni dei gas di scarico di autoveicoli, caldaie, centrali elettriche, fabbriche, impianti di incenerimento. Le sostanze inquinanti più diffuse in atmosfera sono il biossido di zolfo (So2), gli ossidi di azoto(Nox), il monossido di carbonio (CO), l’ozono, il benzene, gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), le polveri (soprattutto il particolato di diametro inferiore a 10 milionesimi di metro, il Pm10) e il piombo. Il problema dell’inquinamento atmosferico si concentra soprattutto nelle aree metropolitane, dove il traffico, gli impianti industriali e il riscaldamento degli edifici hanno effetti dannosi sulla qualità dell’aria e sulla salute degli abitanti.
    Uno degli inquinanti più pericolosi per l’uomo e più diffusi nelle città è il Pm10: uno studio realizzato dall’Organizzazione mondiale della sanità ha stimato che nei grandi centri italiani, a causa delle concentrazioni di particolato sottile superiori ai 20 μg/m3, muoiono oltre 8 mila persone ogni anno. E uno dei principali responsabili dell’inquinamento da Pm10 è il traffico urbano: i trasporti stradali, infatti, producono più di un quarto del totale delle emissioni. E la metà circa degli ossidi di azoto, del monossido di carbonio e del benzene presenti nell’aria delle città. Per gli ossidi di zolfo, invece, la fonte primaria è il settore industriale, e soprattutto la produzione di energia, cui si devono i 3/4 del totale delle emissioni. Se il traffico urbano è il grande nemico dell’aria delle città, i maggiori responsabili sono soprattutto le automobili, che contribuiscono, sul totale emesso dal trasporto stradale, ad un terzo del Pm10, al 40% circa degli NOx, a due terzi del benzene e della CO2. Tratto da legambiente.
    La Redazione
    Pubblicato il 05/01/2017
     
     
    Continua a leggere

MOSTRA TUTTI GLI ARTICOLI

    I commenti sono chiusi