dalle regioni
  • Giornate FAI di Primavera alcune aperture a Varese
    giornate fai-1vivilanotizia
    Giornate FAI di Primavera alcune aperture a Varese

    Varese – Siamo giunti alla 30° edizione delle Giornate FAI di Primavera, la nota manifestazione del FAI che apre le porte di tantissimi luoghi unici d’arte e natura non solo a Varese, ma in tutta Italia e che normalmente sono chiusi al pubblico. Il FAI inoltre ricorda che per gli iscritti sono previste corsie preferenziali e luoghi esclusivi aperti solo per loro.
     
    Le date dell’evento sono sabato 26 e domenica 27 marzo 2022. 
     
    Il FAI vuole offrirci l’occasione di scoprire il patrimonio culturale e storico del nostro Paese proponendo la visita di oltre 700 luoghi tenuti eccezionalmente aperti dai volontari.
    Le visite sono permesse in assoluta sicurezza e nel rispetto delle norme anti Covid-19
     
    Ecco di seguito le meraviglie visitabili in provincia di Varese.
    Oltre a Villa Panza, Villa della porta Bozzolo e Monastero di Torba, beni FAI aperti tutto l’anno sono eccezionalmente visitabili nelle giornate FAI di Primavera sabato 26 e domenica 27 anche…
     
    CHIESA DEI SANTI PIETRO E PAOLO
    BREBBIA, VARESE
     
    CASTELLO DI CUASSO
    CUASSO AL MONTE, VARESE
     
    CHIESA DI S.MARIA DEGLI ANGELI
    LONATE POZZOLO, VARESE
     
    CHIOSTRO E TORRE CAMPANARIA DELLA PARROCCHIA DI S.AMBROGIO
    LONATE POZZOLO, VARESE
     
    EX ORATORIO DI S.PIETRO
    LONATE POZZOLO, VARESE
     
    MONASTERO DI S.MICHELE
    LONATE POZZOLO, VARESE
     
    PERCORSO STORICO NATURALISTICO DI VIA GAGGIO
    LONATE POZZOLO, VARESE
     
    CASA ED EMPORIO MACCHI
    MORAZZONE, VARESE
     
    MUSEO E VILLA AGUSTA
    SAMARATE, VARESE
     
    CHIESA DI SANT’ANNA
    VARESE
     
    TORRE DI VELATE
    VELATE, VARESE
     
    CAVE DI GRANITO ROSA DI CUASSO
    CUASSO AL MONTE, VARESE
     
    COMPLESSO DELLE VILLE MENOTTI
    LUINO, VARESE
     
    VILLA E COLLEZIONE PANZA
    VARESE
     
    CHIESA DI SAN PIETRO IN SILVIS
    INDUNO OLONA, VARESE
     
    MULINO DEI FRATI
    CARAVATE, VARESE
     
    CHIESA PARROCCHIALE NUOVA DI SANT’ANTONINO
    LONATE POZZOLO, VARESE
     
    CHIESA PARROCCHIALE DI SANT’AMBROGIO
    LONATE POZZOLO, VARESE
     
    VILLA ALETTI SPARTIVENTO
    VARESE
     
    L’elenco degli altri luoghi visitabili in Italia può essere consultato sul sito ufficiale www.giornatefai.it
     
    La Redazione
    Pubblicato il 18/03/2022
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
     
    Continua a leggere

  • Palazzo Lombardia ospita gli eventi del Natale 2021
    Palazzo lombardia-1vivilanotizia
    Palazzo Lombardia ospita gli eventi del Natale 2021

    Milano – Regione Lombardia è pronta a presentare un programma di iniziative in occasione delle feste natalizie.
    L’inaugurazione ha avuto luogo giovedì 2 dicembre 2021 alle ore 17.30, alla presenza del presidente Attilio Fontana e degli assessori della Giunta.
     
    Le attività in programma, in massima sicurezza e nel pieno rispetto delle normative Covid, animeranno Palazzo Lombardia fino al 9 gennaio 2022, con la pista di ghiaccio che rimarrà aperta fino al 16 gennaio 2022.
    Nell’ambito del calendario di eventi “Il Natale brilla a Palazzo Lombardia’, la piazza Città di Lombardia sarà illuminata a festa con un progetto dedicato di illuminotecnica.
    Grazie alla collaborazione di Ersaf, diversi abeti, pini e decorazioni, per ricreare un vero e proprio bosco lombardo, trasformano la piazza in un reale villaggio di Natale per bambini e famiglie.
     
    Sempre in piazza sarà allestito nei giorni 4/11/18 dicembre e 8 gennaio, dalle ore 11.00 alle ore 18.00 un corner informativo per la distribuzione di vario materiale su rifugi, itinerari montani, iniziative correlate e ancora tante sorprese.
    Tutte le attività sono fruibili solo dietro presentazione di green pass.
    Nel ricco programma di attività sono previsti:
     
    Una ‘Pista di pattinaggio sul ghiaccio’
    La pista 02ICE, organizzata dalla Società Sportiva Dilettanti ‘Sportivamente’, in collaborazione con Regione Lombardia, sarà aperta al pubblico dal 3 dicembre al 16 gennaio. Intorno alla pista di pattinaggio, come di consueto, saranno allestiti alcuni container per noleggiare i pattini, offrire ai cittadini un punto di ristoro e incontro e un temporary shop.
     
    ‘Il Giocattolo sospeso’
    L’iniziativa si svolge in collaborazione con Assogiocattoli, Croce Rossa Italiana – Comitato regionale Lombardia, Lilt Milano Monza Brianza APS e Parco Nazionale dello Stelvio e prevede la raccolta di giocattoli nuovi, che le famiglie potranno consegnare ai volontari presso il punto di raccolta, partirà sabato 4 e proseguirà domenica 5 e nei week end 11-12 e 18-19 dicembre dalle 11.00 alle 19.00 presso l’Auditorium Testori.
    Per ogni donazione Regione Lombardia offrirà un ingresso alla pista di pattinaggio scontato del 50%.
    L’iniziativa sarà promossa da Regione Lombardia sui propri canali e da Assogiocattoli presso i punti vendita aderenti attraverso la formula ‘Giocattolo sospeso’, acquistato con lo scopo di essere donato e consegnato presso la sede di Regione Lombardia. Croce Rossa Italiana e Lilt (Lega italiana lotta Tumori) provvederanno poi alla distribuzione nei reparti pediatrici, case famiglie e associazioni di tutti i giocattoli raccolti con l’attività di charity.
     
    Il ‘Natale della cultura’
    Dal 21 al 23 dicembre.
    Il 21 dicembre andrà in scena lo spettacolo ‘Omaggio a Roberto Brivio’ (ore 20.30);
    il 22 dicembre sarà la volta dello spettacolo Duperdu ‘Lombardia Chantant’ (ore 18.30);
    il 23 dicembre si svolgerà il Concerto di Natale dell’Orchestra ‘I Pomeriggi Musicali’ (ore 18.30).
    Tutti gli spettacoli saranno aperti al pubblico e gratuiti fino ad esaurimento posti. L’iniziativa è promossa dall’Assessorato e dalla Direzione Autonomia e Cultura.
     
    La mostra ‘Presepi dal mondo’.
    Nello spazio espositivo di IsolaSET (Spazio Esposizioni Temporanee) e in alcuni nuclei d’ingresso di Palazzo Lombardia, verrà ospitata la mostra dei presepi etnici di tutto il mondo, provenienti dal Museo delle Missioni Estere dei Frati Cappuccini missionari di Piazza Cimitero Maggiore.
    Saranno esposti molti presepi che potranno essere visitabili gratuitamente dal 3 dicembre all’8 gennaio, dal lunedì al sabato dalle ore 11.00 alle 19.00.
    Nello specifico si tratta di 20 presepi che rappresentano differenti e suggestive culture dai Continenti. Oltre a 14 vetrinette che offrono piccoli presepi provenienti da altre varie parti del mondo. Nel corridoio centrale, poi, 3 diorami illustreranno con particolare minuzia delle scene bibliche Continua a leggere

  • Ski Center Latemar, le regole per sciare in sicurezza
    Apertura impianti-1vivilanotizia
    Ski Center Latemar, le regole per sciare in sicurezza

    Trentino – Alto Adige – Obereggen, cuore dello Ski Center Latemar, ad appena 20 minuti da Bolzano, aprirà la stagione invernale venerdì 3 dicembre 2021 dopo oltre un anno e mezzo da quel marzo 2020 che segnò l’inizio della pandemia Covid-19 in Italia. 
     
    Alle ore 8,30 si apriranno i tornelli per salire in quota, nel segno di un 50esimo anniversario indimenticabile con i collegamenti con le consorelle trentine Pampeago e Predazzo immediatamente aperti. 
    Muniti di green pass obbligatorio per accedere agli impianti gli appassionati della neve, fin da venerdì, potranno passare, sci o snowboard ai piedi, da Obereggen in Alto Adige a Pampeago e Predazzo in Trentino.
     
    Lo skipass, acquistabile on-line o presso gli uffici skipass di Obereggen, Pampeago e Predazzo, dovrà essere attivato giornalmente abbinandovi il Green Pass. Questa attivazione sarà una semplice procedura che potrà essere fatta sul sito dolomitisuperski.com o attraverso la App Dolomiti Superski. Coloro che non disponessero di smartphone o accesso a internet, potranno attivare quotidianamente lo skipass con il Green Pass presso i punti vendita dislocati nelle varie località delle Dolomiti. I minori di 12 anni non devono essere in possesso di nessuna certificazione. All’interno degli impianti chiusi va   indossata una mascherina chirurgica o superiore (dai 6 anni in su). La capienza su cabinovie e seggiovie con chiusura paravento sarà ridotta all’80%, mentre la capienza sugli impianti aperti sarà al 100%.  
     
    Il numero di skipass non è limitato, pertanto non é richiesta la prenotazione. 
    Regole basilari nel segno della magia del “Latemar’s Sixpack”, letteralmente “I 6 addominali del Latemar”, la novità della stagione invernale. Sei addominali quante le 6 piste mozzafiato, tra affascinanti panorami dolomitici, decretati dall’UNESCO Patrimonio Mondiale.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 29/11/2021
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • 50°anniversario Obereggen con “Latemar’s Sixpack”
    Ski Center Latemar-1vivilanotizia
    50°anniversario Obereggen con “Latemar’s Sixpack”

    Un 50esimo anniversario nel segno della magia del “Latemar’s Sixpack”, letteralmente “I 6 addominali del Latemar”. Questa è la novità che proporrà la nota località delle Dolomiti, Obereggen, a 20 minuti da Bolzano, per la stagione invernale da venerdì 26 novembre in notturna.
     
    COMUNICATO 
    A causa delle elevate temperature dei giorni scorsi, l’apertura degli impianti di risalita dello Ski Center Latemar (Obereggen, Pampeago, Predazzo) sarà posticipata di una settimana a venerdì 3 dicembre 2021.
     
    Sei addominali quante le 6 piste mozzafiato, tra affascinanti panorami dolomitici, decretati dall’UNESCO Patimonio Mondiale, che caratterizzano lo Ski Center Latemar.
     
    Qui una delle sue tre perle, Obereggen, all’inizio della prossima stagione invernale, spegnerà 50 candeline dalla sua fondazione avvenuta nel 1970.
     
    Sarà festeggiata anche dalle consorelle trentine Predazzo e Pampeago: le altre due perle del comprensorio che dall’Alto Adige scende dolcemente in Trentino e ritorno, sci o snowboard ai piedi senza mai sganciarli. Merito di impianti sciistici, quelli dello Ski Center Latemar, caratterizzati dalla presenza di 16 impianti all’aperto, skilift e seggiovie, in totale sicurezza.
    Video TG2 Si Viaggiare
     
    La prima delle magnifiche 6 è la pista Oberholz che si raggiunge, in seggiovia, partendo dai 1550 metri della stazione a valle di Obereggen fino ai 2096 metri a monte, dove fa bella mostra di sé l’omonimo rifugio Oberholz, perla architettonica aperta nel 2016, a cui riviste italiane ed internazionali di design hanno dedicato ampi servizi.
    La Oberholz, regina incontrastata di Obereggen, è stata la prima pista dell’impianto sciistico inaugurato nel 1970, realizzato da 11 ragazzi della Val d’Ega, fondatori di quello che sarebbe diventato uno dei comprensori più famosi nel Circo Bianco, culla per 38 edizioni della più antica gara di Coppa Europa.
    Il biglietto da visita della pista Oberholz è inimitabile: lunghezza di ben 2 chilometri e 750 metri, oltre 500 metri di dislivello. Tanto da incoronarla come una delle pista più complete delle Dolomiti.
     
    Si passa alla Maierl, raggiungibile con la seggiovia a 6 posti Absam Maierl, che quest’anno ospiterà per la quinta volta lo slalom di Coppa Europa mercoledì 15 dicembre:
    una “nera” per eccellenza, pendenza massima del 55 percento, un dislivello di 433 metri su una lunghezza di 1,6 chilometri. Un nastro di neve per sciatori che cercano forti emozioni a tal punto che più di un campione l’ha consacrata come una “pista da Coppa del Mondo”.
     
    Sempre sci ai piedi gli appassionati passano dall’Alto Adige al Trentino per raggiungere un’altra chicca, stavolta a Pampeago:
    la Pala di Santa a 2315 metri d’altitudine, che diventano 2400 metri dopo avere preso il susseguente skilift. Adrenalina pura in un panorama da cartolina: il “muro della Santa” e la sua pendenza del 58 per cento non lasciano dubbi sulla bontà di questa pista.
     
    Quindi una dolce discesa conduce alla stazione a valle di Pampeago per raggiungere l’Agnello, 2600 metri di lunghezza con una variante mozzafiato.
    Dall’Alpe si scende su un primo tratto “rosso” per poi imboccare il mitico “muro”, caratterizzato da continui cambi di pendenza ed un dislivello di 420 metri.
     
    Da Pampeago nuova seggiovia per arrivare alla terza perla del comprensorio:
    Predazzo ed al Passo Feudo con le due ultime chicche del “Latemar’s Sixpack”: la Cinque Nazioni e la Torre di Pisa.
     
    La Cinque Nazioni è una impegnativa pista rossa, battezzata con questo nome altisonante, per omaggiare quei campioni del passato che qui si sono sfidati negli anni ’70 nell’omonimo trofeo internazionale.
     
    Infine, ciliegina sulla torta, la Torre di Pisa, così battezzata Continua a leggere

  • Milano Music Week: torna la musica dal vivo
    Milano Music Week-1vivilanotizia
    Milano Music Week: torna la musica dal vivo

    Milano – Con il claim Music Rocks here, torna alla sua quinta edizione di Milano Music Week la manifestazione diffusa che fa risuonare la musica dal vivo a Milano con tanti protagonisti e un ampio programma di appuntamenti in presenza e in streaming dal 22 al 28 novembre 2021. 
     
    Sarà Vasco Rossi, con una esclusiva intervista in streaming lunedì 22 novembre 2021, ad inaugurare il ricco programma di concerti, showcase, incontri, workshop e webinar, mostre e presentazioni. 
     
    Gli eventi della Milano Music Week saranno ospitati soprattutto dai locali che programmano musica tutto l’anno a partire dal popolare club sui Navigli Apollo Milano, vera “casa” della MMW21, con diversi appuntamenti tra performance live, incontri e panel.
    Tra gli appuntamenti da non perdere gli abituali MMW Incontra: ciclo di incontri con alcuni fra i nomi più amati della musica italiana e internazionale, e Linecheck Music Meeting and Festival: l’appuntamento dedicato agli addetti ai lavori e amanti della musica che avrà luogo in un nuovo formato ibrido, in presenza e on line.    
     
    Tantissimi poi gli eventi speciali disseminati in tutta la città per offrire un racconto della musica a 360 gradi e restituire il piacere dell’ascolto della musica dal vivo.  
    Tutto il programma è visibile sul sito di Milano Music Week.  
    L’accesso agli eventi è possibile solo con Green Pass.
     
    La MMW è promossa dal Comune di Milano – Assessorato alla Cultura, SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori), FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana), NUOVOIMAIE (Nuovo Istituto Mutualistico Artisti Interpreti Esecutori), ASSOMUSICA.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 15/11/2021
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Milano: in mostra a palazzo Cicogna I Bagliori Gotici
    Bagliori Gotici-1vivilanotizia
    Milano: in mostra a palazzo Cicogna I Bagliori Gotici

    Milano – La mostra Bagliori Gotici. Dal Maestro del 1310 a Bartolomeo Vivarini che sarà allestita al piano nobile di palazzo Cicogna a Milano, sede della Galleria Salamon dall’11 novembre a 17 dicembre 2021 è il risultato di due anni di lavoro, studio e recupero delle opere di Matteo Salamon e del suo team di studiosi.
     
    La mostra proporrà un suggestivo percorso attraverso due secoli di pittura italiana, dalla fine del Duecento ai maestri del Tardo Gotico, e presenterà 20 dipinti su tavola di eccezionale valore. 
     
    Per buona parte si parla di “nuove acquisizioni agli studi”, sebbene molte delle opere fossero già conosciute da Federico Zeri (1921 – 1998), che disponeva delle relative immagini nella sua fototeca. 
     
    In alcuni casi – ad esempio l’incantevole Madonna col Bambino di Agnolo Gaddi, di certo uno dei vertici della mostra, le tavole sono state riconosciute meritevoli di dichiarazione d’interesse culturale (notificate) da parte del Ministero della Cultura.  Il provvedimento di notifica equivale a dichiarare i dipinti “come degni di far parte delle maggiori collezioni museali italiane”, e attribuisce loro la prerogativa di documenti imprescindibili del nostro patrimonio nazionale.
     
    La rassegna espositiva prenderà avvio da un’importante tavola dell’anonimo noto come ‘Maestro del 1310’, fondatore della scuola pistoiese. Il dipinto, ritenuto da Tartuferi una prova giovanile di questo geniale autore, è databile al 300-1305, ed è testimone di una persistente tradizione gotica in Italia, alternativa al classicismo di Giotto e segnata da evidenti influenze francesi. L’estrema rarità delle opere del maestro conservate in raccolte private – si conosceva finora solo una preziosa tavola, già nella villa chiantigiana della pop-star Madonna – attesta la straordinaria rilevanza di questo recupero.
     
    Il Trecento italiano viene sondato attraverso l’analisi di un notevole dittico di Jacopo del Casentino, di un altarino dell’inconsueto Giovanni Gaddi – fratello maggiore di Agnolo –, un Cristo in pietà fra Santi Margherita e Giovanni dell’anonimo artista senese noto come Maestro del Trittico Richardson, e di due tavole di scuola bolognese, una Madonna addolorata e un San Giovanni Evangelista, di Lippo di Dalmasio, raro Maestro Bolognese del Trecento.
     
    Discorso a parte merita il dossale col Giudizio finale di Niccolò di Tommaso, chiara testimonianza del carattere retrospettivo e quasi ‘neobizantino’ della pittura in Toscana dopo la peste del 1348.
     
    Alla lunga stagione del Gotico Internazionale, a cavallo fra i due secoli, appartengono uno splendido altarino del fiorentino Cenni di Francesco di Ser Cenni, due delicate Madonne di Lorenzo di Bicci e una incisiva tavola con San Francesco che mostra le stimmate del senese Andrea di Bartolo; e ancora una Madonna col Bambino fra i santi Giovanni Battista e Giovanni Evangelista ad opera del pittore portoghese Álvaro Pires de Évora, attivo a lungo in Italia nel primo ‘400 e la cui vicenda personale risulta essere emblematica delle traiettorie culturali tracciate dagli artisti in questa fase.
    Allievo di Gentile da Fabriano a Venezia era verosimilmente l’anonimo artista indicato da Zeri come il ‘Maestro dell’Annunciazione Ludlow’, del quale in mostra si presenta una raffinata Madonna in trono col Bambino. Questi in laguna incarna il trait d’union tra gli artisti del Tardogotico e i maestri del primo Rinascimento, a partire da Antonio Vivarini che nella prima attività pare prendere spunto dai suoi modelli. Il Cristo in pietà di Antonio Vivarini interpreta la cultura umanistica padovana in senso schiettamente lineare, mentre l’analogo soggetto realizzato successivamente da Bartolomeo mostra come pure a Venezia, nella seconda metà del XV secolo, avesse attecchito la concezione prospettica della forma dei maestri fiorentini.
     
    Chiudono la rassegna un’intensa Crocifissione del pesarese – ma di cultura felsinea – Giovanni Antonio Bellinzoni e una deliziosa Madonna col Bambino e quattro santi del fiorentino Ventura di Moro, tavola questa della metà del Quattrocento ma Continua a leggere

  • Gli ottoni nel Novecento alla Camera del Lavoro di Milano
    Associazione Culturale Secondo Maggio-1vivilanotizia
    Gli ottoni nel Novecento alla Camera del Lavoro di Milano

    MILANO – Il Canaja Brass Quintet, che si esibirà sabato 6 novembre 2021 nell’auditorium G. Di Vittorio della Camera del Lavoro di Milano per il quinto appuntamento della nuova stagione dell’Atelier Musicale, la rassegna in bilico tra jazz, classica e contemporanea,
    organizzata dall’associazione culturale Secondo Maggio, nasce tra le mura del Conservatorio Guido Cantelli di Novara e rappresenta il segno della curiosità delle nuove leve di strumentisti per i repertori articolati, che guardano a molteplici mondi sonori.
    Lo dimostra la scelta di un programma che spazia dal rifacimento moderno di una pagina di fine Cinquecento a quelle di compositori viventi come Enrique Crespo, trombonista e compositore uruguaiano, fino a Giuseppe Garbarino, grande sostenitore delle nuove leve e musicista senza barriere culturali, passando per due icone del Novecento quali Gershwin e Berio.
    Pagine originali, diverse l’una dall’altra, caratterizzano il concerto di un organico che, nella storia della musica, non vanta una lunga tradizione, essendo nato intorno alla metà dell’Ottocento e avendo trovato uno sviluppo solo negli ultimi decenni, complice anche l’attività di gruppi di rilievo quali, tra gli altri, il Canadian Brass Quintet e l’italiano Gomalan Brass Quintet. 
     
    Il Canaja Brass Quintet, è un gruppo di giovani dalla spiccata curiosità culturale: lo testimonia la decisione di affrontare i song di Gershwin come le ardite pagine di Berio, di far rivivere il fascino del contrappunto antico di Praetorius con il mondo sudamericano e afroamericano di Crespo, giungendo infine alla versatile varietà del mondo di Garbarino.
     
    Il Canaja Brass Quintet riunisce validi strumentisti: i trombettisti Erika Patrucco e Michele Tarabbia, il cornista Federico Amari, il trombonista Nicolò Bombelli e Marina Boselli all’euphonium che si sono incontrati durante le ore del corso di Musica d’insieme per strumenti a fiato tenuto dal Maestro Giuseppe Gregori al Conservatorio Cantelli di Novara.
     
    Nei suoi tre anni di vita questa formazione si è già esibita in importanti contesti (uno fra tutti, il concerto a Palazzo Reale di Torino per la Maratona Musicale Mozartiana), dimostrandosi vitale, comunicativa e capace di far fare un piccolo ma significativo viaggio nel tempo agli ascoltatori. Ciò lo dimostra il programma che presenterà alla Camera del Lavoro di Milano, davvero singolare per l’originalità delle scelte.
     
    Programma:

    Berio: Call;
    Garbarino: For Brass (Introduzione-allegro scorrevole/Calmo, sereno/Strict tempo/Furioso);
    Praetorius (arr. Knudsvig): ances from Terpsichore (Volte (I)/Courante/Volte (II)/Bransle);
    Crespo: Suite Americana  (Ragtime/Bossa Nova/Vals Peruano/Zamba Gaucha/Son de México);
    Gershwin (arr. Gillis): Four Hits for Five.

    Concerto realizzato in collaborazione con il Conservatorio G. Cantelli di Novara.
    Dove: Camera del Lavoro, auditorium G. Di Vittorio, corso di Porta Vittoria 43, 20122 Milano.
    Quando: sabato 6 novembre 2021 ore 17.30
    Ingresso: biglietto (10 euro) con tessera associativa (5/10 euro).
    Obbligo di green pass.
    Per informazioni: 348-3591215 02-5455428.
    Email: secondomaggio@alice.it; eury@iol.it On line: www.secondomaggio.org
    Direzione e coordinamento artistico: Giuseppe Garbarino e Maurizio Franco.
    Organizzazione: associazione culturale Secondo Maggio (presidente Gianni Bombaci; vicepresidente Enrico Intra).
     
    La Redazione
    Pubblicato il 01/11/2021
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • WEmbrace Sport al Palalido Allianz Cloud Milano
    Wembrace-1vivilanotizia
    WEmbrace Sport al Palalido Allianz Cloud Milano

    Milano – Nel nuovo Palalido Allianz Cloud di Milano Bebe Vio e art4sport, Associazione fondata nel 2009 dai genitori di Bebe, danno il via a Wembrace Sport.   
    Un evento unico in programma per il 25 ottobre 2021 a partire dalle ore 19.00.
     
    Si tratta di un evento sportivo mai realizzato prima. Una serata di vero sport integrato ad altissimo livello tecnico, agonistico e spettacolare che vedrà protagonisti campioni delle Nazionali Olimpiche che competono insieme e contro campioni delle Nazionali Paralimpiche.
     
    Un evento coinvolgente che mira a sensibilizzare il mondo sul tema delle diversità come un bene unico, un diritto da tutelare.  
    Wembrace Sport dimostrerà come lo sport paralimpico sia a tutti gli effetti paragonabile a quello olimpico sia dal punto di vista della spettacolarità, che da quello emozionale e competitivo.
     
    Calcio, basket, volley e scherma saranno le discipline sportive in gara nel corso della serata, tutte nella loro versione paralimpica.  
    Un vero e proprio spettacolo sportivo che vuole abbattere le barriere del pregiudizio e svelare un mondo dove diverso è la regola.
    Non perderti una sfida spettacolare con i campioni sportivi appena tornati dalle Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo 2020!
     
    L’accesso all’evento è gratuito per le persone con disabilità e a pagamento per gli accompagnatori.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 20/10/2021
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Arriva all’Idroscalo di Milano lo Street food 2021
    Arriva all’Idroscalo di Milano lo Street food 2021

    Milano – Arriva all’Idroscalo di Milano la XV tappa della V Edizione dell’International Street food organizzato da Alfredo Orofino.
    Da giovedì 2 a domenica 5 settembre 2021
    Si tratta di un evento che porta con sé tutti i profumi ed i sapori dei piatti più famosi della cucina regionale ed internazionale.
    Il giovedì dalle ore 18, il venerdì, il sabato e la domenica dalle ore 12, chiusura alle ore 24.
     
    L’ingresso è da Porta Maggiore (Buca ovest Via circonvallazione idroscalo 37).
    La manifestazione giunta alla sua quindicesima tappa ha riscosso molto successo del pubblico, che ha accolto con molto entusiasmo questo tour.
     
    Sono arrivati in molti, per gustare le prelibatezze cucinate dai protagonisti di questo Festival, gli chef su strada, che difendono con caparbietà e orgoglio i loro street food, all’insegna di tutti i cibi migliori di strada.
     
    In questa tappa ci saranno 25 stand, 20 di food e 5 di birra. Sarà possibile assaggiare gli arrosticini abbruzzesi, le bombette pugliesi, il lampredotto toscano, il coppo di pesce napoletano, le prelibatezze dell’hamburgheria gourmet italiana, tutta carne italiana come la scottona e la chianina, la puccia pontina proveniente da Latina, la cucina messicana, quella argentina e la paella valenciana. Saranno presenti anche un truck con prodotti siciliani provenienti da Palermo, con gli arancini, il pane ca’meusa, i cannoli, la cassata e un banco pugliese con le orecchiette di grano arso, la burrata ed il famoso dolce pasticciotto il tutto proveniente da Lecce. 
     
    Non mancheranno oltre ai birrifici italiani, anche quelli stranieri provenienti dalla Repubblica Ceca, dall’Inghilterra e dalla Germania.
    Tanti ristoranti itineranti, chef qualificati pronti a stupire con le particolarità e la qualità della loro cucina.
    Eccellenza, originalità, tradizione e pulizia sono le parole d’ordine per ogni tappa di questo festival.
    Nello stesso posto è possibile gustare prodotti di paesi diversi, di posti lontani ed essere avvolti da tanti
    profumi e sapori.
     
    Un appuntamento culinario di grande originalità per le cucine internazionali presenti, non tralasciando mai l’attenzione alle realtà gastronomiche regionali provenienti da tutta Italia.
    “Siamo felici del successo che i nostri chef stanno riscuotendo, la cucina ed il cibo di strada, fanno parte della nostra cultura. L’entusiasmo della gente che è accorsa numerosa ci ha riempito il cuore di gioia” afferma Alfredo Orofino, organizzatore dell’International Street Food, soprannominato il re dello street food e presidente dell’A.I.R.S. Associazione Italiana Ristoratori di Strada.
     
    Il Festival del cibo di strada è organizzato seguendo tutte le normative a tutela della sicurezza e della salute di chi vorrà immergersi in questa gustosa esperienza.
    Gli chef vi aspettiamo, muniti di green pass, ma soprattutto affamati…
    Dopo Milano seguiranno moltissime altre tappe in tutta Italia
     
    La Redazione
    Pubblicato il 02/09/2021
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • La Paniscia vince a un concorso fotografico
    La Paniscia vince a un concorso fotografico

    Novara – Dopo il successo della prima edizione del 2020, ritornano nel mese di ottobre i “Paniscia days“, tre giorni dedicati alla paniscia, il piatto novarese per eccellenza, con una grande novità: il concorso fotografico che mette in palio per i vincitori cene nei ristoranti di Novara e provincia e la possibilità di salire sulla Cupola di San Gaudenzio.
     
    Organizzata da Fipe Confcommercio Alto Piemonte, la rassegna prevede per tre giorni, il 21, 22 e 23 ottobre 2021, menu al prezzo fisso di 25 euro in una ventina di ristoranti di Novara e provincia.
    Un’iniziativa che vuole sostenere la ristorazione e, nel contempo, promuovere i prodotti locali e la tradizione, valorizzando quell’identità che tanto sta a cuore ai novaresi.
     
    Gli organizzatori hanno quindi pensato di unire i due obiettivi in un concorso fotografico a partecipazione gratuita che consentirà di vincere cene ai Paniscia days e salite sulla Cupola di San Gaudenzio.
     
    Le fotografie dovranno avere quale tema “tradizione” e “identità”: paesaggi, monumenti, oggetti, eventi, persone, enogastronomia e ogni altro aspetto che rappresenti e valorizzi Novara e il territorio novarese liberamente interpretati dagli autori.
     
    Ogni partecipante al concorso potrà inviare fino a un massimo di 5 fotografie, ciascuna corredata di un titolo e di una breve didascalia, oltre a indicare nome, cognome e recapito telefonico alla mail panisciadays@yahoo.com.
     
    Tra tutte le fotografie arrivate entro il 30 settembre 2021 una giuria di esperti individuerà quelle che meglio rappresentano lo spirito della “novaresità”.
    Saranno premiate cinque fotografie: gli autori delle prime tre classificate vinceranno una cena per due persone in uno dei locali che partecipano ai Paniscia days, il quarto e il quinto classificato vinceranno una salita sulla Cupola di San Gaudenzio.
    Il regolamento nel sito www.ascomnovara.it, info ai numeri 0321 614410 /349 2874518.
    La Redazione
    Pubblicato il 01/09/2021
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Crociere in notturna per rilanciare il lago di Como
    Crocera notturna lago Como-1Vivilanotizia
    Crociere in notturna per rilanciare il lago di Como

    Como – Una fantastica opportunità di scoprire le bellezze del lago di Como attende i turisti, che da fine agosto fino a metà settembre, avranno l’opportunità di ammirare in notturna paesaggi da favola a bordo dei battelli della Navigazione Laghi.
     
    Gli scenari da cartolina dei borghi affacciati alla costa, accarezzati dalle acque tranquille del lago di Como, saranno illuminati da luci colorate regalando ai passeggeri atmosfere da sogno.
     
    Filo conduttore del Lake Como Summer Light saranno infatti i giochi di luce verde e rossa che riflettendo nello specchio lacustre del Lario cattureranno lo sguardo dei turisti in navigazione. 
     
    L’itinerario coinvolge ben 34 borghi nei giorni del 20 agosto, 3 e 24 settembre 2021
    Prima crociera il 20 agosto 2021 con un viaggio alla scoperta dei paesini dell’Alto Lago, la partenza é da Bellagio alle 21 per fare tappa a Menaggio, Varenna e Domaso.  
     
    Il 3 settembre 2021 la crociera prevede il ramo di Lecco, sempre con partenza da Bellagio alle 21 per fare tappa a Varenna e Lecco.  
     
    Il 24 settembre 2021 sarà la volta del ramo di Como, con partenza alle 20.45 da piazza Cavour per raggiungere Tremezzo godendo della suggestiva bellezza dei borghi illuminati affacciati al lago.  
     
    Per rendere ancora più piacevole e indimenticabile la crociera in notturna sul lago di Como sono stati installati più di 80 nuovi fari grazie alla collaborazione tra Navigazione Laghi, Camera di Commercio di Como e Lecco, le associazioni di categoria degli albergatori e i Comuni che con il Consorzio Como Turistica, grazie all’importante sponsorizzazione dell’associazione Amici di Como.  
     
    I turisti a bordo del battello potranno scaricare l’App realizzata da Consorzio Como Turistica che renderà il viaggio ancora più interessante. Avvicinandosi alla costa un segnale avviserà l’utente che si trova di fronte a uno dei borghi coinvolti dall’iniziativa, in questo modo egli potrà visualizzare le immagini, le descrizioni e la storia della location per un’esperienza interattiva a 360 gradi.  
     
    Per informazioni e per le iscrizioni alle singole crociere visitare il sito di Navigazione Laghi e quello del Consorzio Como Turistica.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 12/08/2021
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Ricco programma per Ossola Guitar Festival
    Ossola Guitar Festival-1 vivilanotizia
    Ricco programma per Ossola Guitar Festival

    Provincia VCO – L’Ossola Guitar Festival, la storica iniziativa dedicata alla chitarra, compie 25 anni imponendosi sul panorama culturale provinciale per il suo programma ampio e articolato.
     
    Dodici concerti dal 20 luglio all’8 agosto 2021.
     
    Sotto la direzione artistica di Salvatore Seminara, la chitarra farà come sempre da filo conduttore in progetti musicali molto variegati che la vedono dialogare con strumenti e voci di diversa estrazione: dalla classica al flamenco, dalla canzone italiana alla tradizione napoletana, dai colori del Sud America alla grande musica del cinema italiano.
     
    Sono questi alcuni dei progetti musicali che si susseguiranno sul palcoscenico itinerante dell’Ossola Guitar Festival che prenderà il via il 20 luglio al Castello di Vogogna con l’atteso ritorno del Mascara Quartet, gruppo sloveno noto per le sue intense interpretazioni delle affascinanti melodie argentine e portoghesi.
     
    Il Festival si sposterà poi a Craveggia col Duo Lucini-Falloni (chitarra e pianoforte), Cardezza che ospiterà il Duo Renda-Trucco, Masera con il progetto “…e ricominciò il suo canto…” dedicato ai cantautori italiani col gruppo capitanato da Elisa Marangon e la partecipazione di Roberto Olzer.
     
    Il 27 luglio si farà tappa sulla terrazza della Baita Motti a Domobianca col concerto dell’ungherese Venti Chiavi Guitar Trio, distintosi nel 2019 al Concorso Internazionale “Paola Ruminelli” organizzato nell’ambito dello stesso Festival insieme all’omonima Fondazione domese.
     
    La piazza del Municipio di Domodossola il 29 luglio accoglierà le note flamenche del celebre chitarrista Carlos Piñana in trio.
     
    Si proseguirà poi a Ornavasso con un gruppo dalla Repubblica Ceca, Cannobio (unica tappa fuori Ossola), Borgomezzavalle con una produzione originale tutta italiana e poi Mergozzo, Bognanco e Varzo dove il Quintetto Cabiria chiuderà il cartellone con un omaggio a Ennio Morricone e Nino Rota.
     
    Tutti i concerti sono ad ingresso libero e si svolgeranno nel rispetto della normativa anti contagio da Covid-19.
     
    La prenotazione è necessaria attraverso il sito del Festival dove nelle pagine dei singoli concerti sono predisposti gli appositi moduli. Chi non potesse assistere ai concerti dal vivo potrà farlo in diretta sul canale Facebook o sul sito. Gli spettatori potranno inoltre cenare a condizioni vantaggiose presso i ristoranti convenzionati col Festival.
     
    A caratterizzare la comunicazione di quest’anno è l’illustrazione di Giovanni Zuanelli di Rovereto, opera digitale vincitrice del 9° Concorso appositamente indetto da Artexe che anche questa volta ha richiamato la partecipazione di artisti dei vari ambiti dell’arte figurativa (pittori, scultori, fotografi e web designer) provenienti da ogni dove.
     
    L’Ossola Guitar Festival è come sempre organizzato dall’Associazione Culturale Artexe con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore dal 2010), il contributo della Fondazione CRT, il patrocinio della Fondazione Cariplo e il contributo delle amministrazioni e sponsor locali.
     
    Tutti i concerti si terranno alle ore 21; in alcuni casi è previsto anche un turno concertistico alle ore 18. Ogni altra informazione è disponibile sul sito www.ossolaguitarfestival.com 
     
    La Redazione
    Pubblicato il 14/07/2021
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Dante celebrato in Lombardia con DanteDì
    Dantedì-1vivilanotizia
    Dante celebrato in Lombardia con DanteDì

    Lombardia – Anche le biblioteche della Lombardia celebrano il sommo poeta Dante Alighieri con echi della Divina Commedia.
    La Divina Commedia nella voce del poliedrico dantista italiano Vittorio Sermonti pervade tutta Italia in occasione del settecentenario della morte di Dante Alighieri. E’ infatti nell’ambito dell’iniziativa
     
    Dante on Air promossa dalla casa editrice Emons Libri & Audiolibri, che il 25 marzo 2021 in occasione del DanteDì, anche le biblioteche diventano cassa di risonanza delle parole del padre della lingua italiana. Per celebrare i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta Dante Alighieri, molte città italiane risuoneranno dei suoi versi e sarà possibile ascoltare nei luoghi più inusuali alcuni estratti dell’audiolibro “La Divina Commedia raccontata e letta da Vittorio Sermonti”.  
     
    Il mondo delle biblioteche, in particolare, ha raccolto da subito e con grande entusiasmo l’iniziativa, diventando partecipe di un’operazione nuova e senza precedenti. CSBNO Culture Socialità Biblioteche Network Operativo, che coordina 60 biblioteche in Lombardia, è tra le molte realtà che in tutta Italia hanno aderito al progetto per il DanteDì. Grazie al network Rete delle Reti, che conta ben 31 sistemi bibliotecari in tutta Italia e di cui CSBNO è membro e co-fondatore, molte sono anche le altre realtà bibliotecarie che parteciperanno.
     
    Ed ecco che magari entrando in biblioteca per ritirare il libro prenotato, si potrà essere accolti dalla voce del grande Vittorio Sermonti che legge i versi di Dante. Seppur con modalità di accesso contingentato, le biblioteche infatti restano aperte anche in zona rossa. Gli estratti dell’audiolibro saranno inoltre disponibili sul sito di CSBNO e attraverso i social network.  
     
    In tutta Italia tante sono le realtà che hanno aderito all’iniziativa: le terzine dantesche verranno riproposte anche in luoghi inusuali per la letteratura, come centri commerciali, mezzi pubblici e luoghi storici.   
     
    La Redazione
    Pubblicato il 22/3/2021
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Vaccino anti-Covid per la Polizia locale di Milano
    Vaccino-1vivilanotizia
    Vaccino anti-Covid per la Polizia locale di Milano

    Salute -Lombardia – Non solo campagna vaccinale anti – Covid per gli over 80, già iniziata giovedì 18 febbraio 2021 con le prime dosi e arrivata a 3832 somministrazioni, parte lunedì 22 febbraio 2021 anche la vaccinazione anti -Covid per la Polizia locale della regione Lombardia.
     
    Primi ad essere vaccinati gli agenti della Polizia Locale di Milano per poi passare agli altri comuni lombardi.
     
    Il Centro vaccinale rimane quello del Policlinico ubicato in Fiera a Milano.
    Questo quanto comunicato da Riccardo De Corato, assessore regionale alla Sicurezza, che non manca di sottolineare l’importanza del ruolo degli agenti in una situazione come quella che attualmente viviamo, legata alla pandemia.
     
    Il ringraziamento è riconosciuto per il lavoro inteso, svolto non solo per il mantenimento della sicurezza, ma anche per la gestione dell’emergenza legata al diffondersi del contagio da Covid-19   
     
    La Redazione
    Pubblicato il 22/2/2021
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Storiegiovani, la rubrica Instagram di Regione Lombardia
    Storie Giovani-1vivilanotizia
    Storiegiovani, la rubrica Instagram di Regione Lombardia

    Regione Lombardia – Scuola –Storiegiovani è la nuova iniziativa lanciata a partire dal 4 Febbraio 2021 da Regione Lombardia sulla piattaforma social Instagram, che prevede due appuntamenti settimanali con i ragazzi e le ragazze del territorio invitati a partecipare con la loro creatività e a proporre contenuti riguardanti la realtà della loro Regione.
     
    Qui i ragazzi troveranno anche tantissime informazioni, iniziative e bandi regionali a loro dedicati. Si creerà un canale diretto con i giovani, importante per Regione Lombardia che potrà raccogliere le loro opinioni legate alle tematiche giovanili.” Così spiega Stefano Bolognini, assessore regionale allo Sviluppo della Città metropolitana, Giovani e Comunicazione, che punta a stimolare la partecipazione e la creatività di giovani ragazzi e ragazze.
     
    Le storie verranno pubblicate sul profilo ufficiale Instagram di Regione Lombardia due volte la settimana.
     
    Saranno visualizzabili per 24 ore dal momento del lancio. Il primo appuntamento è per le ore 18.30 di giovedì 4 febbraio 2021 con il tema la kermesse dal titolo ‘Y20 Summit’, tavolo di lavoro in cui i giovani possono esprimere la propria visione su temi quali la sostenibilità, l’inclusione e la digitalizzazione. E in cui possono elaborare in prima persona delle proposte da sottoporre ai leader mondiali del G20.
     
    Tramite, quindi, la storia Instagram, i ragazzi potranno candidarsi a rappresentare l’Italia al summit che si svolgerà a Milano nel mese di luglio 2021.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 4/1/2021
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Busto Arsizio non rinuncia alla tradizionale Giobia
    Giobia busto arsizio-1vivilanotizia
    Busto Arsizio non rinuncia alla tradizionale Giobia

    Busto Arsizio (VA) – Nonostante l’emergenza sanitaria causata dalla grave pandemia da Covid-19, Busto Arsizio non rinuncia alla secolare tradizione della Giöbia, festa popolare tra le più attese e amate dai bustocchi, che quest’anno 2021 cade il 28 gennaio.
     
    L’Amministrazione Comunale ha deciso di organizzare la giornata con modalità differenti rispetto al solito, insieme al mondo del commercio e alle associazioni che abitualmente si occupano di tramandare la tradizione il falò propiziatorio della Giobia, che scaccia l’inverno per lasciare il posto al risveglio primaverile, allontanando i guai dell’anno passato.
     
    La festa, data la particolare situazione sanitaria, non potrà essere vissuta nelle consuete forme pubbliche e questo ovviamente nell’assoluto rispetto delle norme di prevenzione del contagio.  
     
    Per cui non sarà organizzata alcuna manifestazione nelle piazze e nelle vie, ad eccezione di un momento simbolico, in programma in piazzale Piemonte, dove, a partire dalle ore 18,30 e alla sola presenza della autorità, verranno bruciate le Giöbie preparate da alcune associazioni cittadine.  
     
    La mattina del 28 gennaio, i fantocci saranno posizionati, come da consuetudine, in piazza Santa Maria.
     
    L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sul canale Facebook Città di Busto Arsizio, in modo da permettere alla cittadinanza di partecipare, seppur a distanza.
    Sarà purtroppo necessario rinunciare anche al tradizionale momento conviviale che gli anni scorsi vedeva migliaia di cittadini partecipare alla degustazione del piatto della tradizione, il risotto con la luganiga.
    La festa dovrà quindi essere vissuta in famiglia, con il supporto di alcune proposte che l’Amministrazione, in particolare il sindaco Emanuele Antonelli e gli assessori Manuela Maffioli (Identità, Cultura e Sviluppo del Territorio) e Paola Magugliani (Grandi Eventi), stanno predisponendo sui canali social e sul sito del Comune.
     
    Sul sito istituzionale della Città di Busto Arsizio si potrà trovare una sezione speciale cliccando il pulsate BA Cultura e Identità che accompagnerà l’utente alla scoperta delle origini della Giobia e di come si festeggiava in città. Un viaggio virtuale nella tradizione, ricco di aneddoti, curiosità, virtual gallery sulla festa che accompagna la storia dei bustocchi.
     
    Sulla pagina Facebook “Città di Busto Arsizio” si potrà mettere un like a tutti i disegni arrivati dai bambini, che hanno partecipato al concorso DISEGNO#LAMIAGIOBIA
    Anche le associazioni, da sempre il cuore pulsate della festa hanno pensato per questa Giobia 2021 a qualcosa di diverso, come per esempio la sezione cittadina del Club Alpino Italiano, che rinuncia alla realizzazione della Giobia, ma, per mantenere viva la tradizione, realizzerà una edizione speciale del “PREALPINO” dedicato alla Giobia 2021.
     
    L’associazione Noi del Tosi propone invece per mercoledì 27 gennaio 2021 alle ore 18.30 due ore di live cooking con uno chef del Gambero Rosso che cucinerà risotto con la luganiga e chiacchiere fritte.  Iscrizioni obbligatorie su http:/iscrizioni.noideltosi.it/gioeubia21/
     
    Per restare in tema di cucina, anche commercianti e associazioni propongono i piatti della tradizione. In particolare alcune macellerie della città applicano uno sconto del 20% sull’acquisto di bruscitti e salsiccia indispensabili per cucinare le ricette del giorno della Giobia. Alcuni ristoratori poi inseriranno nel menù dell’ultimo giovedì di gennaio i piatti tipici da asporto o da consegnare a domicilio, mentre il Club Borsanese Folclore e Sport organizza un home delivery dedicato alla festa, con consegna a domicilio di polenta e bruscitti e frittelle dolci al costo di 10 euro a porzione.
    Per cui scacciamo i guai di questo difficile anno con la festa della Giobia e ricominciamo a vivere!
     
    Pubblicato il 26/1/2021
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • In Lombardia a scuola di economia con i Lego
    Economia e famiglia-1vivilanotizia
    In Lombardia a scuola di economia con i Lego

    Lombardia – Scuola – ANCI Lombardia, Regione Lombardia e FEduF, la Fondazione per l’educazione finanziaria, stanno avviando iniziative di collaborazione per favorire l’uso consapevole e responsabile del denaro e la diffusione di competenze di cittadinanza economica, coinvolgendo giovani e famiglie attraverso approcci divulgativi, innovativi e non specialistici, grazie anche alla partecipazione di autori, docenti universitari e divulgatori lombardi operanti in Lombardia, che propongono idee e strumenti per educare giocando anche con i mattoncini Lego.
     
    L’evento si inserisce nell’ambito del progetto “Te la racconto io l’economia!” a cura della fondazione per l’educazione finanziaria e al risparmio con il contributo di Regione Lombardia
     
    La FEduF è una fondazione che persegue scopi di utilità sociale promuovendo l’educazione finanziaria in un’ottica educativa, consapevole e attiva.
     
    Per le scuole, la FEduF opera in stretta collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e con gli Uffici Scolastici Regionali, diffondendo programmi e strumenti innovativi nelle forme e nei contenuti.
     
    La sua attività si rivolge anche agli adulti, con iniziative ed eventi dedicati. Proprio a questo proposito sono stati organizzati due incontri on line, aperti a genitori, nonni, educatori, insegnanti e a tutti i giovani e adulti interessati alla materia.
     
    Il primo viene realizzato in collaborazione con il Comune di Varese e si terrà Lunedì 30 novembre 2020 dalle ore 17.00 alle ore 18.00.
    Il secondo viene realizzato in collaborazione con il Comune di Milano e Città Metropolitana e si terrà Martedì 1° dicembre 2020 dalle ore 17.00 alle ore 18.00
     
    Per assistere agli incontri online è possibile collegarsi alla pagina social della FEduF all’indirizzo www.facebook.com/EconomiAscuola
     
    La Redazione
    Pubblicato il 25/11/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • La Lombardia tra ordinanza e nuovo Dpcm.
    Milano deserta-1vivilanotizia
    La Lombardia tra ordinanza e nuovo Dpcm.

    Salute – Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato nel corso della notte tra sabato e domenica il nuovo Dpcm con le misure restrittive anti-Covid, entrato in vigore lunedì 26 ottobre 2020 e in vigore fino al 24 novembre 2020.
     
    Stop alle ore 18 per bar e ristoranti, anche la domenica e i festivi. Stop a palestre, piscine, teatri, cinema, impianti sciistici e sale giochi.  La scuola rimane in presenza per materne, primarie e medie, mentre alle superiori, didattica a distanza fino al 75%. Non c’è invece la chiusura dei confini regionali. I centri commerciali resteranno aperti nel weekend. 
     
    Regione Lombardia deve però fare i conti anche con i provvedimenti presi da Attilio Fontana e già in vigore da giovedì 22 ottobre 2020.
    Ecco allora che i cittadini residenti in Lombardia devono mettere insieme i due provvedimenti e attenersi non solo alle limitazioni dettate dal Premier Conte, ma anche dai provvedimenti messi in atto dal Presidente di regione Lombardia.
     
    L’insieme delle due misure di contenimento al contagio da Covid-19 prevede per i lombardi
    Stop a spostamenti dalle 23 alle ore 05 di ogni giorno. Consentiti solo spostamenti motivati, con autodichiarazione, da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o d’urgenza o per motivi di salute. Raccomandazione di non spostarsi, sia con mezzi pubblici o privati, salvo per necessità legate al lavoro, salute, studio e situazioni di necessità. Sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza.
     
    Sabato e domenica chiusura grandi strutture di vendita, chiusi negozi all’interno dei centri commerciali.  Apertura consentita solo per gli esercizi commerciali per la vendita di alimenti e prodotti per animali domestici, prodotti cosmetici e per l’igiene personale, per l’igiene della casa, piante e fiori e relativi prodotti accessori, nonché alle farmacie, alle parafarmacie, alle tabaccherie e monopoli.  Obbligo di esporre all’esterno degli esercizi commerciali cartello con numero massimo di persone consentite all’interno. 
     
    Stop a fiere e sagre.   Raccomandazione dell’utilizzo della modalità dello smart working da parte dei datori di lavoro privati. Per le scuole secondarie di secondo grado (superiori) e istituti professionali, obbligo didattica a distanza.
     
    Chiusura alle ore 18 di bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie. Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, solo se non conviventi.  Consentita ristorazione con consegna a domicilio, e fino alle 23 asporto o modalità drive-trough.  Stop distributori automatici H24 di alimenti e bevande dalle ore 18 alle ore 5. Vietato sempre il consumo di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione nelle aree pubbliche compresi parchi, giardini e ville aperte al pubblico.  Divieto di consumare cibi e bevande in luoghi pubblici o aperti al pubblico dopo le ore 18
     
    Consentita attività sportiva e motoria all’aperto e mantenendo distanziamento di sicurezza di almeno 2 metri. Sospesa attività di piscine, palestre, centri natatori, centri benessere, centri termali. Sospesi eventi e competizioni sportive. Consentiti solo eventi di carattere nazionale (sia professionistici che dilettantistici). 
     
    Chiusi gli impianti sciistici. Consentita attività sportiva e attività motoria, all’aperto o presso circoli e centri sportivi (tranne che per palestre e piscine) solo rispettando distanziamenti di sicurezza ed evitando assembramenti. Sospeso tutto lo sport di contatto (fatto salvo eventi nazionali), anche attività sportiva dilettantistica di base.
     
    Sospese attività dei parchi tematici e di divertimento. Chiuse sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò. Sospesa l’attività in teatri, cinema e concerti.  Sospesi convegni e congressi. Sospese le attività in sale da ballo e discoteche, all’aperto o al chiuso.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 26/10/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Le misure restrittive della Regione Lombardia
    Ordinanza-1vivilanotizia
    Le misure restrittive della Regione Lombardia

    Salute – Gli ultimi provvedimenti presi da Regione Lombardia per contenere il contagio del Coronavirus entrano in vigore da giovedì 22 ottobre 2020 fino al 13 novembre 2020.
    Ecco in sintesi le nuove misure approvate nell’Ordinanza Ministeriale d’intesa con Regione Lombardia
     
    Limitazioni agli spostamenti dalle 23 alle 5.  Sono consentiti soltanto gli spostamenti motivati da esigenze lavorative, situazioni di necessità, situazioni di urgenza o motivi di salute. Per giustificare gli spostamenti sarà necessario esibire una autodichiarazione.
     
    Il Presidente Attilio Fontana ha inoltre firmato la nuova Ordinanza n. 623, che aggiorna ed integra i contenuti dell’Ordinanza n. 620 del 16 ottobre.
     
    Nei weekend, chiusura per grandi strutture di vendita e centri commerciali tranne per i servizi essenziali. Restano invece aperti, anche il sabato e la domenica, i negozi che vendono: generi alimentari, alimenti e prodotti per animali domestici, prodotti cosmetici e per l’igiene personale, prodotti per l’igiene della casa, piante e fiori e relativi prodotti accessori. Rimangono aperte anche farmacie, parafarmacie, tabaccherie e rivendite di monopoli.
     
    Cartelli informativi, ingressi limitati e rispetto delle distanze per negozi, bar e ristoranti
    Stop a sagre e fiere locali. Consentiti gli eventi fieristici di carattere nazionale e internazionale nel rispetto dei protocolli
     
    Somministrazione di alimenti e bevande consentita dalle 5 alle 23 con servizio al tavolo e fino alle 18 al banco. Con la chiusura degli esercizi pubblici all’ora stabilita deve cessare ogni somministrazione e va effettuato lo sgombero del locale, resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio, mentre la ristorazione con asporto o con modalità ‘drive-through’ (servizio in automobile) è consentita fino alle ore 23.00, con divieto di consumare sul posto o nelle vicinanze; sono chiusi i distributori h24 di bevande e alimenti confezionati dalle ore 18.00 alle ore 5.00 (solo se con accesso dalla strada); è vietata dalle ore 18.00 alle ore 5.00 la consumazione di bevande su aree aperte al pubblico; è sempre vietato il consumo di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione nelle aree pubbliche compresi parchi, giardini e ville aperte al pubblico.
     
    Sport: sono sospese tutte le gare e le competizioni riconosciute di interesse regionale, provinciale o locale dal CONI, dal CIP e dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate ed enti di promozione sportiva.
    Gli allenamenti e la preparazione atletica possono essere svolti individualmente. Le società e le associazioni dilettantistiche devono garantire il rispetto delle misure di prevenzione, tra cui il mantenimento di almeno due metri di distanza tra ciascuna persona.
     
    Scuola Dal 26 ottobre 2020 didattica a distanza al 100% per le scuole secondarie di secondo grado esclusi i laboratori che rimarranno in presenza. Per le altre scuole superiori raccomandati ingressi scaglionati.  
     
    Restano valide le seguenti disposizioni:
    Stop a sale giochi, scommesse, bingo e ai giochi tipo “slot machine”
    Divieto di accesso alle RSA da parte di famigliari e conoscenti se non espressamente autorizzato dal responsabile medico ovvero referente COVID-19 della struttura
     
    La Redazione
    Pubblicato il 22/10/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Covid-19: nuove misure illustrate da Conte domenica 18 ottobre
    Ultimo DPCM-1vivilanotizia
    Covid-19: nuove misure illustrate da Conte domenica 18 ottobre

    Salute – A pochi giorni dall’ultimo decreto anti Covid-19, Il Premier Conte elenca alla stampa le nuove misure di contenimento al contagio decise, dopo una lunga riunione del Governo con i rappresentanti delle Regioni. Ancora un giro di vite alla movida e riorganizzazione delle scuole per evitare caos sui mezzi di trasporto, coprifuoco solo in casi particolare e su decisione degli enti locali.
     
    Ecco in sintesi le nuove disposizioni illustrate da Conte durante la conferenza stampa di domenica 18 ottobre alle 21.30
     
    I sindaci potranno decidere la chiusura dopo le ore 21 di vie e piazze dove si creano assembramenti, con accesso consentito solo per attività commerciali e residenti.
     
    Le attività dei servizi di ristorazione – e quindi bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie – sono consentite dalle ore 5 del mattino sino alle ore 24 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo, e sino alle ore 18 in assenza di consumo al tavolo.
     
    Chiusura alle 18 anche dei distributori di bevande e alimenti 24h.
     
    Il ristorante deve esporre all’ingresso del locale un cartello con il numero massimo delle persone ammesse contemporaneamente nel locale.
     
    Nessuna limitazione per ristorazione in ospedali, aeroporti e autostrade.  
     
    Attività delle sale gioco limitata fino alle 21
     
    Le scuole primarie e secondarie continuano in presenza, ma per i licei, istituti tecnici e tutte le scuole secondarie di secondo grado sono favorite modalità più flessibili di organizzazione didattica. Ingressi scaglionati a partire dalle ore 9, per evitare il rischio di assembramenti sui mezzi pubblici nelle ore di punta e possibili turni pomeridiani.  
     
    Le università posso attuare piani di organizzazione della didattica in funzione delle specifiche esigenze.
     
    Vietati sport di contatto a livello amatoriale, e gare e competizioni delle attività dilettantistiche base
     
    Consentite attività sportive individuali  
     
    Vietate sagre e fiere locali, consentite attività fieristiche nazionali ed internazionali
     
    Sospesi convegni e congressi, se non a distanza
     
    Nelle pubbliche amministrazioni tutte le riunioni saranno effettuate a distanza, salvo motivate ragioni
     
    Saranno incrementate le modalità di smart working
     
    Palestre e piscine: viene data una settimana per adeguare protocolli di sicurezza.  In questo caso non ci saranno chiusure, che scatteranno in caso contrario a partire dalla prossima settimana.
     
    Le norme entrano in vigore oggi, 19 ottobre. Fanno eccezione le norme che riguardano la scuola per permettere alle scuole di attuare una riorganizzazione rafforzano la didattica a distanza e gli orari scaglionati alle superiori.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 19/10/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Ville Aperte in Brianza edizione 2020
    Ville aperte 1-vivilanotizia
    Ville Aperte in Brianza edizione 2020

    Monza-Brianza- Ville Aperte Brianza apre le sue dimore per l’edizione 2020 ormai giunta al diciottesimo anno nei week-end 26 e 27 settembre e 3 e 4 ottobre con ben 140 siti aperti tra pubblici e privati.
     
    L’iniziativa proposta ogni anno nel territorio brianzolo propone una serie di giornate itineranti dedicate alla riscoperta di un patrimonio artistico sorprendente, talvolta poco conosciuto, che testimonia i fasti di un passato in cui l’aristocrazia milanese sceglieva la Brianza come luogo di villeggiatura campestre.  
     
    In occasione di Ville aperte sono aperti al pubblico i siti normalmente accessibili e anche quelli privati: palazzi signorili, antiche rocche, parchi e giardini all’italiana e all’inglese, basiliche e oratori.  
     
    I visitatori vengono accompagnati all’interno degli spazi da guide esperte che ne illustrano la storia, le caratteristiche architettoniche e le curiosità. La narrazione è l’elemento che contraddistingue il percorso, ravvivato da momenti di intrattenimento: esibizioni musicali e corali, eventi, mostre e performance teatrali per raccontare in modo coinvolgente episodi legati alla storia delle antiche dimore e del patrimonio storico, artistico, architettonico e culturale del territorio.
     
    Le prenotazioni sono già aperte, attraverso il sito www.villeaperte.info
    Maggiori informazioni anche sulla pagina Facebook
    https://www.facebook.com/ProvinciaMonzaBrianza
     
    La Redazione
    Pubblicato il  24/09/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Riapertura scuole: indicazioni di Regione Lombardia
    Scuola 1-vivilanotizia
    Riapertura scuole: indicazioni di Regione Lombardia

    Scuola – Per le famiglie al rientro dalle vacanze, organizzarsi con l’imminente inizio dell’anno scolastico non è mai semplice tra zaini, diari, astucci, libri di testo e materiale scolastico. Quest’anno poi si aggiungono anche le regole di prevenzione per evitare il diffondersi del contagio da Covid-19 e la preoccupazione aumenta ancora di più quando si tratta di bambini della scuola dell’infanzia.
     
    La Regione Lombardia ha disposto le linee guida per un corretto comportamento di adulti e bambini alla riapertura delle scuole.
     
    Il Presidente di Regione Lombardia ha firmato l’Ordinanza n. 596 del 13 agosto che dispone le indicazioni per i servizi educativi e scuole dell’infanzia fissando la data di avvio delle lezioni per le scuole dell’infanzia al 7 settembre 2020 e al 14 settembre per tutti gli ordini e gradi e per i percorsi di istruzione e formazione professionale, con possibilità di avvio anticipato da parte delle istituzioni scolastiche e formative.
     
    Per i servizi educativi per la prima infanzia (fascia 0-3 anni) e per le scuole dell’infanzia (fascia 3-6 anni) viene fortemente raccomandata la rilevazione della temperatura nei confronti del personale, genitori o accompagnatori e dei bambini prima dell’accesso alla sede.
     
    Cosa fare in caso di temperatura superiore ai 37.5°C?
    In caso di temperatura superiore ai 37.5°C per il minore o per il genitore – accompagnatore non sarà consentito l’accesso e quest’ultimo sarà informato della necessità di contattare il medico curante proprio o del bambino.
    Anche in caso di febbre del genitore – accompagnatore, il minore non potrà accedere al servizio. Per gli operatori vale invece quanto previsto dal par. 1.3 dell’Ordinanza riguardante la rilevazione della temperatura corporea sui luoghi di lavoro.
     
    In caso di sintomi riconducibili a infezione Covid-19 (es. tosse, raffreddore, congiuntivite, febbre) da parte del personale o dei minori durante l’orario scolastico sarà messo in atto un momentaneo isolamento informando la famiglia, se minore, con invito a rientrare presso il proprio domicilio e a contattare il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta. 
     
    La scuola o il gestore del servizio educativo e la famiglia interessata riceveranno indicazioni dall’Agenzia di Tutela della Salute territorialmente competente.
    In caso di positività a Covid-19 l’adulto o il minore non potranno rientrare a scuola fino ad avvenuta e piena guarigione certificata.
     
    La Redazione
    Pubblicato il  14/08/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Agosto con la rassegna Lido Milano Live 2020
    Lido Milano Live 1-vivilanotizia
    Agosto con la rassegna Lido Milano Live 2020

    Milano -Stare a Milano nel caldo mese di agosto in un’estate 2020 un po’ particolare, non è del tutto male. Le iniziative di intrattenimento e svago si moltiplicano e le offerte per il tempo libero accontentano tutti i gusti, tra queste merita di essere citata la rassegna Lido Milano Live 2020.
     
    Si tratta di un progetto sociale e artistico-culturale di Retake Milano pensata soprattutto per i cittadini che trascorreranno l’estate in città dopo i difficili mesi del lockdown.
     
    Fino al 31 agosto 2020, le serate al Lido di Milano in Piazzale Lotto 15, saranno animate da un ricco calendario di appuntamenti: proiezioni cinematografiche selezionate dalla Cineteca di Milano, con la magia del CINEMOBILE. Ecco la novità: un furgone Fiat dotato di proiettore e impianto sonoro. Ma non solo, tante serate di musica jazz, indie/pop/rock e classica, con artisti professionisti, cantautori e orchestrali, tra cui diverse formazioni di strumentisti e cantanti del Teatro alla Scala, tutti introdotti da sketch di cabaret degli allievi dell’Accademia del Comico.
     
    Il costo del biglietto è di euro 5, ma attenzione Lido Milano Live 2020 aderisce a Teatro, Cinema, Concerti… in BICI biglietto ridotto. L’iniziativa prevede che a tutti coloro che, recandosi al Lido di Milano in bicicletta, condivideranno il messaggio culturale per una mobilità sostenibile, specie nell’area urbana, previa prenotazione a biglietteria@aragorn.it è riservato un biglietto ridotto di 2,50 euro, per musica, cabaret e cinema. Alla biglietteria si dovrà presentare la chiave del lucchetto della propria bici, la luce di posizione oppure la schermata del percorso effettuato dal bike sharing.
    Una volta giunti al Lido di Milano in Piazzale Lotto, 15 (MI) è possibile legare la bicicletta all’interno della struttura di Milanosport.
    Per informazioni e prenotazioni: lidomilanolive@retakemilano.org +39 3517830199
     
    La Redazione
    Pubblicato il  12/08/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Rimborsi Atm per gli abbonamenti inutilizzati
    ATM 1-Vivilanotizia
    Rimborsi Atm per gli abbonamenti inutilizzati

    Milano – Al via da lunedì 10 agosto 2020 la possibilità per gli abbonati Atm di richiedere i rimborsi compensativi per le mensilità non utilizzate a causa del lockdown.
    Le domande potranno essere presentate sul sito dell’azienda e la sezione dedicata alle compensazioni sarà raggiungibile anche attraverso l’App Atm Milano.  
     
    Marco Granelli, assessore alla mobilità di Milano sottolinea l’importanza di mantenere un impegno preso con i cittadini costretti a casa dalla pandemia, ma che ha richiesto un grande lavoro e uno sforzo non indifferente da parte dell’Amministrazione. Granelli spiega inoltre che sono state utilizzate risorse economiche ingenti parte delle quali messe a disposizione dal Governo, in un momento in cui l’azienda è riuscita a garantire costantemente un servizio essenziale quale è quello del trasporto locale. 
     
    CHI HA DIRITTO ALLA COMPENSAZIONE  
    Possono farne richiesta i clienti che non hanno utilizzato l’abbonamento mensile di marzo e tutti coloro che non hanno utilizzato l’abbonamento annuale nei mesi di marzo e di aprile 2020, purché si tratti di titoli di viaggio acquistati tramite i canali di vendita Atm (sito web, Atm Point, distributori automatici, rivenditori ed edicole).  
    Le richieste possono essere avanzate fino al 31 ottobre 2020 mentre le mensilità compensative potranno essere utilizzate fino a dicembre 2021, selezionando i mesi in cui usufruirne. 
     
    COME FUNZIONA 
    La procedura è semplice e veloce, e gratuita: basterà collegarsi alla sezione dedicata sul sito Atm, inserire il numero della tessera, codice fiscale ed e-mail e selezionare i mesi in cui si desidera utilizzare la mensilità compensative. Sarà poi necessario completare il procedimento recandosi, già a partire dal giorno successivo alla richiesta, ai totem presenti in tutte le 113 stazioni della metropolitana e avvicinare la tessera allo schermo per attivare l’abbonamento. 
    Per gli abbonamenti TrenoMilano acquistati presso Atm, trattandosi di titoli integrati non attivabili ai totem, sarà necessario fare richiesta presso gli Atm Point, prenotando il proprio appuntamento direttamente dall’App Atm Milano. Le compensazioni per gli abbonamenti mensili e annuali rilasciati da operatori diversi da Atm devono essere richieste all’azienda presso la quale è stato acquistato il titolo di viaggio. 
     
    LA GUIDA ONLINE 
    Per rendere ancora più semplice il processo, Atm ha realizzato un piano di informazione ad hoc: sul sito www.atm.it, infatti, sempre da lunedì 10 agosto, sarà disponibile una guida pratica alla procedura di compensazione insieme a un video tutorial che spiega in pochi passi come effettuare la richiesta e una selezione di risposte alle domande più frequenti dei passeggeri. 
     
    La Redazione
    Pubblicato il  10/08/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  •  K9 Master Summer Camp di Mantrailing a Sondrio
    K9 Master 1-vivilanotizia
     K9 Master Summer Camp di Mantrailing a Sondrio

    Forcola (Sondrio) – Dal 08 al 15 agosto 2020 per la seconda volta consecutiva gli organizzatori del K9 Summer Camp di Mantrailing: ricerca persone con l’ausilio di unità cinofile molecolari, scelgono il capoluogo Valtellinese per lo svolgimento di questo evento di portata internazionale e questa edizione 2020 gode del Patrocinio del Comune di Sondrio. 
     
    Il Workshop della durata di una settimana sarà tenuto dai noti, a liivello internazionale, Dog Trainer Professional : Ivan Schmidt (Svizzera) , già in prima linea in alcuni dei più importanti casi di persone scomparse in Italia e all’estero, (Yara Gambirasio, gemelline Shepp Svizzera per citarne alcuni), ha all’attivo oltre 50 interventi in qualità di consulente tecnico, ausiliario di polizia giudiziaria e membro di unità cinofile, sia nazionali che internazionali, Esperto di Cinofilia biologica Forense, ha presentato queste competenze sia in Università Italiane (Udine) sia all’esterno (Madrid, Ibiza, Svizzera, Francia) e da Virginia Ancona, Master Instructor di Mantrailing ed esperta di rieducazione comportamentale.
    Il Workshop prevede la partecipazione di circa quindici unità cinofile provenienti da tutta l’Italia che svolgeranno diverse prove di lavoro in contesti ambientali differenti mettendo alla prova e cercando di migliorarne le proprie competenze grazie all’affiancamento degli Istruttori giunti a Sondrio. 
     
    Le location interessate dall’evento saranno Hotel La Brace Forcola (base logistica), Parco Adda Mallero Renato Bartesaghi per gentile concessione del Comune di Sondrio, il Lago di Triangia per gentile concessione dei gestori Marco Rabbiosi e Gerardo Ciapponi e l’Aviosuperficie di Avio Valtellina per gentile concessione del Signor Alessandro Paganoni (Accountable Manager) e il Signor Enrico Magini (Presidente). Ai quali gli organizzatori rivolgono un sentito ringraziamento.
    COS’ È IL MANTRAILING?
    Il Mantrailing è una parola inglese che letteralmente significa Uomo (Man) e percorso, traccia (Trail) ed è una disciplina cinofila applicabile sia nel settore della protezione civile (ricerca persone scomparse) che a quello delle indagini forensi (per esempio ricostruzione scene del crimine, stupri, rapine, furti con scasso, danneggiamenti) oppure crimini ambientali.
     
    Il Mantrailing non è una nuova disciplina cinofila: è utilizzata da decenni negli Stati Uniti dove la polizia utilizza i Mantrailer per la ricerca di evasi.  Il Mantrailer più famoso è il Bloodhound o Cane di Sant’Uberto apprezzato per via del suo straordinario olfatto, ma tutte le razze possono svolgere questa attività. I cani da Mantrailing non seguono né la traccia di calpestamento né il cono d’odore di una persona viva ma inerme: essi vengono appositamente formati per individuare e seguire la traccia lasciata dal decadimento cellulare della persona da ricercare. Traccia che ci rende unici come un’impronta digitale.   
     
    Il Mantrailing può essere praticato anche come attività ludico-sportiva da cani di qualunque razza ed età e a trarne enorme beneficio è la relazione del binomio cane-uomo. Si lavora insieme ed il conduttore ha l’opportunità di imparare a “leggere” il suo partner, a farlo socializzare con altre persone, e questo è di certo un aiuto nel recupero di cani che hanno problemi comportamentali. Sfruttando la naturale attitudine ad utilizzare l’olfatto per relazionarsi con l’ambiente, al cane viene chiesto di trovare una traccia olfattiva, discriminando gli odori estranei alla stessa per ritrovare un figurante che, una volta ritrovato, lo premia. Tutto si svolge in un contesto giocoso e permette al cane di apprendere giocando, senza stress né costrizioni.  
     
    Solitamente nel Mantrailing, si parte dalla scena del crimine o punto di scomparsa, per seguire le tracce del fuggitivo/disperso fino al ritrovamento, identificazione o fornitura di informazioni utili.
    Tuttavia questi “reati” o “scomparse” potrebbero portare ad un nuovo scenario, ad esempio uno scomparso che si suicida nel fiume o un fuggitivo che dopo aver commesso un reato sulla terraferma, si allontana nel fiume. Il cane sarà quindi potenzialmente in grado di segnalare il punto Continua a leggere

  • Lesa e il suo Lago Maggiore
    Cascata Lesa 1-vivilanotizia
    Lesa e il suo Lago Maggiore

    Lesa (NO) – Lesa in provincia di Novara, a pochi chilometri dalla nota cittadina lacustre di Arona, si colloca tra il Lago Maggiore e i verdi boschi delle colline del Vergante.
    Ed è proprio tra questi alberi di latifoglie, che si estende una fitta rete di sentieri, facilmente percorribili, per escursioni alla scoperta di un territorio ricco di bellezze naturalistiche e culturali.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Una di queste è la Valle dell’Erno, percorsa dall’omonimo torrente. Le sue acque cristalline che bagnano la verdissima valle, regalano all’escursionista paesaggi incantevoli.
    Pozze d’acqua limpidissime, cascatelle, pianori, alberi secolari sono gli ingredienti giusti per una bella gita rilassante e rinfrescante dalla calura estiva.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Scendendo poi verso il lago Maggiore, Lesa offre, nel suo suggestivo golfo, diverse spiagge pubbliche e gratuite, dove poter stendersi al sole.
    Sono molto conosciute quella della Madonna di Campagna, nei pressi del Santuario, il Castellaccio, ai piedi del rudere di un antico edificio fortificato, un tempo utilizzato per il controllo dei traffici commerciali.
    E per finire la Foce dell’Erno, lo stesso torrente incontrato durante la nostra fresca escursione.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Si pensi che anche Alessandro Manzoni, dopo aver sposato in seconde nozze Teresa Borri, vedova Stampa, trascorse lunghi periodi di villeggiature in questo luogo incantevole. La villa dove risiedeva, è ora sede della Banca Popolare di Novara, ma una parte detta Sala Manzoniana è adibita a museo dove sono raccolti manoscritti e cimeli del grande scrittore e dei suoi amici letterati con i quali amava intrattenere conversazioni in riva al lago.
     
    La Redazione
    Pubblicato il  23/06/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Varese: riapre in tutto il suo splendore Villa Toeplitz
    Villa Toeplitz 1-vivilanotizia
    Varese: riapre in tutto il suo splendore Villa Toeplitz

    Varese – Nel rispetto di tutte le misure di sicurezza per evitare il contagio da Covid-19, riapre in tutto il suo splendore, dopo il lungo lock down, Villa Toeplitz di Varese.
    La Villa è stata ripulita a nuovo e le fontane sono tutte funzionanti tanto da essere stata aperta al pubblico già lo scorso 20 giugno 2020.
     
    I visitatori non sono mancati e si prevede un grosso afflusso nei prossimi giorni con l’apertura del punto ristoro e il libero accesso alle aree gioco per i bambini.
     
    Si incontra Villa Toeplitz sulla destra, salendo da Varese verso il Sacro Monte.
    Fu costruita nei primi del 900 come residenza di campagna di una famiglia tedesca, acquistata successivamente dal banchiere Giuseppe Toeplitz, il quale apportò numerose modifiche e abbellimenti.
    Il parco nel quale è collocata Villa Toeplitz si estende su un’area di 8 ettari, dove ad una vegetazione ricca di numerose specie si alternano i giochi d’acqua delle monumentali fontane.
    La Villa ospita attualmente la facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università dell’Insubria e il Museo dei fratelli Castiglioni, che accoglie raccolte archeologiche del mondo africano.
     
    INDIRIZZO:
    Via Giambattista Vico – Varese – LINEE URBANE: C – Z
    ORARI DI APERTURA:
    Apertura primavera-estate: 8.00 – 20.00 
    Apertura autunno/inverno: 8.00 – 18.00
    Ingresso gratuito
     
    La Redazione
    Pubblicato il  22/06/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Obereggen: l’estate 2020 nel cuore delle Dolomiti
    Obereggen-Latemar 1-Vivilanotizia
    Obereggen: l’estate 2020 nel cuore delle Dolomiti

    Obereggen (BZ) – Tutto è pronto per il fatidico giorno: sabato 20 giugno, a piedi o con la seggiovia panoramica Obereggen-Oberholz, i turisti potranno finalmente risalire in quota, dopo il blocco forzato imposto dal Covid-19, che ha costretto la società impianti Obereggen Latemar SpA ad interrompere una stagione invernale con i fiocchi.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    L’impianto di risalita e il rifugio Oberholz, perla architettonica internazionale a monte della storica seggiovia, sono aperti tutti i giorni dalle 8.30 alle 18. Lassù, nel cuore delle Dolomiti, ad appena 20 minuti da Bolzano, si aprirà il magico mondo del Latemar.ium, composto da un reticolo di sentieri tematici, impreziosito da opere d’arte in alta quota, punti panoramici mozzafiato ed incantevoli pascoli alpini da percorrere in totale sicurezza.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Situato al centro del patrimonio mondiale delle Dolomiti, il paesaggio sarà ricoperto dai colori più belli tra giugno e ottobre, ai piedi del massiccio del Latemar. I turisti potranno osservare flora e fauna alpina, storia, cultura ed altre peculiarità delle Dolomiti, camminare nel dolce silenzio dei prati alpini, osservare l’imponente sguardo delle montagne lungo i sentieri del Latemar.ium. «Montagnanimata» a Gardonè-Predazzo e sul Passo Feudo, l’incantata foresta dei draghi, una discesa mozzafiato sull’Alpine Coaster Gardonè a Predazzo attraverso boschi e prati, l’impegnativa escursione al Rifugio Torre di Pisa fino a 2.671 metri costituiranno solo alcune delle proposte a disposizione del turista per rendere indimenticabile, alle pendici del Latemar, nel cuore delle Dolomiti, l’estate 2020.
     
    La Redazione
    Pubblicato il  18/06/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • A Cogne torna a riaprire il Giardino Botanico Paradisia
    A Cogne torna a riaprire il Giardino Botanico Paradisia

    Regioni – Valle d’Aosta – Cogne (AO) – Sabato 13 giugno riapre al pubblico il Giardino Botanico Alpino Paradisia di Valnontey, frazione di Cogne.
    Il Giardino Botanico Alpino Paradisia è situato a Valnontey, frazione del comune di Cogne, nel cuore del Parco del Gran Paradiso, a 1700 m di quota, su una superficie di circa 10.000 m2 ricca di conche ed avvallamenti naturali che consentono di avere le condizioni ottimali per la coltura delle specie montane ed alpine. Fa da cornice al giardino il magnifico scenario del massiccio del Gran Paradiso.
     
    Il Giardino Botanico Alpino Paradisia deve il suo nome a Paradisea liliastrum, un giglio che con i suoi fiori candidi arricchisce le praterie montane naturali del sito. 
     
    Istituito nel 1955 per volere del Parco Nazionale Gran Paradiso con l’obiettivo di conservare e far conoscere al pubblico la grande ricchezza della flora e della vegetazione degli ambienti montani e alpini, Paradisia ospita circa 1.000 specie vegetali, provenienti dall’Italia e dal mondo, accompagnate da cartellini che, oltre a indicare il nome scientifico e volgare, consentono di individuare facilmente le essenze officinali e quelle velenose.
    Quest’estate, grazie al progetto Interreg Alcotra JardinAlp, il Giardino Botanico Alpino Paradisia si arricchisce di un nuovo centro di accoglienza costruito con lo scopo di migliorare i servizi già offerti al pubblico.  Situato a inizio percorso, ha funzione di accoglienza visitatori, centro informativo e ritrovo punto di partenza per le visite guidate. L’edificio è stato pensato nella sua forma e ubicazione per lasciare libero lo sguardo di ammirare il Massiccio del Gran Paradiso e di bearsi dei colori delle fioriture del Giardino.
     
    L’altra novità è di natura tecnologica, è stata creata una app da scaricare sul proprio smartphone, dotata di cartina interattiva del giardino con la possibilità di leggere informazioni sulle piante e i punti d’interesse presenti.  Un’innovazione che darà la possibilità ai turisti di arricchire le proprie conoscenze e visitare in autonomia il Giardino.
     
    Per rendere la visita ancora più interessante sono stati aggiornati i pannelli didattici presenti lungo il percorso, con approfondimenti sulle piante, comuni e rare, oltre che officinali, gli ambienti naturali ricostruiti e le farfalle.
    Sono in programma numerose attività estive per bambini e adulti, organizzate da Parco Nazionale Gran Paradiso e Fondation Grand Paradis per conoscere meglio il Giardino.  Le attività spaziano dalla conoscenza delle piante officinali al mondo degli insetti, alla fotografia naturalistica.  In cantiere anche alcune novità che verranno presentate nelle prossime settimane.
     
    Orari il Giardino sarà aperto tutti i giorni, dalle 10.00 alle 17:30 a giugno e settembre e dalle 10.00 alle 18.30 a luglio e agosto.  Le visite guidate sono previste ogni giorno alle 10.30, 14.30 e 16.30 e sono incluse nel prezzo del biglietto. 
    L’ingresso a Paradisia è compreso nel Fondation Grand Paradis Pass, il biglietto cumulativo di validità un anno che consente – al costo di 8,00 euro – l’accesso a 10 siti di interesse naturalistico e culturale gestiti da Fondation Grand Paradis sul territorio.
     
    In funzione delle indicazioni e normative legate all’emergenza sanitaria Covid-19, gli orari di apertura, le visite guidate e le attività per bambini e adulti potrebbero subire variazioni.  
    È consigliato contattare il numero 0165-75301 per prenotazioni e informazioni.  
     
    La Redazione
    Pubblicato il  08/06/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Nasce il gruppo Fatto a mano in Puglia
    Fatto a mano in puglia 1-vivilanotizia
    Nasce il gruppo Fatto a mano in Puglia

    Regioni – Fatto a mano in Puglia con un bel cuoricino finale è il nuovo gruppo Facebook creato da Manuel Manfuso, presidente dell’Associazione Smile.  
    Qui i numerosi hobbisti pugliesi hanno la possibilità di far conoscere le loro opere e dimostrare la loro bravura.
    Manuel Manfuso è conosciuto in Puglia per il suo lavoro di organizzatore di eventi nelle caratteristiche piazze che contraddistinguono questo territorio.
     
    Tra le iniziative proposte al pubblico molti sono i mercatini artistici, dove hobbisti selezionati creano con le loro mani manufatti pregiati con gusto e originalità.
    In questo periodo di limitazioni forzate dovute al diffondersi del contagio da Covid-19 sono molte le difficoltà e le incertezze che accompagnano le nostre vite.  
     
    Così Manfuso in attesa di invitare ancora nelle piazze i suoi artigiani ha pensato di dare una vetrina nuova alle loro opere creando su Facebook il gruppo Fatto a mano in Puglia e accompagnato da un cuoricino, per indicare che ogni prodotto è creato con il cuore. Il gruppo che in poco più di tre giorni ha raggiunto la quota di 3.500 iscritti è aperto a tutti gli artisti pugliesi che vogliono pubblicare le loro creazioni e condividere anche restando a casa la loro arte.
     
    La Redazione
    Pubblicato il  04/05/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
     
    Continua a leggere

  • Storia e storie della guerra nelle case di Castellanza
    Storia & storie della guerra 1-vivilanotizia
    Storia e storie della guerra nelle case di Castellanza

    Castellanza (VA) – Scuola – I ragazzi di terza dell’Istituto Maria Ausiliatrice di Castellanza non si sono scoraggiati e nemmeno si sono fermati quando il Covid-19 li ha costretti a restare a casa.
     
    Da settembre stavano lavorando ad un bellissimo progetto, dal titolo Storia e storie della guerra, in occasione del 75° anniversario della Liberazione, che il 25 aprile 2020 avrebbero esposto alla cittadinanza attraverso una mostra fotografica e una performance teatrale, con il prezioso aiuto del Comune di Castellanza e dell’ANPI.
     
    Ecco però l’arrivo improvviso di Covid-19 e le misure di contenimento per controllare i contagi che hanno chiuso numerose attività tra cui in primo luogo le scuole.
     
    I ragazzi non si sono dati per sconfitti, hanno continuato a lavorare e anche se con molte difficoltà e alcuni cambi, rispetto al progetto iniziale, hanno portato a termine il loro lavoro.
     
    Le testimonianze legate al momento della Guerra Mondiale, i documenti delle famiglie, le musiche, le fotografie dei cittadini e della città sono diventati materiale prezioso per la realizzazione di un significativo libro digitale che tocca l’animo di ogni italiano. In questo modo gli alunni dell’Istituto Maria Ausiliatrice hanno portato i ricordi raccolti nelle case dei loro concittadini, i quali possono ammirare il lavoro dei loro ragazzi stando seduti comodamente sul proprio divano.
    Il libro può essere letto cliccando qui.
     
    La Redazione
    Pubblicato il  27/04/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Il ciclismo con Nibali al Giro di Svizzera
    The Digital Swiss 5
    Il ciclismo con Nibali al Giro di Svizzera

    Eventi – Svizzera – Anche se tutti dobbiamo restare a casa non per questo si devono fermare le nostre passioni e tra queste lo sport. Così dal 22 al 26 aprile 2020 si potrà assistere ad un evento sportivo a dir poco eccezionale. Il grande campione del ciclismo Nibali e i migliori atleti del mondo di questo sport affronteranno The Digital Swiss 5, il Giro di Svizzera.
    Su ELEVEN SPORTS, la piattaforma OTT trasmetterà in esclusiva per l’Italia l’esclusiva corsa.
    Si tratta di una corsa virtuale pensata per questo momento particolare, dove tutti dobbiamo restare a casa a causa del Coronavirus, dagli organizzatori del Giro di Svizzera, Velon, e dalla piattaforma eSports Rouvy.
    Ecco allora come si svolgerà la gara.
    I partecipanti correranno da casa propria con le bici fissate a dei rulli e, grazie alla piattaforma per ciclismo indoor, avranno a disposizione il loro avatar personale, che percorrerà virtualmente i tracciati che ricalcheranno in parte il Giro di Svizzera 2020.
    Ogni tappa sui rulli durerà un’ora al giorno e le squadre avranno a disposizione tre corridori da alternare.  In questo modo, grazie alla fusione tra reale e virtuale, Eleven Sports cercherà di offrire qualche ora di adrenalina e competitività ai tanti appassionati di sport in attesa di tornare alla vita di sempre.
    All’evento hanno aderito molti team importanti tra cui la Trek-Segafredo che vedrà al via anche Vincenzo Nibali che, dopo i successi al Tour de France e al Giro d’Italia, vuole conquistare anche la Svizzera.
    In gara anche il Team Ineos e il Team Bahrain McLaren, che nell’edizione 2019 hanno conquistato rispettivamente la prima e la seconda posizione della classifica generale con i corridori Egal Bernal e Rohan Dennis.
    Per guardare gratuitamente le cinque tappe sul palinsesto di Eleven Sports basterà registrarsi alla pagina elevensports.it/registration/ e poi collegarsi a elevensports.it/live
    Per saperne di più di ELEVEN SPORT qui di seguito alcune informazioni di questo grande provider che vuole offrire ai fan di tutto il mondo il meglio dello sport. L’obbiettivo del Network Eleven è quello di rendere fruibile lo spettacolo ovunque attraverso l’utilizzo di dispositivi mobili digitali.
    L’offerta contenutistica Worldwide di Eleven comprende la UEFA Champions League, la Premier League, LaLiga, F1, NFL, NBA, ed tanto altro ancora. In Italia ELEVEN SPORTS trasmette in esclusiva importanti campionati a livello nazionale come la Serie C di calcio e la Superlega di Volley, ed è broadcaster ufficiale di alcune federazioni sportive come Federmoto, Federnuoto, Federazione Pallamano, Federazione Italiana Sport Rotellistici, Federbadminton e FIKBS.
     
    La Redazione
    Pubblicato il  20/04/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • I giovedì d’arte della GASC di Villa Clerici
    Giovedì di Gasc 1-vivilanotizia
    I giovedì d’arte della GASC di Villa Clerici

    Milano – Il museo di Villa Clerici è chiuso in questo periodo di limitazioni per il Coronavirus, ma i servizi educativi della GASC Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei continuano e danno appuntamento ai bambini ogni giovedì con video e tutorial ludici da svolgere in famigli alla scoperta delle tecniche d’arte delle opere di grandi artisti, conservate nelle sale del piano rialzato della magnifica Villa Clerici.
     
    Questa settimana è la volta dell’artista Valentino Vago e del suo dipinto Una luce dall’Infinito. Una linea gialla in cielo azzurro richiama la luce divina.
     
    Per reinterpretare l’opera occorrono semplici materiali e prestare attenzione al video messo a disposizione dal GASC cliccando qui. 
    Ogni attività é pubblicata e condivisibile sui social della galleria con hashtag dedicati tra i quali #giovedìEduGASC, #GASCreando, #museichiusimuseiaperti, #iorestoacasa.
    Una volta pronta l’opera realizzata a casa, i bambini non si devono dimenticare di condividerla attraverso canali social. Sarà apprezzata da molte persone!
     
    Villa Clerici sorge a Milano in un luogo molto edificato dove non ci si aspetta di trovare una villa di delizie. La famiglia Clerici fece costruire la villa tra il 1722-1733 in un momento economicamente propizio e di grande ascesa sociale.
    Si deve ad Antonio Giorgio Clerici (1715-1768) l’ampliamento e l’abbellimento di Villa Clerici, che fu ribattezzata “Villa di delizie in terra di Niguarda”.
    Dopo aver conosciuto molteplici proprietari, dal 1938 Villa Clerici è di proprietà dell’Immobiliare Due Febbraio Srl, che si occupa della gestione e della valorizzazione del complesso.
    Nelle sale del piano rialzato è allestita dal 1955 la GASC, Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei, voluta da Dandolo Bellini.
     
    Oggi Villa Clerici rappresenta un polo di alta formazione e divulgazione musicale, con l’obiettivo di promuovere e valorizzare giovani talenti ed educare all’ascolto dell’arte dei suoni un pubblico differenziato.
    Inoltre, in sinergia con la GASC, si propone di diventare un centro riconosciuto per la valorizzazione dell’arte contemporanea.
     
    Villa Clerici quartiere Niguarda di Milano via Giovanni Terruggia, 8/14, 20162 Milano MI- Tel. 02 647 0066 – www.villaclerici.it
     
    La Redazione
    Pubblicato il  15/04/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • In giro per l’Italia in compagnia del FAI
    FAI 1-Vivilanotizia
    In giro per l’Italia in compagnia del FAI

    Regioni – Anche rimanendo a casa si scoprono storie interessanti che ogni giorno il FAI propone agli italiani. Con l’iniziativa #ItaliaMiManchi, il Fai ha voluto regalare a tutti noi, che dobbiamo restare a casa per evitare il diffondersi del contagio da Coronavirus, le più belle storie alla scoperta dell’Italia in tutta la sua bellezza.
     
    Ogni giorno sulle pagine social del FAI si può visitare virtualmente dal divano i nostri Beni, passeggiare per i giardini, conoscere le storie inedite di oggetti di grande valore storico e artistico, scoprire spazi nascosti e godere dell’infinita bellezza del nostro Paese.
     
    E’ un modo per ricordarsi che siamo tutti uniti anche se distanti ognuno nelle proprie case.
    Non ci si può dimenticare di quello che c’è fuori. L’Italia ci sta aspettando e quando tutto sarà finito appresseremo ancora di più le infinite bellezze che il nostro Paese ci offre.
     
    I video realizzati dal FAI sono divisi in rubriche e raccolti sul sito istituzionale per poter essere rivisti anche più volte e in momenti successivi. Si potranno scoprire curiosità scrutando piccoli oggetti, ascoltando le storie di emozioni e ricordi, preparando ricette della tradizione, riscoprendo i Beni del Fai attraverso un viaggio letterario oppure entrare in un giardino e essere immersi nei suoi segreti.
     
    Stai comodamente seduto sul divano e viaggia cliccando qui 
     
    La Redazione
    Pubblicato il  15/04/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Patronato Acli Varese: servizi a distanza
    Contatti acli 1-vivilanotizia
    Patronato Acli Varese: servizi a distanza

    Varese –  In queste settimane di emergenza e limitazioni dovute al virus Covid-19, il Patronato Acli di Varese si è attivato a garantire i servizi per la tutela al lavoratore a distanza attraverso mail e telefono.
    Il servizio efficace ed efficiente permette di avere assistenza direttamente da casa.
     
    E’ possibile rivolgersi al Patronato Acli Varese per accedere alle misure a sostegno dei lavoratori come previsto dal DL “Cura Italia” approvato per far fronte all’emergenza del Coronavirus.
     
    I servizi sono rivolti ai lavoratori dipendenti del settore privato e pubblico, autonomi, parasubordinati, e anche disoccupati e titolari di Reddito di Cittadinanza. La consulenza viene fornita per qualsiasi esigenza lavorativa anche per i lavoratori frontalieri: per le prestazioni per disoccupazione e per le tutele del lavoro.
     
    Il Patronato è operativo tramite mail e telefono.
    E’ possibile chiamare il n. verde 800.404328 oppure telefono unico provinciale 0332 287393, un operatore sarà a vostra disposizione.
    Se si preferisce è possibile scrivere una mail a patronato@aclivarese.it sarà nostra cura degli operatori ricontattare il mittente nel più breve tempo possibile.
     
    Per informazioni e pratiche sull’immigrazione (rinnovo permessi di soggiorno, cittadinanze, ecc..) è possibile contattare il numero unico 0332 286838.
    Sul sito www.aclivarese.org/patronato e sulla pagina Facebook: Patronato (Varese) si possono trovare tutti i riferimenti per i servizi offerti oltre ad un costante aggiornamento sui diritti e la tutela dei lavoratori.
     
    La Redazione
    Pubblicato il  15/04/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
     
    Continua a leggere

  • Covid-19 Controlli serrati sulle strade Lombarde
    Controlli 1-Vivilanotizia
    Covid-19 Controlli serrati sulle strade Lombarde

    Valle Olona- Altomilanese- In vista del ponte pasquale sulle strade Lombarde del Varesotto e dell’alto Milanese sono stati intensificati i controlli da parte delle forze dell’ordine. Numerose le contravvenzioni elevate ai trasgressori in deciso aumento con i numeri registrati nelle settimane precedenti.
     
    Alle ormai comunicazioni verbali di fatto si è stati costretti ad attuare misure in campo più severe perché a differenza delle prime due settimane di blocco dove effettivamente si era vista una netta riduzione della circolazione e rispetto delle regole, nell’ultimo periodo si è visto un ulteriore e progressivo aumento del traffico e di persone a spasso nonostante le restrizioni in vigore.
     
    Ricordiamo le restrizioni emesse alle quali tutti i cittadini sono tenuti a rispettare. Rimani aggiornato sugli ultimi provvedimenti e limitazioni alla circolazione della Regione Lombardia, cliccando qui.
     
    In attesa di nuovi comunicati ufficiali su eventuali proroghe o riaperture di settori produttivi e attività economiche dopo Pasquetta, sembrerebbe molto improbabile la riduzione dei divieti per i cittadini che dovrebbero perdurare fino a dopo il ponte del primo Maggio.
     
    Si attende comunicato del presidente del Consiglio Giuseppe Conte
     
    La Redazione
    Pubblicato il  9/04/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Appuntamento con i tesori di Villa Arconati
    villa-arconati-vivilanotizia
    Appuntamento con i tesori di Villa Arconati

    Bollate (MI) – Eccoci di nuovo alla scoperta dei tesori di Villa Arconati- FAR e come già fatto negli appuntamenti delle scorse settimane, entriamo virtualmente nella Villa, in attesa che si possano aprire di nuovo i portoni, per venire a conoscenza di un’altra meraviglia custodita nella piccola Versailles milanese: la Sala della Caccia
    Questa bellissima sala è uno dei tesori ancora poco conosciuti di Villa Arconati-FAR, poiché è stata aperta per la prima volta al pubblico solo nel 2019 in occasione della mostra sul Codice Atlantico di Leonardo.
    L’unica sala veramente dedicata agli uomini tra le settanta del palazzo, poiché si trattava con ogni probabilità di un salotto da giorno e da sera utilizzato come fumoir.
    La sala ha un’altra particolarità: è l’unica ad avere due camini.
    I camini non sono certo uno degli elementi più presenti alla Villa, dopotutto ci troviamo in una residenza “di delizia” utilizzata prevalentemente in estate. Ma anche nella prima parte dell’autunno, per la stagione della caccia, appunto!  
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    La caccia era uno dei passatempi prediletti dell’aristocrazia, che tuttavia non doveva fare “troppa fatica” nel divertirsi. Per questa ragione, ma non solo, nella tenuta degli Arconati era presente il Serraglio dei Cervi, nel quale gli animali venivano allevati. Questo non solo per le battute di caccia, ovviamente, ma anche e soprattutto per il fabbisogno alimentare dei Signori.
    In una lettera del 13 giugno 1765 un emissario della Casa Arconati si lamenta con il Fattore di Castellazzo, poiché le cerve della tenuta non vogliono allattare i loro cuccioli e questo fatto è molto grave, poiché il rischio è che in poco tempo il serraglio «sarà vuoto»; viene dunque ingiunto al custode del Serraglio di avere particolare cura verso i cuccioli appena nati, dando loro tutto il latte di vacca necessario al loro sostentamento.
     
    La sala fu realizzata probabilmente ad inizio Settecento per volontà del conte Giuseppe Maria Arconati, definito antiquitatis illustrator per la sua grande passione per l’arte classica. L’elegante decorazione è realizzata con finissimi stucchi e dorature, che raffigurano grifoni, piccoli putti che giocano con uccellini e scene di caccia legate alla dea Diana.
    Completano la decorazione i bellissimi dipinti di Angelo Maria Crivelli, detto il Crivellone, che ad oggi sono l’unica testimonianza della vastissima collezione di dipinti su tela della Famiglia Arconati.
    I dodici dipinti furono realizzati appositamente per la sala e si integrano perfettamente con il resto della decorazione: i colori scuri dei dipinti contrastano con il chiarore degli stucchi, e proprio questo contrasto focalizza ancor di più l’attenzione dell’Ospite sui particolari delle scene di caccia.
    Dei dodici dipinti, i quattro principali raffigurano quattro particolari scene di caccia: la caccia al toro, la caccia all’orso, la caccia al cinghiale e la caccia leone. Quest’ultima tela ha una particolarità: sul collare del cane protagonista della scena si trova la scritta “Arconati”, quale omaggio dell’artista alla famiglia committente del dipinto.  
    Le tele sono firmate e datate 1705.
    Altri otto dipinti di più modeste dimensioni completano la decorazione della sala: quattro ovali raffiguranti pesci e quattro rettangolari raffiguranti pollami.
    Dopo le vendite all’asta della collezione Arconati, effettuata per conto della precedente proprietà, negli anni ’90 del Novecento, nella sala erano rimaste solo le quattro grandi scene di caccia, che hanno subito un tentativo di furto nei primi anni 2000. Fortunatamente sono state tempestivamente ritrovate al confine con la Svizzera e riportate al loro posto.
    Degli altri Continua a leggere

  • Aiutiamo gli Eroi: il progetto di GSK Italia
    Aiutiamoglieroi 1-Vivilanotizia
    Aiutiamo gli Eroi: il progetto di GSK Italia

    Salute – Anche GSK Consumer Healthcare, azienda leader a livello mondiale nel settore dell’automedicazione e della salute orale, con sede a Baranzate (Milano), partecipa all’iniziativa di solidarietà #AiutiamogliEroi promossa da tutta GSK in Italia per supportare la comunità in questo grave momento di emergenza sanitaria dovuta al Covid19.  
     
    “Aiutiamo gli Eroi è un progetto esclusivo sviluppato dai nostri dipendenti. Sappiamo che il nostro compito primario è la scoperta e produzione di farmaci e vaccini salva-vita ma in una crisi senza precedenti come l’attuale dobbiamo dare tutti il nostro contributo e supporto agli eroi in prima linea per salvare i malati di Covid19. Per questo il nostro contributo è il risultato di donazioni aziendali, dei singoli dipendenti, raccolte fondi e di attività in collaborazione con le Autorità e Operatori sanitari”. Ha dichiarato Fabio Landazabal, General manager di GSK Pharma.
     
    Un milione di euro è la somma donata alla Protezione Civile e sarà impiegata per allestire unità di terapia intensiva, acquisire macchinari, fornire dispositivi di protezione individuale e ogni altro aiuto necessario sul fronte dell’epidemia.
    Contemporaneamente è stata attivata una maratona di raccolta fondi fra gli oltre 4mila dipendenti italiani di GSK e ViiV della durata di una settimana, il cui totale sarà raddoppiato dall’azienda ed egualmente consegnato alla Protezione Civile.
    Una collaborazione con SIMG per sanificare 100 studi di Medici di medicina generale nelle aree a più alta diffusione del virus, sarà attivata insieme ad altre iniziative che riporteremo sul sito aziendale www.gsk.it e sui social con l’#AiutiamogliEroi.  
     
    “Eroi sono tutti quelli in prima linea in questa emergenza a cui va la nostra riconoscenza e eroi sono i nostri dipendenti e le loro famiglie, che da subito abbiamo deciso di proteggere con tutti i mezzi possibili. – Ha proseguito Fabio Landazabal – Sono loro, i nostri lavoratori essenziali che devono continuare a lavorare nei laboratori e nelle fabbriche per fare in modo che farmaci, vaccini e altri prodotti essenziali continuino ad arrivare a medici, pazienti e consumatori in Italia e in tutto il mondo”.
    “Noi di GSK Consumer Healthcare da sempre siamo impegnati nel trovare soluzioni che migliorino la salute delle persone nell’ambito dell’automedicazione ed è proprio per questo che in questo momento di grande necessità, partecipiamo attivamente all’iniziativa  #AiutiamogliEroi, per offrire un aiuto concreto alla nostra comunità e a tutti coloro che sono in prima linea per fronteggiare questa grave emergenza sanitaria – dichiara Giuseppe Abbadessa, General Manager Italia di GSK Consumer Healthcare. – La nostra azienda, che ha la sua base a Baranzate (Milano) e che conta oltre 200 collaboratori fra personale di sede, di vendite e di informazione scientifica, sta rispondendo alle sfide di questo particolare momento grazie al grande impegno delle nostre persone e attraverso misure di riorganizzazione del lavoro, come lo smart working”.
    Dall’inizio dell’emergenza GSK ha potuto spostare immediatamente tutto il lavoro non essenziale in remoto grazie alle tecnologie di comunicazione da tempo introdotte in azienda e all’abitudine dei dipendenti a lavorare in Smart Working già due giorni la settimana. I lavoratori essenziali sono invece protetti con una serie di misure aggiuntive che vanno dall’accesso riservato alle strutture, alla continua opera di sanificazione di locali e macchinari, all’uso di adeguate protezioni, al controllo regolare delle condizioni di salute e alla presenza di un servizio sanitario dedicato interno in tutti i siti di produzione e ricerca, che lavora in stretto contatto con le Autorità sanitarie locali.
    “All’impegno in Italia contro la pandemia corrisponde anche un forte impegno globale dell’azienda* con la donazione di 10 Continua a leggere

  • Emergenza Covid-19: un supporto gratuito da Ananke
    Dott Leonardo Mendolicchio 1-vivilanotizia
    Emergenza Covid-19: un supporto gratuito da Ananke

    Salute – Una bella idea, nata due anni fa, dal Dott.  Leonardo Mendolicchio, direttore sanitario della residenza comunitaria Villa Miralago di Cuasso al Monte in provincia di Varese, che si occupa di accogliere persone con disturbi alimentari, diventa oggi di grande attualità quale valido supporto all’emergenza da Covid-19.
    Il Dott. Leonardo Mendolicchio ha voluto diffondere il metodo della Villa in tutta Italia attraverso la rete nazionale Ananke. Ed è proprio la stessa rete che tende una mano oggi all’emergenza Covid-19 mettendo a disposizione psichiatri, psicologi, nutrizionisti per fornire supporto gratuito a distanza.
    Questa iniziativa consentirà non solo di mantenere un contatto con le persone sofferenti di disturbi alimentari, che necessitano di supporto e non possono essere lasciate sole, ma anche di dare un aiuto alleggerendo il carico di lavoro delle strutture sanitarie pubbliche e private.
    Villa Miralago é la più grande residenza sanitaria d’Italia, che da più di dieci anni si prende cura di coloro che soffrono di disturbi del comportamento alimentare: anoressia, bulimia, vigoressia, frequente anche nei maschi adulti, l’ortoressia e il disturbo da alimentazione incontrollata – obesità, un centro convenzionato con SSN e uno dei più grossi d’Europa.
    Oltre a dare la possibilità a molte persone affette da questa patologia in Italia di essere curate seguendo il modello testato e risolutivo di Villa Miralago, la rete Ananke permette di fornire una continuità assistenziale per tutti coloro, che dopo il ricovero hanno la necessità di continuare le cure nei loro territori.
    I disturbi alimentari sono diventati un’epidemia sociale e rappresentano la seconda causa di morte, dopo gli incidenti stradali, tra i giovani.
    In questo momento di forti angosce e molti stress dovuti alle misure di contenimento per contrastare il diffondersi del contagio da Covid-19, tali fragilità in soggetti affetti da DCA necessitano di risorse per offrire le risposte necessarie per evitare complicanze, criticità e ricadute.
    Oltre 3 milioni di persone in Italia, di cui il 95,9% donne, soffrono di disturbi alimentari. Il fenomeno è ancora più preoccupante poiché gli ultimi dati vedono una crescita dei casi di bambine sotto i 10 anni.
    L’iniziativa gratuita e gestita da professionisti mette a disposizione una mail info@curadisturbialimentari.it e un numero di telefono 02 – 8355 0840 per essere messi in contatto con i terapeuti
     
    La Redazione
    Pubblicato il 26/03/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Casa Marcello in streaming su YouTube
    Casa Marcello1-Vivilanotizia
    Casa Marcello in streaming su YouTube

    Eventi – Sono tante le iniziative che nascono via web per poter intrattenere le famiglie costrette in casa a causa dell’emergenza Coronavirus, tra queste nasce su YouTube Casa Marcello, un importante progetto web nato dalla creatività di Marcello Cirillo e Alberto Maria Trabucco.
    Casa Marcello è un vero e proprio programma TV ma in streaming su YouTube.
    Marcello Cirillo che è abituato alla tv quotidiana e al contatto con la gente ha deciso di non restare fermo, ma di continuare sul web a regalare emozioni, sorrisi e allegria al suo pubblico, creando dei momenti di intrattenimento e di aggregazione online attraverso la musica, pensieri, riflessioni per restare vicini anche da lontani.
     

    All’invito di Marcello Cirillo a partecipare a questo vero e proprio esperimento sociale unico nel suo genere hanno risposto in tanti.
    Da Vincenzo Salemme a l’autore TV Massimo Cinque ospite fisso di Casa Marcello, Manuela Villa, Roberta Capua, Fausto Leali, Tullio De Piscopo, Demo Morselli, Pino Insegno, Andy Luotto, Luisa Corna…e poi Roberto Ciufoli, il ballerino Francesco Lappano, la musicista Micol, Annalisa Minetti, Tiziana Foschi e tanti altri amici artisti.
    Oltre alle tante canzoni cantate e suonate da Marcello Cirillo, che ogni giorno accontentano le richieste dei tanti fan iscritti al canale YouTube, ci sono rubriche utili come l’appuntamento con la psicologa e psicoterapeuta Marisa Persiani, le testimonianze di persone che vivono per lavoro o per studio fuori dal nostro paese, le nonne d’Italia che ci raccontano le loro emozioni e i loro pensieri.
    Gli appuntamenti saranno annunciati sulle sue pagine social e si potranno seguire su YouTube .
    Esperienza quella del web che Marcello Cirillo sta già sperimentando attraverso le lezioni online, con gli allievi della sua Accademia Musicale Bottega del suono.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 24/03/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Città deserte e silenzio nel Bustese e Valle Olona
    Controlli Coronavirus 1-vivilanotizia
    Città deserte e silenzio nel Bustese e Valle Olona

    Comuni – Bustese e Valle Olona – Lo spettacolo è uguale in tutti i Comune, le città sono deserte e il silenzio irreale regna in ogni angolo, in ogni via, nelle piazze ai semafori, tutto è fermo!
    Le nuove restrizioni poste dal Dpcm per l’emergenza coronavirus portano alla chiusura di altre categorie di imprese e fabbriche che comunque potranno espletare le attività necessarie per prepararsi alla sospensione entro il 25 marzo 2020 come per esempio la spedizione di merce in giacenza già ordinata.
     
    Rimangono escluse dal provvedimento le attività che forniscono beni di prima necessità, servizi essenziali e di comunicazione tra cui le attività di manutenzione e riparazione di periferiche e computer, riparazione di elettrodomestici e articoli per la casa e una serie di altre categorie rientranti nell’elenco pubblicato in allegato al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.
    Nelle immagini come si presentavano le strade e alcuni supermercati della zona questa mattina. 
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Altre restrizioni vengono imposte alle famiglie da Regione Lombardia che si aggiungono a quelle già in essere per evitare l’uscita dalle proprie abitazioni e poter in questo modo contenere il contagio del Covid-19.
     
    Le ulteriori misure di contenimento riguardano proprio le famiglie.
    Non è possibile uscire dal proprio comune di residenza se non per comprovate esigenze lavorative o per necessità dovuta a motivi di salute. La spesa dovrà allora essere fatta solo ed esclusivamente nel comune di residenza e anche se il supermercato si trova fuori dal confine anche solo di 50 metri, non è possibile andarci. Si consiglia inoltre, da parete delle autorità locali, di provvedere alla spesa alimentare non più di due volte a settimana, da parte di un solo componente il nucleo familiare, rispettando sempre le distanze di sicurezza per evitare di creare situazioni di affollamento.
    I sindaci dei Comuni della Valle Olona esortano i propri concittadini a restare in casa e al rispetto delle regole necessarie al contenimento della diffusione del Covid-19 .    
     
    La Redazione
    Pubblicato il 23/03/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Mascherine dalla Cina per Castellanza
    logo-castellanza-vivilanotizia
    Mascherine dalla Cina per Castellanza

    Castellanza – Consegnate a Castellanza dalla Cina 1000 mascherine che saranno utilizzate dagli operatori scesi in campo per garantire i servizi essenziali alla cittadinanza.  Si tratta di un dono dell’Associazione One Belt and One Road che opera nella promozione di scambi commerciali tra la Cina e l’Italia di cui fanno parte molte aziende cinesi operanti in Lombardia.
     
    Anche la Farmacia Comunale avrà a disposizione mascherine per la cittadinanza a prezzi accessibili e l’Amministrazione Comunale cercherà di garantirne un rifornimento costante
     
    Continuano inoltre i controlli da parete della Polizia Locale per mantenere il rispetto delle regole di restare in casa ed uscire solo per necessità, dopo che è salito a tre il numero dei casi di contagiati da Coronavirus a Castellanza dei quali uno è un giovane ragazzo trentenne attualmente ricoverato in ospedale.
     
    Per il momento sono in corso le indagini da parte della Polizia Locale e i contatti di ATS alle persone direttamente a contatto con gli infettati per porle in isolamento attraverso ordinanze specifiche.
     
    Anche la Protezione Civile continua a lavorare senza sosta nella consegna di spesa e farmaci a domicilio così come indicato dai volantini informativi in distribuzione alla cittadinanza.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 20/03/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Coronavirus: Limitazioni alle abitudini dei cittadini
    DPCM 9 Marzo 2020 1-vivilanotizia
    Coronavirus: Limitazioni alle abitudini dei cittadini

    Salute – Per contenere il contagio del Coronavirus son state poste delle limitazioni alle abitudini dei cittadini, ma le domande sono molte e frequenti. La risposta è la stessa tutti insieme dobbiamo contribuire alla riduzione di contagio.
     
    Ecco allora alcuni chiarimenti alle restrizioni attuate con il decreto del 9 marzo 2020 per limitare il diffondersi del contagio del Coronavirus formulate in modo chiaro attraverso 10 domande e 10 risposte.
     
    Posso uscire di casa per una passeggiata?
    Sì, ma non in luoghi affollati e solo se non si crea assembramento e comunque tenendo le distanze di almeno 1 metro tra le persone, evitando comunque la formazione di gruppi.
     
    Posso andare a fare la spesa in un altro Comune?
    La spesa deve essere effettuata in prossimità della residenza o domicilio quindi prioritariamente nel proprio Comune
     
    I ragazzi, bambini, famiglie possono andare al parco?
    Sì, purché i luoghi non siano affollati e non si crei assembramento e comunque sempre tenendo le distanze di almeno 1 metro tra le persone.
     
    Posso andare a casa di amici?
    No, gli spostamenti sono consentiti solo per motivate esigenze lavorative o situazioni di necessità (es. fare la spesa alimentare) o per motivi di salute secondo il DPCM
     
    Sono un nonno o una nonna che devo andare all’interno di un altro Comune a tenere i nipoti perché i miei figli lavorano, posso andare?
    Sì, spostamento consentito per necessità
     
    Sono un genitore separato posso andare a prendere mio figlio a casa dell’altro genitore?
    Sì, spostamento consentito per necessità
     
    Sono un lavoratore dipendente, posso recarmi sul posto di lavoro?
    Sì, lo spostamento per motivi di lavoro è consentito
     
    Sono un artigiano, libero professionista, lavoratore autonomo, posso spostarmi per lavoro?
    Sì spostamento consentito per esigenze lavorative, bisogna portare autocertificazione o documentazioni che comprovi la necessità dello spostamento.
     
    Sono un libero professionista, posso spostarmi liberamente?
    No, solo se per comprovate esigenze lavorative dimostrabili.
     
    Ho i genitori anziani da accudire, posso recarmi a casa loro?
    Sì, spostamento consentito per necessità.
     
    Molti sindaci del Varesotto e dell’Altomilanese stanno lanciando, attraverso diversificati mezzi di comunicazione, appelli a tutta la cittadinanza affinché rispettino la regola di rimanere in casa e di uscire solo in caso di necessità.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 11/03/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Coronavirus: controlli alla limitazione degli spostamenti
    Stop Italy 1-Vivilanotizia
    Coronavirus: controlli alla limitazione degli spostamenti

    Salute- L’emergenza Coronavirus costringe a rimanere in casa per contenere il diffondersi dei contagi pertanto il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ha inoltrato la direttiva ai prefetti per l’attuazione dei controlli nelle “aree a contenimento rafforzato”.
     
    Di seguito pubblichiamo quanto prevede la direttiva e il modulo da scaricare e compilare per l’autocertificazione… scaricabile qui
     
    1) La convocazione immediata, anche da remoto, dei Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica, per l’assunzione delle necessarie misure di coordinamento.
    2) Indicazioni specifiche per i controlli relativi alla limitazione degli spostamenti delle persone fisiche in entrata e in uscita e all’interno dei territori “a contenimento rafforzato”:

    a) gli spostamenti potranno avvenire solo se motivati da esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute da attestare mediante autodichiarazione, che potrà essere resa anche seduta stante attraverso la compilazione di moduli forniti dalle forze di polizia. Un divieto assoluto, che non ammette eccezioni, è previsto per le persone sottoposte alla misura della quarantena o che sono risultate positive al virus.
    b) I controlli sul rispetto delle limitazioni della mobilità avverranno lungo le linee di comunicazione e le grandi infrastrutture del sistema dei trasporti. Per quanto riguarda la rete autostradale e la viabilità principale, la polizia stradale procederà ad effettuare i controlli acquisendo le prescritte autodichiarazioni. Analoghi servizi saranno svolti lungo la viabilità ordinaria anche dall’Arma dei carabinieri e dalle polizie municipali.
    c) Per quanto concerne il trasporto ferroviario, la Polizia ferroviaria curerà, con la collaborazione del personale delle ferrovie dello Stato, delle autorità sanitarie e della Protezione civile, la canalizzazione dei passeggeri in entrata e in uscita dalle stazioni al fine di consentire le verifiche speditive sullo stato di salute dei viaggiatori anche attraverso apparecchi “termoscan”. Inoltre saranno attuati controlli sui viaggiatori acquisendo le autodichiarazioni.  
    d) Negli aeroporti delle aree dei territori “a contenimento rafforzato”, i passeggeri in partenza saranno sottoposti al controllo, oltre che del possesso del titolo di viaggio, anche della prescritta autocertificazione. Analoghi controlli verranno effettuati nei voli in arrivo nelle predette aree. Restano esclusi i passeggeri in transito. 
    e) Per i voli Schengen ed extra Schengen in partenza, le autocertificazioni saranno richieste unicamente per i residenti o domiciliati nei territori soggetti a limitazioni. Nei voli Schengen ed extra Schengen in arrivo, i passeggeri dovranno motivare lo scopo del viaggio all’atto dell’ingresso.
    f) Analoghe controlli verranno adottati a Venezia per i passeggeri delle navi di crociera che non potranno sbarcare per visitare la città ma potranno transitare unicamente per rientrare nei luoghi di residenza o nei paesi di provenienza.

    3) La veridicità dell’autodichiarazione potrà essere verificata anche con successivi controlli.
    4) La sanzione per chi viola le limitazioni agli spostamenti è quella indicata dal dpcm 8 marzo 2020 (articolo 650 del codice penale: inosservanza di un provvedimento di un’autorità), salvo che non si possa configurare un’ipotesi più grave.
     
    A questo proposito, al fine di fornire al pubblico un’informazione non solo corretta ma quanto più esaustiva possibile, il personale operante provvederà anche a informare gli interessati sulle più gravi conseguenze sul piano penale di un comportamento, anche solo colposo, non conforme alle previsioni del dpcm che possono portare a configurare ipotesi di reato.
    Il modulo per l’autodichiarazione degli spostamenti scaricabile qui
     
    La Redazione
    Pubblicato il 10/03/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Emergenza Covid-19 Cercasi Medici e Infermieri
    Cercasi Medici e Infermieri 1-Vivilanotizia
    Emergenza Covid-19 Cercasi Medici e Infermieri

    Varese – Lavoro – Salute – L’Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST) della Valle Olona e le aziende sociosanitarie della Lombardia ricercano personale sanitario: medici e infermieri, anche in stato di quiescenza, in grado di prestare attività assistenziale in questo momento di particolare emergenza da Coronavirus.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 09/03/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Lo snowboard protagonista a Obereggen
    Snowboard obereggen-vivilanotizia 1
    Lo snowboard protagonista a Obereggen

    Obereggen (BZ) – Lo snowboard italiano ed internazionale farà tappa ad Obereggen cuore del comprensorio altoatesino del Latemar con le stazioni trentine Pampeago e Predazzo. Resi noti gli eventi che andranno in scena da febbraio ad aprile 2020, confermando Obereggen come una delle capitali dello snowboard nazionale. Gli attesi appuntamenti sono organizzati dalla società impianti Obereggen Latemar SpA in collaborazione con alcune associazioni giovanili per la diffusione degli sport invernali.
     
    Grande apertura sabato 1 e domenica 2 febbraio 2020 con la prima edizione dell’Obereggen Snowpark Battle, organizzato dall’associazione ASV Skateboardproject di Bolzano presso lo snowpark sullo splendido Passo di Pampeago. Durante l’evento si svolgeranno una serie di impegnativi Best Tricks alla prova i riders. “Spin to win”, “Highest in the Park”, “Turbo Speed” sono solo alcune delle prove che i partecipanti dovranno affrontare per vincere ricchi premi. All’Obereggen Snowpark Battle gli snowboarder e freestyler “Skier” saranno accolti in un ambiente allietato da buona musica e specialità gastronomiche locali.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Domenica 15 marzo 2020 si svolgerà la finale italiana del circuito Italian Snowboard Tour, organizzato dalla Federazione Snowboard Italia (Fsi) che decreterà il campione e la campionessa italiana. In contemporanea si svolgerà una tappa del Rookie Tour Italy: i vincitori del tour (Rookie e Grom, maschili e femminili), a cui si aggiungerà un’atleta con wild card a discrezione di FSI, parteciperanno alle World Rookie Finals 2020 a Kitzsteinhorn Zell am See-Kaprun in Austria dal 30 al 5 aprile 2020.
     
    In aprile 2020, da venerdì 3 a domenica 5, sarà la volta del «Rock and Ride» organizzato in collaborazione con la società sportiva Black Yeti di Modena presieduta da Marco Sampaoli. Si tratterà di un mix di adrenalina ed emozioni nella tre giorni caratterizzata da party sulle piste, test materiali, live music oltre alla storica gara nello snowpark di Obereggen in collaborazione con l’associazione Neuro di Modena. Durante l’evento Rock and Ride ci sarà, inoltre, la possibilità di farsi incidere gratuitamente tatuaggi Rock.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Gran chiusura, che coinciderà con la fine della stagione invernale di Obereggen, da venerdì 17 a domenica 19 aprile 2020 col «Jib the Pipe» organizzata dall’associazione ASV Skateboardproject di Bolzano. «Jib the Pipe» consisterà in una tre giorni di jam sessions all’interno dell’Half Pipe nello stesso snowpark. Inoltre gli addetti prepareranno apposite strutture, come rampe di neve, rail e tube, per spettacolari esibizioni tra alcuni dei migliori rider europei. Numerosi i premi in palio. Inoltre gli appassionati e partecipanti potranno provare nuove tavole da snowboard di vari produttori. Il tutto sarà allietato da ottime grigliate di carne, verdure e tante buone bevande a cura dei ragazzi dello Sk8project.
    Le gare di snowboard costituiranno alcuni degli appuntamenti principali del comprensorio di Obereggen che rimarrà aperto fino a domenica 19 aprile 2020.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 24/01/2020
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Castronno la tradizionale mostra di Presepi
    Mostra presepi di Castronno-Vivilanotizia1
    Castronno la tradizionale mostra di Presepi

    Castronno (VA) – La tradizione del Natale continua a Castronno fino al 19 gennaio 2020 con una ricca Mostra dei Presepi organizzata a cura del G.A.P. Gruppo Amici del Presepio di Castronno.
    La mostra che ogni anno attira numerosi visitatori è giunta quest’anno alla sua XV^ edizione e rimarrà aperta al pubblico fino al 19 gennaio 2020 con ingresso gratuito dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.30 nei giorni festivi compreso Natale e Santo Stefano e solo nel pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 18.30 negli altri giorni, nella Sala Esposizioni della Casa Parrocchiale in via G. Matteotti,20.
     
    Particolarmente suggestiva l’ambientazione del presepe innevato tra le cime dolomitiche dalle dimensioni di 4,5 per 3,5 metri e l’affascinante grotta di ghiaccio che regala sfumature di colore dalle tonalità celeste quasi a richiamare la luminosità di un cielo limpido fino al blu intenso della notte schiarito dalle stelle. Esposta anche l’Annunciazione, Il Censimento, l’Adorazione dei Pastori in un’oasi del deserto e l’Adorazione dei Magi tra gli ulivi di Betlemme.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Il primo Presepe fu realizzato dal G.A.P. nel 1992 e continuando la tradizione negli anni nel 1999 arriva l’ambito primo premio F.O.M. nella categoria chiese parrocchiali della diocesi di Milano, così nelle festività natalizie del 2005 il gruppo amici del presepio decide di riunire tutti i lavori realizzati con dedizione e impegno negli anni passati per dare vita alla prima mostra dei Presepi di Castronno.
    Le fotografie sono tratte dal sito www.mostrapresepi.com
     
    La Redazione
    Pubblicato il 11/12/2019
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Cani da ricerca persone… Esperti internazionali
    Cani ricerca persone-Vivilanotizia 1
    Cani da ricerca persone... Esperti internazionali

    A Castiglione delle Stiviere, il prossimo fine settimana sarà terra di un Seminario Internazionale di Mantrailing che vede quale protagonista principale l’Istruttore della Polizia di Madrid Cristobal Garcia Gomez (Spagna), Noelia Pedro del Olmo (Spagna) coadiuvati dagli Istruttori Ivan Schmidt (Svizzera) e Virginia Ancona (Italia).
    Il Seminario di Mantrailing che si terrà nelle giornate del 14/15 Dicembre è organizzato dalle “Code Ignoranti Mantrailing Team” di Anna Baruzzi e Raffaella Toregiani  e da “Mare  Monti – Team Cinofilo Genova”.
    Il Mantrailing è una disciplina cinofila applicabile al settore della protezione civile (ricerca persone scomparse) ed a quello delle indagini forensi, nella quale i cani vengono formati per individuare e seguire la traccia lasciata dal decadimento cellulare della persona da ricercare; traccia che ci rende unici come un’impronta digitale. E’ una disciplina che può essere praticata come attività ludico/sportiva da cani di qualsiasi razza ed età, con enormi benefici per la relazione del binomio uomo-cane.
     
    Cristobal Garcia Gomez considerato nella sua terra uno dei massimi esperti della disciplina, oggi è conduttore cinofilo della Polizia di Madrid, esperto di “Detection Dog” (droga e esplosivi). Cristobal Garcia Gomez è a capo dell’Associazione Mantrailing Madrid e ha portato il suo metodo in giro per il mondo.
    Ivan Schmidt è considerato uno dei massimi esperti nel panorama della cinofilia biologica forense (mantrailing), nonché nella rieducazione comportamentale di cani aggressivi. In prima linea in alcuni tra i più importanti casi di ricerca persone (le gemelline Sleep in Svizzera, e Yara Gambirasio, solo per citarne alcuni), alle sue spalle vanta oltre cinquanta interventi in qualità di Consulente Tecnico, Ausiliario di PG e membro di unità cinofile nazionali ed internazionali.
     
    In una conferenza video, gli Istruttori spagnoli sono rimasti positivamente colpiti e affascinati dal paesaggio mantovano, motivo per cui è stato deciso di promuovere questo territorio per lo svolgimento dell’evento.
     
    Il seminario ha come obiettivo quello di formare i binomi che già praticano questa disciplina, incluso istruttori o appartenenti alla PCI. L’iniziativa è ormai sold out.
    La terra Mantovana quindi, è sempre pronta ad accogliere eccellenze cinofile, per insegnare e perfezionare la tecnica di ricerca molecolare.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 11/12/2019
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Obereggen: le novità per la stagione invernale
    Obereggen-vivilanotizia1
    Obereggen: le novità per la stagione invernale

    Obereggen (BZ) – Ad Obereggen, cuore del comprensorio dello Ski Center Latemar nel cuore delle Dolomiti, ad appena 20 minuti da Bolzano in Alto Adige, grazie agli investimenti della società impianti Obereggen Latemar SpA, si sono svolte tre grandi inaugurazioni. Oltre alla tradizionale apertura in notturna delle piste, illuminate a giorno, per l’inizio della stagione sciistica-invernale, si è aggiunta l’inaugurazione del nuovo rivoluzionario après-ski LOOX – the Alpine Club di Obereggen nei pressi della stazione a valle della pista Oberholz. Mentre alla luce naturale del giorno di sabato 30 novembre è stata aperta ufficialmente la nuova seggiovia a 8 posti Reiterjoch per il collegamento di Pampeago con Obereggen e Predazzo.
    Il nuovo impianto a fune, che sostituisce la vecchia seggiovia a 4 posti, permetterà in appena 2 minuti di entrare nelle piste del Passo di Pampeago ed al collegamento con Predazzo. Il nuovo impianto, realizzato dall’azienda specializzata in tecnologie funiviarie a livello mondiale Leitner ropeways, ha permesso il rimodernamento delle stazioni a valle e a monte. Le nuove stazioni della Reiterjoch sono state disegnate da Pininfarina, azienda torinese portabandiera del design italiano, combinando l’estetica con moderni dispositivi di sicurezza per permettere serene risalite per tutti gli appassionati della neve.  
    Con i collegamenti con Pampeago e Predazzo,15 impianti di risalita e 2 piste per lo slittino, oltre 200 cannoni disseminati sulle piste, un sistema d’innevamento riconosciuto tra i migliori a livello internazionale, il comprensorio del Latemar offre da 48 km di piste di difficoltà varia, 2 snowpark con halfpipe, 2 piste di slittino, 3 parchi gioco sulla neve per bambini come il Brunoland e 13 ristori alpini.
    Ma c’è di più: si potrà sciare, slittare e scendere con lo snowboard anche in notturna sulla pista Obereggen illuminata tre volte a settimana (martedí, giovedí e venerdí) dalle ore 19 alle ore 22 e magari continuare il divertimento fino a notte fonda nel nuovo rivoluzionario après-ski di Obereggen.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    E’ un luogo innovativo e si chiama LOOX, nome nato da Looking, per intendere una vista a tutto tondo e da Lux che vuole richiamare l’innovativo concetto di illuminazione. Il locale da poco inaugurato, che si trova a valle della storica pista Oberholz sarà una grande novità après-ski per appassionati di sci ed escursionisti. Le due aree distinte in cui si ramifica il locale sono entrambe sovrastate da uno spettacolare soffitto, suddiviso in due volte architettoniche in legno. La prima volta è orientata verso la pista da sci; nell’altra, rivolta a valle, è inserita la lounge che, grazie alla sua struttura longitudinale, offre un’ampia vista sulle cime delle Alpi occidentali. L’innovativa struttura reinterpreta il tradizionale tetto a due falde e, grazie alle travi portanti a doppia curvatura del tetto a vista, infonde una sensazione di leggerezza. L’atmosfera calda e luminosa è accentuata dal tetto color bronzo e dal design della facciata che riflette il meraviglioso paesaggio.
     
    In inverno come in estate l’area alla stazione a valle della pista Oberholz rappresenta il cuore pulsante della convivialità ad Obereggen. Un open air bar con terrazza accoglierà appassionati della neve ed escursionisti per una rilassante pausa. Nell’adiacente Platzl bar, ristorante e pizzeria con forno a legna potranno soddisfare i diversi palati e gusti. Il nuovo gioiello LOOX, con il suo rivoluzionario concetto di intrattenimento dedicato agli sportivi che amano divertirsi anche dopo il tramonto, proporrà musica fino a notte fonda in un’atmosfera dove eleganza e fascino si tradurranno in serate indimenticabili.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 06/12/2019
     
    Clicca qui e continua a seguirci Continua a leggere

  • La Grande Guerra a Novara alla Mostra Filatelica
    logo filatelia-vivilanotizia 1
    La Grande Guerra a Novara alla Mostra Filatelica

    Novara – L’Associazione Filatelica e Hobbistica Novarese organizza a Novara per il periodo dal 2 al 10 novembre 2019 una mostra filatelica-storico postale a testimonianza dei cambiamenti politici, geografici e sociali avvenuti in Europa dopo la Grande Guerra.
     

    La mostra nasce come prosecuzione di un’altra già realizzata l’anno scorso, dal titolo “Novembre 1919 la Guerra è finita”, nella quale la guerra è stata descritta e raccontata attraverso la corrispondenza intercorsa tra i militari e i parenti degli stessi, dove oggetti appartenenti agli ex combattenti sono stati esposti al pubblico su gentile concessione delle famiglie di appartenenza.
     
    Il materiale esposto appartiene ai soci dell’Associazione ed è accompagnato da un catalogo commentato della mostra stessa.
     
    L’evento che avrà luogo nel Complesso Monumentale del Broletto di Novara, presso la Sala Accademia vedrà Sabato 2 novembre 2019 la presenza di un ufficio temporaneo di Poste Italiane per l’annullo filatelico dedicato alla manifestazione.
    Per tutti i collezionisti, gli appassionati e gli amanti della filatelia saranno obliterate due cartoline a ricordo dell’evento.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 30/10/2019
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Milano Linate facile da raggiungere con DriiveMe
    driiveme-vivilanotizia1
    Milano Linate facile da raggiungere con DriiveMe

    Milano – L’aeroporto di Linate da poco riaperto dopo i lavori di rinnovo durati tre mesi, ha ripreso le normali attività, con la conseguenza di un traffico passeggeri in costante aumento e la necessità di spostarsi da e verso lo scalo milanese.
     
    A questo scopo DriiveMe ha messo a disposizione una flotta di autovetture a noleggio, che offrirà agli utenti la possibilità di spostarsi al costo di 1 euro, copertura assicurativa compresa, su una serie di tratte con partenza da numerose città del Nord Italia, tra cui Bergamo, Torino, Venezia, Bologna, Malpensa e Milano Centrale, in direzione dell’aeroporto di Milano Linate.
     
    Come funziona DriiveMe
    Per poter sfruttare questa possibilità è sufficiente collegarsi al sito Web di DriiveMe o utilizzare le app per Android e iOS, verificare la disponibilità del veicolo per la tratta e il giorno d’interesse e selezionare l’ora in cui verrà ritirata l’auto, che entro le 24 ore successive dovrà essere consegnata all’agenzia di riferimento dell’aeroporto milanese di Linate.
     

    Disporre di un veicolo ad un costo di noleggio bassissimo è un’opportunità che presto sarà apprezzata da chi dovrà raggiungere Linate dalle regioni vicine. E’ questa l’idea di Victor De Pasquale, responsabile operativo e business developer Italia e Spagna di DriiveMe, che con questo servizio vuole offrire un’ottima alternativa ai mezzi in particolare a chi si trova già a Milano o negli aeroporti di Malpensa o Bergamo e magari deve trasportare con sé molti bagagli o sia accompagnato da più persone.
     
    Come nasce DriiveMe
    DriiveMe nasce nel 2012 in Francia dall’intuizione dei fratelli Alexandre e Geoffroy Lambert che, considerando la necessità delle società di car rental di spostare quotidianamente i loro veicoli, hanno realizzato un’innovativa piattaforma che consente di noleggiare un’auto al costo di 1 euro. DriiveMe ha già conosciuto una rapida crescita internazionale con l’espansione nel Sud Europa, affidata al fratello minore dei fondatori, Constantin, e nel nord Europa per mano di Trevor, cugino dei fratelli Lambert. Con una presenza che copre attualmente Francia, Spagna, Portogallo, Regno Unito e dal 2019 anche Italia e Germania, DriiveMe sta già guardando oltreoceano per il prossimo futuro.
     
    Per maggiori informazioni
    informazioni: https://it.driiveme.com/
    Comunicato Stampa
     
    La Redazione
    Pubblicato il 29/10/2019
     
    Clicca qui e continua a seguirci sui nostri social
    Continua a leggere

  • Genova: emergenza bocconi avvelenati
    I consigli di Ivan Schmidt-vivilanotizia 1
    Genova: emergenza bocconi avvelenati

    Genova – Preso atto della crescente emergenza sul territorio ligure, in particolare nel Comune di Genova dei ferimenti/infortuni e decessi legati all’assunzione di bocconi avvelenati o esche (con chiodi/puntine) sul territorio Ligure in particolare nel Comune di Genova, il sottoscritto, insieme a Virginia Ancona ha deciso di mettere a disposizione GRATUITAMENTE della Comunità le proprie competenze professionali ed offrire ai proprietari due giornate intere di lavoro (12/13 novembre 2019), dove saranno trattate sia a livello teorico ma soprattutto a livello pratico l’Indifferenza e il rifiuto alle esche e bocconi avvelenati.
     
     A livello teorico sarà svolta anche un’ampia parte dedicata alla prevenzione, al senso civico, al decoro legato alla raccolta delle feci e pulizia delle urine, inclusivo dell’obbligo di utilizzo della bottiglietta per le urine.
     
    Nella fattispecie si offrirà ai proprietari e rispettivi cani, la possibilità di insegnare le tecniche per fare in modo che il cane non assuma alcun alimento/esca/boccone dal suolo. Le nostre tecniche collaudate da anni, hanno permesso di salvare molte vite di cani e vorremmo poter offrire questa possibilità anche ai proprietari di cani del Comune di Genova.
     
    L’invito sarà esteso ai Veterinari e ASL Veterinaria, Regione e Liguria (per cui é stato richiesto il Patrocinio). Virginia Ancona e Ivan Schmidt sono Istruttori Cinofili ed esperti di rieducazione comportamentale riconosciuti a livello internazionale. Inoltre Ivan Schmidt Dog Trainer Professional è Certificato DTP – Bureau Veritas (Cepas), Docente ENCI, Docente alla Bocalan di Madrid e Vincitore del Premio Internazionale del Cane, 2018. La città di Genova ospiterà dunque questo evento molto importante che permetterà oltre a svolgere una forma di prevenzione a salvare molte vite di cani.
     
    Si dichiara che l’iniziativa non ha scopo di lucro ed è totalmente gratuito. Interessati possono iscriversi inviando una mail a eventimareemonti@gmail.com. Vorremo poi estendere il progetto ad altre Regioni e Comuni interessati. Foto dei due relatori Ivan Schmidt e Virginia Ancona Credits Federica Repossi
    Comunicato Stampa
    La Redazione
    Pubblicato il 22/10/2019
    Continua a leggere

  • Un ospite d’eccezione al Bauhouse di Bari
    Ivan Schmidt - Dog Trainer - Vivilanotizia 1
    Un ospite d’eccezione al Bauhouse di Bari

    Notizie Regionali – Nel fine settimana del 12 e 13 ottobre 2019 la terra pugliese potrà avvalersi di un weekend di formazione sulle tecniche di rieducazione comportamentale di cani aggressivi e fobici confrontandosi con casi reali. 
    Presso il Bauhouse di Bari é in programma l’arrivo di un ospite d’eccezione, si tratta di Ivan Schmidt (CH/IT), Istruttore Cinofilo di fama internazionale, considerato uno dei massimi esperti nel recupero comportamentale di cani aggressivi e fobici.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Esperto di cinofilia forense, Ivan Schmidt, è stato in passato in prima linea in alcuni tra i più importanti casi di ricerca persona (ad esempio le gemelline Alessia e Livia Shepp in Svizzera, Yara Gambirasio, per citarne solo alcuni, con diverse presenze a Quarto Grado). Alle sue spalle vi sono oltre cinquanta interventi in qualità di Consulente Tecnico, Ausiliario di PG e Membro di Unità Cinofile sia Nazionali che Internazionali. 
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Ivan Schmidt ha svolto diverse docenze sia nazionali che Internazionali passando da Università prestigiose fino ad approdare anche alla Fondazione Bocalan di Madrid, una delle più rinomate scuole cinofile, presente in diversi Paesi tra cui il Sudamerica.
    Ivan Schmidt opererà durante questo grande evento in cooperazione con l’Istruttore Cinofilo Virginia Ancona, da molti anni al suo fianco nelle docenze e nei recuperi comportamentali di cani aggressivi e fobici. 
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    All’evento parteciperanno proprietari di cani, personale del settore cinofilo, educatori cinofili, istruttori cinofili ma anche Veterinari. Una due giorni di alta formazione e confronto sulle tecniche di rieducazione.  Sarà mostrata ad esempio la tecnica di rieducazione comportamentale di soggetti aggressivi in acqua (piscina) che all’interno dei protocolli sta riscontrando un grande successo su molti soggetti. 
    Grazie a queste e ad altre tecniche di lavoro (es. Mantrailing), Ivan e Virginia hanno potuto salvare negli anni centinaia di cani da eutanasia, somministrazione di psicofarmaci o isolatamente in canile.
    Ulteriori approfondimenti sono spiegati su 
    www.instagram.com/ivanschmidt_official/  www.facebook.com/ivanschmidtofficial/
    Comunicato stampa
    La redazione
    Pubblicato il 9/10/2019
    Continua a leggere

  • Sando Jazz Outdoor Experience, prima edizione nel Verbano
    Sando-Jazz-vivilanotizia-1
    Sando Jazz Outdoor Experience, prima edizione nel Verbano

    San Domenico di Varzo (VB) – Sando Jazz Outdoor Experience é la prima edizione di un’esperienza innovativa da vivere immersi nella musica e nella natura, attraverso un unico percorso nel territorio di San Domenico di Varzo.
     
    L’iniziativa Ossolana vuole coniugare la musica jazz con la natura di un incantevole territorio montano affinché tutti: sia gli appassionati di musica jazz, sia il turista occasionale, possano ascoltare le note melodiose ed intense di questo genere musicale esaltato dal fascino dell’ambiente montano.
    Il programma prevede una serie di appuntamenti che hanno inizio da giovedì 1 agosto 2019 fino a domenica 4 agosto 2019 per una quattro giorni di esperienze musicali davvero particolari.
     
    Giovedì 1 agosto inaugurazione di una mostra unica e originale dal titolo JAZZPASSION. Si tratta di una raccolta fotografica privata di immagini uniche ed originali di musicisti jazz, per proseguire durante tutto il fine settimana con esperienze che abbinano la musica con la natura e il territorio una più particolare dell’altra: “COCKTAIL & MUSIC” con MAX TEMPIA (Maurizio Costanzo Show) e FABIO BUONAROTA (gruppo di Mario Biondi) il pomeriggio di Venerdì 2 agosto, mentre la sera sempre del 2 agosto Dinner & Music “IMMAGINI DAL MONDO”:
    Silvano Moroni si racconta mettendo in risalto il connubio Uomo – Ambiente attraverso una serie di immagini realizzate in oltre 35 anni di viaggi e scalate nel mondo (Africa, Asia, Sud America e Oceania), con un particolare riguardo al Tibet, ancora una volta con l’accompagnamento strepitoso del duo TEMPIA BUONAROTA
     
    Sabato 3 agosto serata clou, con MAX DE ALOE QUARTET in: BJORK ON THE MOON (JAZZ & OUTDOOR EXPERIENCE). Per il cinquantesimo del primo uomo sulla luna un lavoro straordinario ispirato alle musiche della celebre cantante compositrice islandese in un luogo affascinante quale può essere solo l’Alpe Ciamporino dove il connubio musica e montagna verrà esaltato dall’ambiente.
     
    Si potrà raggiungere l’Alpe guidati da Silvano Moroni con partenza da San Domenico alle ore 17.30 attraverso una bella escursione con una cena in quota che culminerà con un grande e unico concerto, che accompagnerà gli spettatori per due ore con musiche di alto livello dove le grandi montagne sapranno creare una scenografia naturale dal fascino irresistibile.
     
    All’Alpe Ciamporino si potrà arrivare anche in seggiovia con salita alle 19.30 invece per tutti rientro in seggiovia a San Domenico, alla fine del concerto, sotto l’affascinante luce della Luna. Domenica 4 agosto Alpe Veglia Desafinado Project Camilla Pagani alla voce e Matteo Goglio alla chitarra offriranno un’ esperienza irripetibile: escursione giornaliera ancora una volta con la guida Silvano Moroni, musica di alto profilo in luoghi unici ed affascinanti. Fra le frazioni alpestri del Veglia, in alcuni punti scelti per le affascinanti caratteristiche di ambiente e paesaggio, i Desafinado Project Duo allieteranno il pubblico con musica di alto spessore.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Si chiude Domenica 4 agosto alle ore 17, nuovamente a San Domenico di Varzo, questa volta nel piazzale antistante l’Hotel La vetta, con uno spumeggiante “Tra il Tango ed il Jazz” ancora una volta Max De Aloe all’armonica cromatica e fisarmonica con Roberto Olzer al pianoforte chiuderanno la kermesse con un aperitivo unico, esclusivo a cui non mancare per la conclusione di questo primo Sando Jazz Outdoor Experience. Brani di Carlos Gardel, Astor PIazzolla, Richard Galliano miscelati con standard jazz di Irvin Berlin, Duke Ellington e Charlie Parker.
     
    San Domenico di Varzo per quattro giorni diventerà la capitale del jazz ad alta quota grazie alla collaborazione iniziata con San Domenico Ski e il gruppo Mira Hotels. In questo territorio si sta sviluppando infatti un progetto Continua a leggere

  • Alla Corte dei Suardo nel borgo di Bianzano
    Alla-corte-dei-Suardo-vivilanotizia-1
    Alla Corte dei Suardo nel borgo di Bianzano

    Bianzano (BG)- Alla Corte dei Suardo é una Rievocazione Storica Medioevale ormai giunta alla sua 18^ edizione e che quest’anno sarà riproposta a Bianzano in provincia di Bergamo, nella splendida cornice panoramica del lago di Endine, da giovedì 1 a domenica 4 agosto 2019.
     
    La manifestazione é ambientata nel 1367 al Castello Suardo, nei cortili e lungo le vie del centro storico, dove verranno riproposti antichi mestieri, un solenne corteo in abiti d’epoca, spettacoli di strada, cucina medioevale, cultura e tradizioni locali.
    Numerose ambientazioni nei cortili più caratteristici del centro storico, saranno i luoghi ideali per avvicinarsi alle tradizioni e ai prodotti tipici della Valle Cavallina. Oltre 150 residenti in costumi d’epoca, confezionati artigianalmente, accoglieranno nei loro cortili e negli angoli più suggestivi del borgo storico i turisti e i visitatori per visite guidate alla scoperta della storia locale.
     

    A questo spettacolo di bellezze storiche e naturali si affianca una ricca cornice di spettacoli: sbandieratori,arcieri, falconieri, maestri d’arme, cavalieri, musici, giullari, fachiri, poeti cortesi, danzatori, trampolieri,sputafuoco e mangiaspade…il tutto presentato in una quattro giorni ricca di iniziative rivolte a tutte le età. Il clou della manifestazione è previsto nel pomeriggio di domenica 4 agosto 2019 in occasione del corteo e dei festeggiamenti per l’arrivo a Bianzano dei conti Suardo.
     
    La manifestazione è patrocinata dal Comune di Bianzano, ed è organizzata dall’Associazione di Promozione Culturale e Turistica Pro Bianzano che, da ventidue anni, lavora ininterrottamente per garantire coerenza ed innovazione ed è appoggiata e sostenuta dai gruppi di volontariato che operano sul territorio comunale e della valle.
    Per informazioni www.cortedeisuardo.com tel.035 814001 – cell. 348 3193827
    La Redazione
    Pubblicato il 18/07/2019
    Continua a leggere

  • Mino Favini Un grande uomo di Calcio
    Mino-Favini-Vivilanotizia-1
    Mino Favini Un grande uomo di Calcio

    E’ scomparso nella notte a 83 anni, Fermo Favini noto a tutti gli appassionati di calcio come Mino. Una figura di educatore che è ricordata dalle società nelle quali ha lavorato per la sua coerenza e il suo modo gentile e deciso, che lo ha sempre contraddistinto nelle sue scelte e direzioni prese negli anni per il bene del calcio giovanile che tanto ha amato.
    Grande scopritore di talenti prima a Como e poi a Bergamo con l’Atalanta nelle sue scuole di calcio e di vita dove istaurava rapporti aperti con i genitori dei ragazzi che seguiva e che ha portato molti dei suoi giovani a vestire le più ambite maglie del calcio nazionale.
    Da leggere anche l’ultima intervista pubblicata sul Corriere dello Sport del grande Mino.
    Un grande uomo da ricordare e sempre da considerare come esempio per tutti i nostri vivai calcistici.
    In questa intervista del collega Mattia Giacobone per il Talk Show “Professionisti del Calcio” si coglie tutta la semplicità e la modestia di un grand’uomo quale è stato.
    La Redazione
    Pubblicato il 23/04/2019
    Continua a leggere

  • Pinocchio dell’anno vi aspetta a Vernante
    Pinocchio-dell'anno-vivilanotizia 1
    Pinocchio dell'anno vi aspetta a Vernante

    Vernante (CN) – Torna venerdì 12 e sabato 13 aprile 2019 la tredicesima edizione di Pinocchio dell’anno, dedicata alla premiazione del concorso nazionale di pittura e arti grafiche Attilio Mussino che quest’anno si intitola Pinocchio a spasso con i grandi artisti.
    Pinocchio, il vivace burattino che tutti noi conosciamo fin da bambini, è stato raccontato da Carlo Collodi e illustrato da Attilio Mussino. E proprio qui a Vernante Attilio Mussino volle trascorrere i suoi ultimi anni, per questo dopo la sua morte, in suo onore furono realizzati più di 150 murales sulle pareti delle abitazioni, presenti in tutte le vie e le piazze del paese. Per tenere viva questa immortale favola è da tredici anni che il comune di Vernante in collaborazione con associazioni locali organizza l’evento Pinocchio dell’anno. Quest’anno 2019 il Pinocchio dell’anno é organizzato dal Comune insieme all’associazione Noau Officina Culturale, con la collaborazione del Parco Naturale Alpi Marittime e della Pro Loco di Vernante.
    Le due giornate dedicate alla premiazione del bando di concorso si svolgeranno attraverso una ricca scelta di eventi proposta al pubblico con un programma accattivante che vedrà per la giornata di sabato 12 aprile 2019 una visita guidata tra le case del paese, alla scoperta dei 150 murales realizzati dai pittori locali Bruno Carlet e Meo Cavallera, raffiguranti le avventure del burattino più amato da bambini e genitori. Si passerà poi alla mostra dei lavori partecipanti alla 13^ edizione del Concorso di pittura e arti grafiche dal titolo Pinocchio a spasso con i grandi artisti e alla premiazione delle opere vincitrici. Dopo la cerimonia seguirà un coinvolgente spettacolo teatrale che racconterà con grande ironia la storia di Pinocchio, un barattino che voleva diventare bambino. Nel pomeriggio sarà la volta di un’entusiasmante caccia al tesoro nel centro storico di Vernante, per aiutare Pinocchio a ritrovare le monete perdute. Domenica 13 aprile 2019 dalle ore 9.30 chi ne avrà voglia potrà cimentarsi a ritrarre le vie, le piazze e gli scorci di un caratteristico borgo di montagna. E’ sufficiente lasciarsi circondare dalla calma e dalla bellezza di un luogo incontaminato per gettare su un blocco bianco tracce di uno schizzo colorato con qualche acquarello. Nel pomeriggio di domenica invece gli attori e i ballerini della scuola di Arabesque daranno vita a uno spettacolo di teatro e danza itinerante per le vie del borgo storico. Sempre nel pomeriggio non mancheranno laboratori per i più piccoli per realizzare, con colori pastelli, colla e forbici, pop-up delle avventure di Pinocchio.
    L’evento si svolgerà nel centro storico di Vernante nelle varie location indicate dal programma. Per informazioni www.pinocchiodellanno.it
    La Redazione
    Pubblicato il 22/03/2019
    Continua a leggere

  • Suoni e ritmi per la pace
    Palazzo-d'inverno-cagliari
    Suoni e ritmi per la pace

    Cagliari – Prende il via lunedì 3 settembre 2018 alle ore 8.00 presso l’Orto Botanico di Cagliari, la seconda parte dei laboratori per bambini dai 5 ai 12 anni “Suoni e ritmi per la pace” organizzati dall’Associazione Culturale Palazzo d’Inverno.
    Dopo la pausa estiva, l’appuntamento è dal 3 all’ 11 settembre 2018, dal lunedì al venerdì dalle ore 08,00 alle ore 14,00 e il martedì e il giovedì fino alle ore 17,30. L’evento è ideato, organizzato e coordinato in collaborazione con il  C.R.U.C. Circolo Ricreativo dell’Università di Cagliari, la Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato Pubblica Istruzione, Informazione, Sport e Spettacolo e l’Hortus Botanicus  karalitanus (Hbk) Università degli Studi di Cagliari.
    Si tratta di una consolidata esperienza con i più piccoli che l’Associazione Culturale Palazzo d’Inverno porta avanti ormai da vent’anni, con grande entusiasmo nell’approccio e confronto con il sorprendente universo dei bambini e con crescenti gratificazioni sul piano socio/pedagogico.
    Nel meraviglioso e rigoglioso verde di questa oasi cittadina, bambini e ragazzi sperimentano infatti una straordinaria esplicitazione delle proprie potenzialità creative, in un contesto di gruppo che favorisce la maturazione individuale e collettiva nel rispetto delle differenze.
    Gioco, musica, teatro, racconto e socializzazione tracciano i punti essenziali di una mappa di apprendimento informale ed emozionale, decisamente preziosa per trasformare ogni timore e timidezza in chiave d’accesso verso un’armonica evoluzione personale. E’ infatti importantissimo che la fantasia dei bambini venga costantemente stimolata a manifestarsi nella sua totalità, in quanto benefico regolatore dell’equilibrio emozionale dei più piccoli che si affacciano al mondo. La creatività e la capacità di esternarla permettono infatti ai bambini di dichiararsi, esprimersi, acquisire consapevolezze al fine di renderli veri protagonisti e non solo fruitori del mondo.
    “Suoni e ritmi per la pace” riunisce una pluralità di attività ludiche ed artistiche, che potenziano le peculiarità di ciascuno, in un crescendo di connessione con le emozioni e immaginario più intimi, attraverso un percorso di continua condivisione. Un “habitat” in cui si rafforza l’autostima e la fiducia nelle proprie capacità facilitando la strada verso l’autonomia.
    Lavorare assieme agli altri, confrontandosi e divertendosi in squadra, all’aria aperta e a contatto con la natura, sono le caratteristiche che ormai da anni rendono i laboratori dell’Associazione Culturale Palazzo d’Inverno un appuntamento fortemente atteso dai più piccoli e dalle loro famiglie. 
    Per qualsiasi informazione: A.C. Palazzo d’Inverno – Coordinatrice Laboratori Alessandra Sainas
    Mobile.:  3928625400 Email: a.c.palazzodinverno@tiscali.it
    Comunicato  Stampa Associazione Culturale Palazzo d’Inverno
    La Redazione
    Pubblicato il 28/08/2018
    Continua a leggere

  • Trofeo KIMA torna a Sondrio
    KIMA-LOGO-200
    Trofeo KIMA torna a Sondrio

    Val Masino (SO) –  Domenica 26 agosto 2018 sono attesi in Val Masino provincia di Sondrio i 300 atleti, selezionati tra un numero di 1200 richieste, provenienti da 43 nazioni, pronti a gareggiare per il trofeo Kima, quest’anno giunto alla sua 23esima edizione.
    Cinquantadue chilometri, sette passi e 8.400m di dislivello sono i dati di questo percorso tecnico che ogni due anni vede gli atleti competere in un percorso dove sono presenti morene, nevai, creste e stretti corridoi per una gara spettacolare. Tutto il percorso, che dovrà essere concluso nel tempo massimo di 11 ore, sarà segnalato con segnavia bianco-rosso-bianco propri del Sentiero Roma, con bandierine fluorescenti arancioni e, a valle e sugli attraversamenti delle strade, con nastri bianchi e rossi e frecce gialle; ad ogni passo verrà posto un cartello informativo sul chilometraggio percorso e da percorrere.
    Il Comitato Organizzatore per assecondare le numerose richieste di appassionati di montagna propone per sabato 25 agosto 2018, due diversi percorsi adatti ai giovani runner e alle famiglie con bambini. Il Mini Kima prevede un tracciato di 6 km mentre con il Kima Trail Running si percorrono 14 km lungo una caratteristica mulattiera fino all’abitato San Martino.
    Per informazioni, iscrizioni e regolamento www.trofeokima.org
    La Redazione
    Pubblicato il 24/07/2018
    Continua a leggere

  • Il dirigibile N4 Italia
    Il dirigibile N4 Italia

    Milano- In occasione del novantesimo anniversario della spedizione polare del dirigibile Italia N4 guidata dal Generale Umberto Nobile, per tutto il mese di giugno all’Archivio di Stato di Milano si potrà visitare la mostra Novant’anni dalla spedizione polare del dirigibile N4 Italia. Protagonista della mostra è un documento proveniente dal Fondo di Gabinetto di Prefettura di Milano e si tratta di un telegramma manoscritto cifrato indirizzato all’allora Prefetto di Milano, Giuseppe Siragusa, al Capo di Governo, Benito Mussolini. Molto interessante sia per la sua forma, una volta srotolato occupa circa un metro lineare all’nterno della teca espositiva, sia per il suo contenuto criptato.
     
    Il documento e la mostra correlata saranno visitabili in Archivio di Stato di Milano fino al 30 giugno presso la sala Mappe e la Sala Conferenze dell’Archivio, in via Senato 10, negli orari di apertura dello stesso:
    – lunedì-venerdì: 8.00 – 17.45
    – venerdì: 8.00 – 14.45
    – sabato: 8.00 – 13.45
    In mostra, oltre ai documenti dell’Archivio di Stato, anche alcune testimonianze fotografiche/filmate e documentarie di:
    – Archivio storico Istituto Luce
    – Archivio storico Fondazione Corriere della Sera
    – Civico Archivio Fotografico Musei del Castello Sforzesco
    – Collezione privata del Presidente dell’Associazione Italiana di Aerofilatelia, Roberto Gottardi
    – Società Geografica Italiana
    – Ufficio Storico dell’Aeronautica Militare di Roma
     
    Curatrice del documento del mese e mostra Dott.ssa Francesca Zara
    La Redazione
    Pubblicato il 01/06/2018
    Continua a leggere

  • Concerto a Portofino
    Concerto a Portofino

    Portofino (GE) Domenica 25 Marzo 2018 alle ore 16.30 presso la Chiesa Divo Martino – Portofino si terrà il Concerto “Siamo Giunti, Ecco il Golgota”.
    Un itinerario nei luoghi della Passione di Cristo arricchito da un ricercato dialogo Musicale tra l’Organo  concertante, affidato alle mani dell’organista Davide Merello, in alternanza con la sonorità del Coro Polifonico Canticorum Jubilo e del Soprano Chiara Bisso accompagnati dall’orchestra d’Archi Janua Ensemble. Cinquanta musicisti daranno vita ad alcune tra le pagine più profonde e impegnate pagine  del repertorio musicale dedicato al tema della Passione con l’esecuzione di opere di grandi compositori come De Victoria, Bach, Mozart e Mendelssohn.
    La grande musica a servizio della parola, per rendere il massimo valore e drammaticità della narrazione della Passione, sarà affidata alle voci di Cinzia Macchia, Nicolò Scanavino e Maurizio Cichero.
    Introduzione don Alessandro Giosso
    Coro Polifonico Canticorum Jubilo
    Orchestra d’Archi Janua Ensemble
    Organista Davide Merello
    Soprano Chiara Bisso
    Direttore Carlo Prunali
    Voce narrante Cinzia Macchi
    Per raggiungere Portofino con i mezzi pubblici
    Partenza: BUS h.15.32 da Rapallo Stazione e h. 15.45 da S.Margherita Ligure (P.zza Vittorio Veneto)
    Ritorno: BUS h.18.00 oppure h. 18.55 da Portofino.
    La Redazione
    Pubblicato il 19/03/2018
    Continua a leggere

  • Obereggen e il Carnevale 2018
    Obereggen e il Carnevale 2018

    Obereggen (BZ), uno dei cuori del comprensorio altoatesino e trentino del massiccio dolomitico del Latemar con Pampeago e Predazzo, si traveste da…Carnevale 2018.
    Dall’ 8 febbraio al 13 febbraio, come vuole una tradizione consolidata, il carosello del Latemar proporrà un ricco programma di animazione sulle piste e alla stazione a valle degli impianti.
    Giovedì 8 febbraio, lunedì 12 e martedì 13 febbraio, all’ingresso degli impianti di risalita, visagiste professionali coloreranno i visi di sciatori e snowboarder per discese carnevalesche mozzafiato lungo i 48 chilometri delle piste nere, rosse ed azzurre all’ombra del Latemar.
    Sabato 10 febbraio e martedì 13 febbraio, ultimo giorno di Carnevale 2018, divertimento assicurato con la Clown Malona dei Clowndoctors Südtirol-Alto Adige sul campo scuola Eben di Obereggen.
    Sabato 10 febbraio si aprirà, alle ore 8, con la tradizionale colazione bavarese al «Platzl-Obereggen».
    Attrazione della giornata saranno le «Ponzen», gli sci ricavati dalle doghe delle botti di vino infilati da un goliardico gruppo di appassionati di Obereggen e dintorni per la sorpresa di grandi e piccini. Gran finale con la «Historic Day Party» nella tenda indiana “Tipi”.
     Lunedì 12 febbraio artisti come clown, fumettisti, mimi e giocolieri allieteranno gli ospiti in ognuno dei 12 rifugi del comprensorio del Latemar dalle ore 10,30 alle ore 16. Sempre lunedì la festa si concluderà, alle ore 21,30, con l’atteso Obereggen Carneval Night Show, spettacolo, promosso dalla scuola di sci e snowboard di Obereggen: i migliori freestyler della scuola elettrizzeranno l’atmosfera con numeri entusiasmanti su sci o snowboard al ritmo dell’Open Air Disco. I più piccoli potranno divertirsi con l’Orso Bruno mentre dalla pista si esibiranno i gatti della neve. Gran finale con i fuochi d’artificio e l’After Show Party nella tenda indiana “Tipi”. L’ingresso per il “Obereggen Carneval Night Show” è gratuito!
    Martedì 13 febbraio, alle ore 14,30, prenderà il via lo slalom mascherato sulla pista Canalone-Agnello di Pampeago mentre sul campo scuola Eben di Obereggen ci sarà clown Malona ad intrattenere i bambini.
    Per i più festaioli la tenda indiana «Tipi» alla stazione a valle della storica pista Oberholz di Obereggen, organizzerà diversi eventi in alcune serate.
    Giovedì grasso 8 febbraio, come vuole una tradizione consolidata, la festa dedicata alle maschere di cow boy, indiani e pirati; venerdì 9 febbraio la festa avrà come grandi protagonisti i lupi mascherati, sabato 10 febbraio sarà la volta di C’era una volta…retro Apres Ski. Lunedì 12 febbraio sotto i riflettori ci sarà il romantico ballo del Lunedì Grasso e martedì 13 febbraio serata-evento con dj Willi.
    Il Carnevale costituisce uno degli appuntamenti principali del comprensorio di Obereggen che rimane aperto fino all’ 8 aprile 2018.
    Informazioni: www.obereggen.com.
    Comunicato Stampa
    La Redazione
    Pubblicato il 05/02/2018
    Continua a leggere

  • A Sanremo 2018 il Pizzomunno
    A Sanremo 2018 il Pizzomunno

    Sul palco del teatro Ariston di Sanremo 2018 arriverà anche La leggenda di Cristalda e Pizzomunno cantata dal grande artista italiano Max Gazzè, accompagnato da Roberto Gatto alla batteria e da Rita Marcotulli al pianoforte. Il Pizzomunno, simbolo della città di Vieste nel Gargano in Puglia, è il grande faraglione bianco che sovrasta la costa sud. Bello, alto, splendente, bianco candido,  sopra un mare azzurro, il Pizzomunno racchiude una leggendaria storia d’amore riproposta a Sanremo in una canzone di Max Gazzè dalla grande leggerezza creativa.
     
    Si narra infatti che Pizzomunno,  un affascinante pescatore di Vieste innamorato della sua bella Cristalda, giovane e altrettanto affascinante fanciulla, ogni giorno al calar del sole si imbarcava dalla spiaggia  di Vieste per andare tra le onde del Mediterraneo per svolgere il suo lavoro. Ma durante la notte Pizzomunno veniva richiamato dalle voci ammalianti delle sirene, che lo corteggiavano e lo volevano tutto per loro. Pizzomunno però era fedele alla sua amata ed ogni volta le rifiutava suscitando in loro un forte odio. L’invidia delle sirene era tale che una sera, mentre i due giovani amoreggiavano sulla spiaggia, esse trascinarono con forza Cristalda negli abissi del Mediterraneo. Pizzomunno non riuscendo a salvare la sua amata si pietrificò dal dolore e si trasformò nella bellissima roccia candida circondata da acque cristalline, che oggi è l’emblema della città di Vieste. La leggenda continua, perché l’amore vero è eterno e narra che ogni 100 anni proprio su quella spiaggia i due amanti si ricongiungono fino all’alba, quando  ai  primi raggi di sole le sirene giungono dal mare per riprendersi la giovane donna. In quel preciso istante in cui Cristalda raggiunge gli abissi marini anche Pizzomunno ritorna ad assumere le sembianze dello splendido monolite bianco ai piedi di Vieste.
     
    Ecco il testo della canzone:
     
    La leggenda di Cristalda e Pizzomunno
    Tu che ora 
    Non temi, 
    Ignorane 
    Il canto… 
    Quel coro ammaliante
    Che irrompe nella mente 
    E per quanto 
    Mulini 
    Le braccia oramai 
    Non potrai 
    Fare più niente. 
    Ma se ti rilassi 
    E abbandoni 
    Il tuo viso 
    A un lunghissimo 
    Sonno, 
    O mio Pizzomunno, 
    Tu guarda 
    Quell’onda 
    Beffarda 
    Che affonda 
    Il tuo amore indifeso. 
    Io ti resterò 
    Per la vita fedele 
    E se fossero 
    Pochi, Anche altri cent’anni! 
    Così addolcirai gli inganni 
    Delle tue sirene… 
    Cristalda era bella 
    E lui da lontano 
    Poteva vederla 
    Ancora così 
    Con la mano 
    Protesa 
    E forse una lacrima scena 
    Nel vento. 
    Fu solo un momento, 
    Poi lui sparì 
    Al largo 
    E lei in casa cantando… 
    Neppure il sospetto 
    Che intanto 
    Da sotto 
    La loro vendetta 
    Ed il loro lamento! 
    Perché poveretta 
    Già avevano in cuore 
    I muscoli tesi 
    Del bel pescatore, 
    E all’ennesimo 
    Suo rifiuto 
    Un giorno fui punito! 
    Ma io ti aspetterò… 
    Io ti aspetterò, 
    Fosse anche per cent’anni aspetterò… 
    Fosse anche per cent’anni! 
    E allora dal mare 
    Salirono insieme 
    Alle spiagge 
    Di Vieste 
    Malvaghe 
    Sirene… 
    Qualcuno le ha viste 
    Portare 
    Nel fondo 
    Cristalda in catene 
    E quando 
    Le urla 
    Raggiunsero il cielo, 
    Lui impazzì davvero 
    Provando 
    A salvarla, 
    perché più non c’era… 
    E quell’ira 
    Accecante 
    Lo fermò per sempre. 
    E così la gente 
    Lo ammira 
    Da allora, 
    Gigante 
    Di bianco calcare 
    Che aspetta tuttora 
    Il suo amore 
    Rapito 
    E mai più tornato! 
    Ma io ti aspetterò… 
    Fosse anche per cent’anni aspetterò… 
    Fosse anche per cent’anni aspetterò… 
    Fosse anche per cent’anni! 
    Io ti aspetterò 
    Fosse anche per cent’anni! 
    Si dice che adesso 
    E non sia leggenda, 
    In un’alba 
    D’agosto 
    La bella Cristalda 
    Risalga 
    Dall’onda 
    A vivere ancora 
    Una storia 
    Stupenda.
     
    Alessia Campaniello
    4A Liceo Scientifico “Fazzini-Giuliani” – Vieste – Testo pubblicato sul portale dell’emittente radiofonica Onda Radio-Vieste.
    La Redazione
    Continua a leggere

  • Obereggen impianti aperti
    oberegge-vivilanotizia-logo
    Obereggen impianti aperti

    Gli impianti e le piste da sci aprono domani 1 dicembre 2017 con 20 cm. di neve fresca. Il noto centro altoatesino di Obereggen a pochi chilometri da Bolzano e cuore del comprensorio sciistico del Latemar con Pampeago e Pedrazzo, aprirà le piste da sci venerdì 1 dicembre 2017 alle ore 8.30.
    Gli impianti aperti saranno 10, col collegamento fino a Pampeago. Sempre Venerdì alle ore 19.00 Obereggen darà il via allo sci, allo slittino e allo snowboard notturno. Ulteriori impianti e piste apriranno sabato 2 dicembre 2017 che collegheranno Oberaggen anche a Predazzo. 
    Ecco di seguito quando e dove apriranno gli impianti
    VENERDÌ 01/12/2017
    Obereggen:
    –                Cabinovia a 8 posti Ochsenweide
    –                Seggiovia a 4 posti Oberholz (e Rifugio Oberholz)
    –                Seggio-cabinovia Laner (Seggiole a 6 posti + cabine a 8 posti)
    –                Seggiovia a 6 posti Absam-Maierl
    –                Seggiovia a 4 posti Reiterjoch
    –                Seggiovia a 4 posti Obereggen
    –                Skilift Eben
    –                Piste per lo slittino: Obereggen (Laner-Obereggen) e Absam (Laner-Absam)
    Pampeago:
    –                Seggiovia a 4 posti Agnello (già aperta dal 25/11)
    –                Seggiovia a 4 posti Latemar (già aperta dal 25/11)
    –                Seggiovia a 3 posti Campanil (già aperta dal 25/11)
     
    DA SABATO 02/12/2017
    Pampeago:
    –                Seggiovia a 4 posti Tresca
    –                Seggiovia a 4 posti Campo Scuola Latemar
    –                Seggiovia a 4 posti Residenza
    Predazzo:
    –                Cabinovia a 8 posti Stalimen-Gardonè
    –                Seggiovia a 4 posti Gardonè-Passo Feudo
    –                Seggiovia a 4 posti Campo Scuola Gardonè
    La situazione degli impianti, delle piste e della neve è ottima, non resta che augurarvi buone sciate!
    La Redazione
    Pubblicato il 30/11/2017
    Continua a leggere

  • Mercatini di Natale sulla neve
    mercatini-bolzano-1
    Mercatini di Natale sulla neve

    OBEREGGEN (BZ) Il fascino dei mercatini di Natale a Bolzano e l’assaggio della prima neve a Obereggen farebbero innamorare chiunque abbia il desiderio di trascorrere tre o quattro giorni prima di Natale sulla neve delle meravigliose Dolomiti del comprensorio del Latemar decretato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.
    Obereggen si trova ad appena 20 km da Bolzano in Alto Adige e aprirà le piste da sci venerdì 1 Dicembre 2017. Gli appassionati di sci e non solo potranno godere della supervantaggiosa offerta valida fino al 23 Dicembre 2017 che prevede 4 giorni di soggiorno e skipass al prezzo di 3 oppure 8 giorni di soggiorno e skipass al prezzo di 6. Gli ingredienti per una vacanza sulla neve prima di Natale ci sono tutti: sci, snowboard, slittino, anche in notturna, parchi per i bambini, passeggiate con gustose soste enogastronomiche e shopping tra le illuminanti bancarelle dei mercatini di Natale di Bolzano.
    Mercatini di Natale di Bolzano
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Piazza Walther e il parco della stazione con l’attesa pista di pattinaggio su ghiaccio sono i cuori dei mercatini natalizi di Bolzano.
    Le novità: due cortili del centro storico si accenderanno con i suoni dell’Avvento Alpino e un alternarsi di piccoli artigiani al lavoro.
    Ai piedi del grande albero di Natale, in piazza Walther, tornerà il presepe in fedele versione alpina. Non mancheranno i dolci: Lebkuchen, frittelle di mele, biscotti, Zelten, Stollen serviti con una tazza di vin brulé, cioccolata o un succo di mela caldo.
    E per gli amanti del buon vino il Mercatino propone uno stand dedicato ai vini tipici dell’Alto Adige.
    Come arrivare ad Obereggen:
    All’uscita autostradale Bolzano Nord girare a destra in direzione Bolzano, dopo circa 0,5 km svoltare alla rotonda in direzione Val d’Ega (SS 241) e proseguire fino a Ponte Nova. Arrivati a Ponte Nova al bivio girare a destra e proseguire fino ad Obereggen (circa 25 minuti dal casello autostradale).
    Per informazioni: Impianti di risalita Obereggen (BZ) Tel. 0471.618.200 www.obereggen.com
    La redazione
    Pubblicato il 27/11/2017
    Continua a leggere

  • Shel Shapiro & la Bella Società
    Shel Shapiro & la Bella Società

    CAGLI (PU)-MARCHE Sabato 21 ottobre 2017 ore 21.00 il Teatro di Cagli, nelle Marche, ospita una nuova anteprima italiana, in questa occasione è l’intramontabile Shel Shapiro a salire sul palco per presentare il nuovissimo concerto-spettacolo “Quasi una leggenda”. Con Shel ci sono i fidati musicisti della sua band “La bella società”, pronti a regalare al pubblico musica e parole indimenticabili. “Quasi una leggenda” è uno spettacolo- concerto che racconta più di trent’anni di musica, da Nashville a Londra a Roma, dagli anni ’50 agli anni ’80 e la lunga strada di un ragazzino che sognava di suonare la ‘ guitar’ da grande. La passione , la gavetta , le difficoltà e le gioie di uno, cresciuto nella musica, circondato della musica per arrivare, alla fine, al successo. Cantante, compositore, produttore, arrangiatore Shel Shapiro non è “quasi una leggenda”, per diverse generazioni è assolutamente una Leggenda, con la ELLE maiuscola. Da “Che colpa abbiamo noi”, “Bisogna saper perdere”, “Piangi con me” a “Lascia l’ultimo ballo per me”, “C’é una strana espressione nei tuoi occhi”, “É la pioggia che va”. Da Jerry Lee Lewis a Ray Charles a Mia Martini e Mina per le quale Shel ha scritto, arrangiato e prodotto molti dischi di grande successo. E poi Tenco, REM, Phil Collins, Tina Turner, Francesco de Gregori sono tutti presenti e Shel, assieme alla “Bella Societá”, cioè Daniele Ivaldi , Gabriele Bernardi, Miki Vitulli, Anna Stella Camporeale e Bruno Farinelli, vi accompagnerà in un viaggio irripetibile, intrigante, emozionante e indimenticabile. Come dice una canzone di Shel , «per amore della musica non é stato semplice , non lo é stato mai ‘ ma se senti un brivido, farti riconoscere, uno sguardo lucido mi basterà». Ecco “emozione”, è la parola che Shel Shapiro usa di più. Anche in occasione di questa anteprima italiana, Shel Shapiro e la sua Band saranno per cinque giorni in residenza al Teatro di Cagli per provare e mettere a punto il nuovo spettacolo che poi andrà in tour nei maggiori teatri italiani. Biglietti Platea-palchi Settore A 20,00 € – Palchi Settore B 15,00 € – Loggione 10,00 €
    Botteghino del Teatro: Tel. 0721 781341 e mail: botteghino.teatrodicagli@gmail.com
    Ufficio Cultura Comune di Cagli: Tel. 0721 780731 www.teatrodicagli.it
    Comunicato Stampa
    La Redazione
    Pubblicato il 20/10/2017
    Continua a leggere

  • Nada e Trio al Teatro di Cagli
    Nada e Trio al Teatro di Cagli

    L’Istituzione Teatro Comunale di Cagli e il Comune di Cagli sono pronti a dare il via alla nuova stagione teatrale che parte a ottobre 2017 per chiudersi ad aprile 2018. Un cartellone, come sempre accade al Teatro Comunale, ricco di spettacoli di generi diversi, per avvicinare alla magia del palcoscenico un pubblico sempre più ampio, con appuntamenti di prosa, comicità, musica, danza, musical, e opera lirica.
    L’apertura del programma, sabato 14 ottobre alle ore 21.00, è affidata a Nada, una delle artiste più amate della musica italiana. La cantante livornese, amatissima fin dal suo debutto a 16 anni al Festival di Sanremo del 1969, con “Ma che freddo fa”, riparte da Cagli per il suo nuovo tour.
    Questo concerto fa parte di un pre-programma di tre eventi che precedono l’avvio del cartellone ufficiale del Teatro di Cagli, dopo Nada arriveranno Shel Shapiro e poi Flavio Insinna.
    Il concerto di Nada & Trio è un’anteprima nazionale con una scaletta piena di belle canzoni. Innanzitutto i brani tratti dall’album La Posa, uscito all’inizio del 2017 (ultimo lavoro assieme al compianto Fausto Mesolella). L’album documenta l’innovativa scrittura di Nada di questi ultimi anni, accompagnata dalla classe di due musicisti come Mesolella e Spinetti. Oltre ai brani di Nada, l’album offre un omaggio a due poeti della musica italiana: Piero Ciampi e Gianmaria Testa. La Posa contiene anche “Senza Un Perché”, che è stata inserita anche nella colonna sonora della serie TV “Young Pope” di Paolo Sorrentino.
    Ma nel programma musicale non mancheranno i successi più amati della cantante, raccolti nell’album Nada Trio, uscito nel 1994 e che Warner ripubblica in occasione di questo tour. In quel disco c’erano nuovi arrangiamenti di successi quali “Il cuore è uno zingaro”, “Ma che freddo fa”, “Amore disperato”, “Ti stringerò” e tanti altri. L’album ottenne innumerevoli apprezzamenti, conseguendo la prestigiosa Targa Tenco e il premio Premio Musicultura a Recanati, ai quali fece seguito un intenso tour in Italia e in Europa. La formazione che accompagna Nada in questa nuova tournée è davvero speciale. Una band formata da due componenti storici degli Avion Travel, Ferruccio Spinetti al contrabbasso e Mimì Ciaramella alla batteria, e dal giovane e talentuoso chitarrista Andrea Mucciarelli. Questo tour è un nuovo tassello della lunga carriera di Nada, che ha attraversato tante stagioni della musica italiana dimostrando sempre il suo talento e la sua vitalità. Un cammino costellato di successi che ha regalato al pubblico canzoni indimenticabili. Tutta la città di Cagli è orgogliosa di ospitare la cantante per l’avvio di questo nuovo tour.
    Istituzione Teatro Comunale di Cagli
    Ufficio Cultura Comune di Cagli: Tel. 0721 780731
    www.teatrodicagli.it
    Comunicato Stampa
    La Redazione
    Pubblicato il 09/10/2017
    Continua a leggere

  • Atri terra di tesori
    Atri terra di tesori

    Atri nella provincia di Teramo in Abruzzo, si sviluppa su tre colli affacciati sul mare e sui calanchi, intere colline scavate e solcate da millenni di erosione che donano al paesaggio forme naturali uniche. Si tratta di un miracolo della natura che l’uomo ha voluto tutelare istituendo la Riserva Naturale dei “Calanchi”. Atri contende con Adria  l’aver dato il nome al mar Adriatico e sembra che il suo nome derivi dall’imperatore Adriano. Atri è stata capitale dell’omonimo ducato per circa 4 secoli (1395-1760) e qui regnò la ricchissima famiglia dei duchi d’Atri: gli Aquaviva d’Aragona. Ancora oggi è possibile visitare gratuitamente il Palazzo Ducale con i suoi affreschi, il maestoso salone e le imponenti scuderie spesso sede di mostre ed esposizioni. 
    La cattedrale di Atri si presenta in stile romanico-gotico, eretta tra il 1260 e il 1305 su una precedente costruzione di epoca romana, conserva al suo interno un ciclo di affreschi quattrocenteschi sulla vita di Maria e Gesù, mentre al suo esterno, con i suoi 57m., domina la piazza il campanile, uno tra i più alti d’Abruzzo.
    Proprio qui ad Atri risale l’antica lavorazione della liquirizia che i frati domenicani, già nel Medioevo, raccoglievano  tra i calanchi, dove cresce spontaneamente,  per farla essiccare per ben 4 anni e ricavarne  poi un unguento medicamentoso.
    Il principio attivo più importante della liquirizia è la glicirrizina che le conferisce, peraltro, un’azione antinfiammatoria e antivirale. Della liquirizia vengono usate le radici di piante di 3-4 anni, raccolte durante la stagione autunnale ed essiccate. In commercio la radice si può trovare in bastoncini da masticare, tagliuzzata per decotti e tisane, ridotta in polvere e in succo (estratto nero), come dolcificante e correttivo del sapore. Le radici essiccate di liquirizia, inoltre, sono utilizzate in erboristeria per essere masticate o per la preparazione di infusi emollienti, che risultano efficaci nei processi digestivi e sono leggermente lassativi e diuretici. Ovviamente senza dimenticare il piacere di gustare caramelle, ruote, bastoncini, confetti ripieni, dolci, liquori che la splendidda Atri offre al visitatore che entra negli antichi e tradizionali negozi del centro storico.
    La Redazione
    Pubblicato il 02/10/2017
    Continua a leggere

  • Roseto: natura, storia, cucina
    Roseto: natura, storia, cucina

    Roseto degli Abruzzi (Teramo) è un importante centro turistico della costa Teramana, vanta una delle più belle spiagge d’ Abruzzo che si estende per circa 6 km con sabbia dorata e mare pulito. Bandiera Blu d’Europa dal 1999. Roseto degli Abruzzi oltre ad offrire al visitatore luoghi ideali per trascorrere vacanze rilassanti con ogni confort è anche spunto per apprezzare natura, storia, arte, cultura e buona cucina. A Nord della città al confine con la limitrofa località turistica Giulianova si trova una zona, ora Riserva Naturale del Borsacchio, ancora incontaminata dall’urbanizzazione sfrenata, dove è possibile ammirare l’integrità della costa abruzzese con dune sabbiose e tratti di macchia mediterranea,  luogo di  riproduzione di rare specie di uccelli. Proprio qui risalendo la spiaggia e attraversando la statale regna il millenario ulivo di Roseto. Da Roseto a circa due chilometri sorge il bellissimo borgo medioevale di Montepagano da dove si ammira una spettacolare vista sul Mar Adriatico. Altro centro storico di origine romana, citato in numerosi documenti medioevali è la frazione di Cologna Paese.
    Il lungomare di Roseto offre a chi ama lo sport campi da tennis, beach volley, scuola di wind-surf, piste di pattinaggio oltre ad essere il luogo ideale per passeggiate godendosi le numerose attività creative in programma non solo in estate. E perchè no,  sedersi in riva al mare e gustare i piatti tradizionali di una cucina secolare: dalle famose crespelle al formaggi in brodo di gallina ai brodetti di pesce fresco e ancora come non  gustare i tipici arrosticini e le chitarre con le piccole polpettine amate tanto da grandi e piccini. Non mancano sulla tavola abruzzese i dolci,  prodotti artigianalmente, come i maritozzi ripieni di crema, cioccolato, panna sapientemente preparati dalla Pasticceria Rosetana in piazza del Comune, che da più di trent’anni offre ai propri clienti passione, artigianalità ed esperienza. Qui ogni prodotto è fatto a mano con una cura particolare nella scelta delle materie prime e nel rispetto della migliore tradizione artigianale.
    Pubblicato il 30/09/2017
    Continua a leggere

  • Navigando il Panperduto
    Navigando il Panperduto

    Gioiello d’idraulica industriale, il Panperduto rappresenta un grande patrimonio culturale, storico, ambientale del territorio. Dal 2016 le attività culturali e turistiche, unitamente all’ospitalità dell’ostello e alla valorizzazione dei prodotti gastronomici del territorio proposti dalla caffetteria del Panperduto, sono affidate alla gestione della Cooperativa Ester Produzioni. 
    Arrivando presso la diga in Via Lungo il Canale Villoresi, 4 a Somma Lombardo (VA),
    a partire dal 24 settembre 2017 sarà possibile visitare il sito direttamente dall’acqua, navigando con l’imbarcazione Verdi dell’armatore consorzio Navigare l’Adda che condivide la proprietà con Autostradale srl, gestori della navigazione sul Naviglio Grande. L’imbarcazione è coperta e riscaldata, può ospitare al massimo 55 passeggeri.
    Il progetto sperimentale di navigazione è reso possibile grazie al Consorzio Navigare l’Adda, al Consorzio ET Villoresi, a Navigli Lombardi in collaborazione con Ester Produzioni. Questa iniziativa “Navigando il Panperduto” diventa uno strumento per la conoscenza dei territori dove l’elemento acqua, risorsa essenziale per lo sviluppo, ha segnato l’evoluzione storica e oggi può dare nuova linfa al turismo culturale.
    La barca, oggi come ieri, costituisce infatti, oltre che uno mezzo per trasportare uomini e merci, anche un veicolo d’esplorazione, scoperta e divertimento.
    Al momento, saranno due gli itinerari di visita e navigazione previsti al Panperduto, oltre ad una proposta di aperitivo al tramonto.

    IL PAESAGGIO DEL PANPERDUTO
    BARCA + GUIDA: tour di 50 minuti circa. Ogni domenica alle ore 14.15
    Giungendo in questo luogo si rimane incantati dal paesaggio: l’acqua è la protagonista assoluta, se ne percepisce la maestosità e la potenza; lo sguardo viene attratto dalla complessità dei percorsi da essa compiuti fra l’ambiente fluviale e le opere di derivazione e canalizzazione. Durante questo tour in barca, vi accompagneremo alla scoperta della diga del Panperduto, dell’Opera di Presa e tutto il complesso sistema idrico che qui si sviluppa, dall’inizio della sua storia ai giorni nostri, dove ancora oggi ricopre un ruolo fondamentale sia nell’economia che nella cultura del territorio.
    Programma:
    Ore 14.15 Imbarco davanti all’ostello. Concata, navigazione sul fiume Ticino fino a Porto della Torre. Concata del Panperduto e navigazione in bacino. Sbarco davanti all’ostello. Costo al pubblico 10,00 € cad. I bambini dai 5 ai 10 anni pagano 5,00 €
    Per i bambini sotto i 4 anni gratuito.

    TOUR COMPLETO DEL PANPERDUTO
    BARCA + GUIDA + MUSEO: tour di 90 minuti circa. Ogni domenica alle ore 15.20
    Gioiello d’idraulica industriale, il Panperduto rappresenta un grande patrimonio culturale, storico, ambientale del territorio. Durante questo tour in barca sarà possibile visitare tutto il Panperduto, navigare sul Fiume Ticino fino allo sbarramento di Porto della Torre, comprendere il complesso sistema idrico della Diga e dell’Opera di Presa del Panperduto, fino al Museo delle Acque Italo Svizzere, dove una grande mappa del territorio illustra l’origine, la storia e la complessità strutturale e funzionale del bacino idraulico italo-svizzero del Ticino. Il Giardino dei Giochi d’Acqua (visitabile fino alla stagione autunnale) completa l’esperienza di visita di tutto il complesso del Panperduto e racconta come è possibile sfruttare la fisica dell’acqua.
    Programma:
    Ore 15.20 Imbarco davanti all’ostello. Concata, navigazione sul fiume Ticino fino a Porto della Torre. Concata del Panperduto e navigazione in bacino. Sbarco davanti al Museo delle Acque Italo Svizzere, visita al Museo e al Giardino dei Giochi d’Acqua. Visita alla diga e all’opera di presa, rientro a piedi all’ostello.
    Costo al pubblico 15,00 € cad. I bambini dai 5 ai 10 anni pagano 8,00 € (ogni bambino deve essere accompagnato da 1 adulto). Per i bambini sotto i 4 anni gratuito.
    Continua a leggere

  • Domenica di Carta
    Domenica di Carta

    Domenica 8 ottobre 2017, torna l’apertura straordinaria delle Biblioteche e degli Archivi statali, promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per valorizzare non solo i musei e le aree archeologiche, ma anche i monumenti di carta, patrimonio altrettanto imponente e ricco, conservato e valorizzato in splendidi luoghi della cultura. Una giornata, regolata da orari e modalità differenti, interamente dedicata alle bellezze letterarie. Tante le iniziative che, distribuite in tutta la Penisola, accolgono studiosi e cittadini, adulti e bambini alla ricerca di fonti dirette.
    L’elenco (aggiornato in tempo reale) degli appuntamenti organizzati dagli Archivi e dalle Biblioteche pubbliche statali potrà essere consultato sul sito del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.
    La Redazione
    Pubblicato il 26/09/2017
    Continua a leggere

  • Il più alto Borgo del Gargano
    Il più alto Borgo del Gargano

    Monte Sant’Angelo è il più alto borgo del Gargano a 850 m. sul livello del mare, ma facilmente raggiungibile da comode strade. Monte Sant’Angelo è da sempre un importante luogo spirituale dove la prima chiesa, dedicata a San Michele, dopo che fece la sua apparizione al vescovo di Siponto, fu costruita nel 493. Michele, considerato il principe degli angeli era adorato già nel Medioevo e nella grotta che si trova sotto al Santuario a lui dedicato, alla quale si accede scendendo una scalinata scavata nella roccia di ben 86 gradini, sono raccolte numerose testimonianze artistiche di culto oltre alla statua di San Michele e alla Cattedra Episcolape del XII secolo. Il santuario divenne con i Longobardi uno dei maggiori luoghi di culto della cristianità, meta del pellegrinaggio internazionale, una delle ultime tappe sulla via che portava in Terra Santa, l’antica via Traiana prese da allora il nome di Via Sacra Langobardorum. Il 29 Settembre di ogni anno si rievoca  con solenni processioni e pellegrinaggi al Santuario l’apparizione dell’Arcangelo Michele nella grotta. In particolare da Vieste la popolazione parte di notte, a piedi, verso Monte Sant’Angelo percorrendo per più di 40 km. l’antico sentiero dei pellegrini “Sammechelere“, immersi nel cuore del Gargano cantando canti micaelici, per assistere alla S. Messa nell’antica grotta di S. Michele. Per l’occasione quest’anno  l ‘Asd Nordic Walking Gargano con il patrocinio del Comune di Vieste e in collaborazione con il Sovrano Ordine dei Pellegrini San Michele Arcangelo del Gargano organizza il pellegrinaggio che  si svolgerà in due giornate con partenza da Vieste il 28 settembre alle ore 8.00 del mattino e con sosta notturna presso un agriturismo. Il programma prevede per il 28 Settembre alle  ore 7.30 il raduno presso la chiesetta della Madonna della Pietà; ore 8.00 Dopo la benedizione ai pellegrini inizieremo il nostro cammino (30 km); ore 18.00 Arrivo presso l’agriturismo Montesacro; ore 19.30 Cena. Per il 29 Settembre ore 4.30 raduno e partenza verso Monte Sant’Angelo; ore 7.30 arrivo nei pressi della Masseria Rignanese con sosta e colazione; ore 11.30 Arrivo a Monte Sant’Angelo; ore 12.00 Processione verso la basilica di San Michele Arcangelo e Santa Messa; ore 17.15 Raduno presso il parcheggio dei bus a Monte Sant’Angelo, Piazzale Castello;
    ore 17.30 Rientro a Vieste; ore 19.00 Arrivo presso la chiesetta Madonna della Pietà e processione con fiaccolata sino alla Cattedrale.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Sempre a Monte Sant’Angelo, poco lontano dalla Basilica, si erge la mole gigantesca ed irregolare del Castello, che racchiude nelle sue successive costruzioni la storia di diverse epoche e dai cui spalti la vista spazia dal Gargano sino al Golfo di Manfredonia, al Tavoliere, alle Murge. Fu edificato dai Longobardi, per poi essere ampliato dai Normanni con la torre dei Giganti e la torre Quadra, con Federico II di Svevia fu costruita la sala del tesoro e sotto gli Aragonesi il torrione a forma di mandorla e il fossato che precede l’ingresso.
    Ricchi di storia sono anche il complesso di San Francesco dove è allestito il Museo delle Arti e Tradizioni Popolari del Gargano e la Tomba di Rotari. Percorrendo i vicoletti del borgo antico tra case basse e piccoli balconi il profumo delle panetterie attirerà il visitatore ad assaggiare i tipici dolcetti preparati con ostie ripiene di mandorle e miele.
    La Redazione
    Pubblicato il 23/09/2017
    Continua a leggere

  • Peschici “unica e suggestiva”
    trabucco-peschici-vivilanotizia
    Peschici "unica e suggestiva"

    Peschici è un suggestivo borgo di mare costruito sulla roccia, situato nel punto più a Nord del Gargano- Puglia. Il centro storico di Peschici è circondato da mura medievali, oggi in parte distrutte ed in parte inglobate da abitazioni. Si può accedere al borgo antico di Peschici dal centro nuovo,  passando sotto un arco chiamato porta del Ponte,  proprio perchè qui sorgeva un ponte levatoio che chiudeva il paese ogni sera per proteggerlo dai briganti. Prima di addentrarsi nel dedalo di viuzze che caratterizzano il suggestivo borgo vale la pena fare una sosta al Vecchio Frantoio in p.zza Domenico Fioritti per una degustazione del pregiato olio extravergine di oliva ottenuto secondo il metodo tradizionale della spremitura a freddo, che garantisce la genuinità del prodotto, ricco di vitamine e gusto. L’altro ingresso è dal mare ai piedi del Castello di Peschici chiamato porta di Basso perchè in passato era una porta di accesso secondaria usata dai pescatori che salivano dalla spiaggia verso le abitazioni.
     
    Antichissima a Peschici la chiesetta del Purgatorio nel cuore storico del paese esistente già intorno all’anno 1000, epoca in cui i Monaci Benedettini erano soliti recarsi sulla rocca di Peschici per celebrare riti funebri. All’interno un antichissimo organo ligneo completamente costruito e finemente lavorato  a mano, diviso in tre comparti ad arco dei quali quello centrale più alto. La presenza di cerniere laterali potrebbe testimoniare la presenza di due ante di chiusura andate scomparse. Più grande e imponente invece la Chiesa di Sant’Elia Profeta, patrono di Peschici costruita con grossi blocchi di marmo bianco. Peschici è molto devota a Sant’Elia per averla salvata dall’invasione delle cavallette e lo celebra ogni anno il 20 Luglio con una sontuosa festa. Anche Peschici ha il suo Castello sorto nel punto più estremo del borgo da dove dominava e continua a dominare  il mare garganico. Ai piedi del centro abitato sorge invece l’Abbazia Calena, dove già nel 1000 trovò sede una comunità di monaci benedettini che crearono un modello sociale autosufficiente basato sulla produzione  e lo scambio che la portò al massimo splendore artistico -culturale, oggi purtroppo in uno stato di degrado.
    La Redazione
    Pubblicato il 20/09/2017
    Continua a leggere

  • Peschici – Visita alle Segrete
    Peschici - Visita alle Segrete

    Il Castello di Peschici (FG) – PUGLIA sorge su un crostone roccioso a picco sul mare, alto circa 80 metri rappresenta la punta più settentrionale della Puglia. Da qui si domina tutta la costa del Gargano e all’orizzonte si possono anche vedere le isole Tremiti. Le sue origini risalgono alla fine del X secolo, sembra ad opera di mercenari slavi che avevano liberato il territorio dai Saraceni. Dopo la sua realizzazione si raggrupparono intorno alla fortezza gruppi di abitazioni che successivamente diedero vita al nucleo abitato di pesclizo, diventato negli anni l’attuale borgo storico di Peschici. Nel corso degli anni il castello ha subito ricostruzioni e rifacimenti tranne la struttura di piano terra rimasta originaria detta “le Segrete“.
    Qui si possono visitare i luoghi ove una volta vi erano le prigioni, la cannoniera, i depositi delle armi. All’interno di questi spazi sapientemente recuperati, è allestita una mostra permanente di strumenti di tortura, oltre a reperti, antichi attrezzi da lavoro e materiali di uso domestico di una volta. La visita alle segrete comprende anche l’ingresso allo stupendo giardino panoramico situato a strapiombo sul mare da dove si gode un panorama spettacolare della baia di Peschici.
    Il Castello di Peschici è aperto da Giugno a Settembre tutti i giorni dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 22.30 però i periodi e gli orari possono subire delle modifiche, per cui è consigliabile chiamare prima ai seguenti numeri 0884964078-962021-964067-962289 o alla seguente mail afferrante.sergio@gmail.com
    La Redazione
    Pubblicato il 18/09/2017
    Continua a leggere

  • Puglia. Il Paradiso Tremiti
    Puglia. Il Paradiso Tremiti

    La leggenda narra che fu Diomede, il grande eroe acheo, a dar vita alle isole Tremiti, che in antichità erano chiamate in suo onore Diomedee. Diomede dopo aver creato il Gargano, gettò in mare tre blocchi di roccia portati con sé da Troia e poi riemerse misteriosamente sottoforma di isole, sulle quali si stabilì con i suoi compagni. Alla sua morte la dea Afrodite, per dare sollievo alle sofferenze degli uomini di Diomede, che si ritrovarono senza una guida, li trasformò in uccelli, le Diomedee, così che potessero fare guardia alla tomba del loro re. Ancora oggi questi uccelli, una particolare specie di gabbiani dotati di una singolare vocalità, si aggirano sull’isola di San Nicola dove sorge la tomba dell’eroe condottiero.
    Colonizzate dai Greci e dai Romani, nell’XI secolo le Tremiti furono scelte dai Benedettini di Montecassino per ergervi la sontuosa abbazia di Santa Maria a Mare che domina l’arcipelago sulla splendida isola San Nicola e conserva il pavimento a mosaico del XI secolo, la croce del XII sec. e una pala d’altare del’400. Proprio qui nel centro del paese, prima di raggiungere l’abbazia e i chiostri medioevali e rinascimentali, merita una sosta alla bottega dell’artista Gennaro Cafiero per ammirare le sue creazione in ceramica del colore del mare. Mentre San Nicola è ricca di storia, San Domino abbonda di vegetazione quasi completamente ricoperta dalla pineta di pini d’Aleppo che scendono fino al mare, alle sue suggestive baie di Cala del Sale, delle Roselle, delle Viole e Cala Matana, la famosa insenatura a strabiompo sul mare, dove il grande Lucio Dalla aveva situato la sua abitazione e il suo studio.
    Proprio qui vicino, immersi nel verde con una indimenticabile vista sul mare si può alloggiare negli appartamenti Lo Scrigno, in posizione centrale rispetto all’isola e dotati di ogni confort. Solo capperi, calette deserte e acqua limpida nelle isole disabitate di Capraia e Cretaccio, luogo ideale per relax e immersioni mozzafiato. I meravigliosi fondali delle Tremiti sono riccamente popolati sia da vegetazione che da comunità animali e grazie alla limpidezza delle acque che le circondano si possono osservare spugne colorate, anellidi, stelle marine e anemoni. Mentre le coste regalano al visitatore in barca o in gommone opere d’arte naturali dalle forme fantasiose e grotte marine dalle limpide acque color smeraldo. Pianosa, che dista 12 miglia Sud-Est è il confine Est del continente Italiano. Riserva naturale integrale dal 1989 è altra isola dell’arcipelago disabitata, che ospita in alcuni periodi dell’anno, ricercatori in occasione di esperimenti scientifici e ricerche marine. Qui non è permesso transito,ormeggio, pesca e balneazione. Per conservarne la loro bellezza naturale, le isole Tremiti sono state dichiarate nel 1989 Riserva Marina Protetta e dal 1995 fanno parte del Parco Nazionale del Gargano. Le Tremiti sono comodamente raggiungibili in nave o aliscafo dai Porti di Termoli in Molise tutto l’anno, dalla Puglia Manfredonia, Vieste, Peschici e Rodi Garganico. Da Foggia e Vieste anche tramite elicottero.
    La Redazione
    Pubblicato il 15/09/2017
    Continua a leggere

  • Vieste tra Storia e Mare
    Vieste tra Storia e Mare

    Il centro abitato di Vieste (FG) Puglia è antichissimo, il primo insediamento risale al III millennio a.C. e sembra che il suo nome derivi dalla dea del focolare Vesta. Greca e poi Romana, fortificata dagli Svevi e saccheggiata dai Veneziani, colpita da distruttivi terremoti e da travagliate vicende storiche oggi il centro antico di Vieste si presenta al visitatore raccolto su un crinale che si protende in uno splendido Mar Adriatico. Da sotto la Basilica Cattedrale di stile Romanico dell’XI secolo, elevata, nel 1981, da Giovanni Paolo II, a Basilica Minore, si sale fino al Castello Svevo, strategico luogo di difesa e punto più alto della città, edificato a strapiombo sul mare,  per poi scendere verso Nord fino a Punta San Francesco dove si trova la chiesetta di Santa Caterina d’Alessandria edificata nel 1400, prima convento delle Clarisse e dal 1546 monastero dei frati minori francescani. Il percorso a piedi tra vicoli, piazzette, balconi, negozietti di artigianato locale, ristoranti tipici e degustazioni di enogastronomia locale, regala una vista panoramica a 360° sul faro, il porto, la costa nord con i suoi trabucchi e la costa sud che inizia sovrastata dal grande faraglione bianco del Pizzomunno. Pizzomunno  significa Punta o capo del mondo, circondato di leggende, è il simbolo della città. Si tratta di una  spettacolare guglia rocciosa alta più di 25 metri modellata dal vento e dal mare, artisti capaci di creare meravigliose e uniche opere d’arte.
    Ma questo spettacolare capolavoro racchiude una leggendaria storia d’amore. Si narra infatti che Pizzomunno  un affascinante pescatore di Vieste innamorato della sua bella Cristalda, giovane e altrettanto affascinante fanciulla, ogni giorno al calar del sole si imbarcava dalla spiaggia  di Vieste per andare tra le onde del Mediterraneo per svolgere il suo lavoro. Ma durante la notte Pizzomunno veniva richiamato dalle voci ammalianti delle sirene, che lo corteggiavano e lo volevano tutto per loro. Pizzomunno però era fedele alla sua amata ed ogni volta le rifiutava suscitando in loro un forte odio. L’invidia delle sirene era tale che una sera, mentre i due giovani amoreggiavano sulla spiaggia, esse trascinarono con forza Cristalda negli abissi del Mediterraneo. Pizzomunno non riuscendo a salvare la sua amata si pietrificò dal dolore e si trasformò nella bellissima roccia candida circondata da acque cristalline, che oggi è l’emblema della città di Vieste. La leggenda continua, perché l’amore vero è eterno e narra che ogni 100 anni proprio su quella spiaggia i due amanti si ricongiungono fino all’alba, quando  ai  primi raggi di sole le sirene giungono dal mare per riprendersi la giovane donna. In quel preciso istante in cui Cristalda raggiunge gli abissi marini anche Pizzomunno ritorna ad assumere le sembianze dello splendido monolite bianco ai piedi di Vieste. Ma la storia di Pizzomunno non è  poi così triste come sembra, infatti la leggenda narra anche che coloro che faranno un giro  intero intorno a Pizzomunno, esprimendo un desiderio,  questo potrà essere esaudito. E allora fare un giro in queste lipide acque intorno all’abbagliante roccia bianca può solo essere un piacere!
    Si ringraziano per le preziose informazioni l’Ufficio Informazioni Turistiche del Comune di Vieste, il dott. Fusco della Regione Puglia, Michele Lo Priore per averci fatto da guida e regalato il prezioso libro “Scoprire Vieste” di Francesco Pugliese dal quale abbiamo tratto spunto per la stesura degli articoli su Vieste.
    La Redazione
    Pubblicato il 08/09/2017
    Continua a leggere

  • Vieste – Spiagge da scoprire
    Vieste - Spiagge da scoprire

    Tutta la costa di Vieste (FG) – Puglia  è caratterizzata dalla varietà di forme dei suoi faraglioni, grotte marine che lasciano senza fiato per lo spettacolo di luci e colori che offrono ai nostri occhi, visitabili da vicino grazie a comode motobarche che permettono un giro completo delle grotte marine, scogli, scogliere a strapiombo sul mare dove si trovano Torri d’Avvistamento che regalano la vista di scorci di paesaggi incontaminati, baie racchiuse tra mare, roccia e vegetazione. Partendo da Nord la spiaggia di Sfinalicchio al confine con il comune di Peschici è una lunga striscia di sabbia al riparo dai venti e ben attrezzata. Crovatico caratterizzata da una serie di dune di sabbia costeggiate da una verdeggiante pineta. Stretta piccolo gioiello di spiaggia sabbiosa incastonato in un anello di pineta. La Chianca caratterizzata da un isolotto facilmente raggiungibile a piedi dato il basso fondale, sul quale sul quale è possibile ammirare un trabucco in buone condizioni di conservazione. Scialmarino, caratterizzata da sabbia dorata e paradiso ideale per i surfisti custodisce nella parete rocciosa a Nord la maestosa Necropoli Paleocristiana della Salata.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Molinella è piccola e deliziosa, racchiusa tra due penisolette su una delle quali, a sinistra della baia, un bel trabucco. Lì vicino anche un bella grotta che conserva incisioni rupestri. Braico, protetta dai venti meridionali è un altro gioiello incastonato nella pineta d’Aleppo. Punta Lunga di fine sabbia, anche questa spiaggia divide il mare dalla pineta. Colombi arenile di sabbia, protetta dalla maestosa grotta che dà il nome alla spiaggia dalla quale si può ammirare il maestoso Trabucco sulla vicina scogliera. Dietro San Lorenzo alle porte della città di Vieste ideale per gli amanti della pesca sugli scogli. Convento o San Lorenzo spiaggia sabbiosa, a Nord del centro urbano e costeggiata dal lungomare Europa, dalla quale è possibile ammirare un bellissimo tramonto sul porto e sulla punta San Francesco. Castello o Scialara è la spiaggia per eccellenza di Vieste dalla quale si ammira il bellissimo Pizzomunno protetto dal Castello Svevo e la suggestiva Vieste storica che si arrocca sull’affascinante promontorio che si allunga nel profondo mar Adriatico. Grotta dei Pipistrelli alla quale si accede solo a piedi dalla spiaggia Castello è una spiaggetta sabbiosa avvolta dall’omonima grotta, rifugio dei mammiferi volatili. Scogliere dei Cavoli è una piccola spiaggia in ghiaia accessibile solo in barca, incantevole e immersa nella macchia mediterranea deve il suo nome ai caul’, un’erba selvatica. Portonuovo, circondata da uliveti è costituita da una lunga serie di dune sabbiose di fronte agli scogli di  Portonuovo e della Sfinge. Qui vicino è possibile ammirare le numerose e misteriose grotte marine di origine carsica. San Felice sono due spiagge divise da una scogliera di 100metri poste all’interno di una profonda insenatura abbellita dall’Architiello, il particolare arco naturale simbolo di tutta la costiera. Qui vicino due grotte marine tra le più ammirate quella dei Contrabbandieri  e della Campana Piccola.
    ” template=”/web/htdocs/www.vivilanotizia.it/home/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/ngglegacy/view/gallery-caption.php” order_by=”imagedate” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]
    Baia di Campi, deve il suo nome al fatto che nei tempi antichi sorgevano campi coltivati dai contadini, è una spiaggia sabbiosa protetta a Sud dallo scoglio Campi e circondata da uliveti e pinete. Qui vicino è possibile ammirare le grotte marine come la misteriosa grotta dei Due Occhi, la grotta Viola, la grotta Sfondata e la grotta Calda o Rossa. Trovandosi sulla testa del Gargano è anche ben protetta dai venti provenienti da Nord. E’ ideale per i sub amanti di luoghi inesplorati, nel suo fondale è possibile ammirare un relitto di un’antica nave romana affondata duemila anni fa. Continua a leggere

  • Palio di San Donato
    Palio di San Donato

    Friuli-Cividale del Friuli il 18, 19 e 20 Agosto 2017 ritorna nel 1366 ed è pronta ad accogliere i visitatori alla 18^ edizione del Palio di San Donato 2017 con giullari, giocolieri, tamburi, musici e cavalieri per tre giorni di festa. Le taverne ospitano i forestieri, mentre le vie dei borghi si illuminano di colori e si animano di suoni. Cortei, tamburi, musici, animazioni, giocolieri, menestrelli e sputafuoco intratterranno gli ospiti giunti da luoghi lontani, in attesa del grande corteo solenne per le vie della città, delle gare di tiro con l’arco, con la balestra e della corsa pedestre, che decreteranno il borgo vincitore con la consegna del Palio. E per finire alla sera della giornata conclusiva frecce incendiarie e tamburi da guerra annunceranno l’inizio dello spettacolo pirotecnico. Per non perdere i suggestivi appuntamenti dei borghi di Cividale del Friuli suggeriamo di consultare il ricco programma dei tre giorni di festa Medioevale sul sito del Palio di Cividale.
    Testi e fotografie tratti dal sito del Palio di Cividale.
    La Redazione
    Pubblicato il 16/08/2017
    Continua a leggere

  • Il grande Flamenco
    Il grande Flamenco

    In Trentino arriva il grande Flamenco. Bolero flamenco a Fiera di Primiero il 16 agosto. Spettacolo con la grande star Lola Greco. Sarà l’Auditorium Intercomunale di Fiera di Primiero ad ospitare mercoledì 16 agosto, alle ore 21:00, tutto il fascino del flamenco e della tradizione della danza spagnola nello spettacolo con Lola Greco in ensemble con giovani talenti. E’ una produzione Francesco Stochino Weiss con l’Academia Nacional de Danza, garanzia di elevata qualità artistica.
    Lo spettacolo di nuova produzione nasce da un progetto di Lola Greco, a soli 19 anni già prima ballerina assoluta del Balletto Nazionale di Spagna e incoronata divina della danza spagnola dagli anni ’90. Il progetto porta in scena la sensualità delle ballerine, aggiunge la forza di un campione dello sport e si accompagna a una Flamenco Suite con tutte le danze più celebri: un tripudio di “vueltas” e “zapateado”, un evento unico da non perdere.
    Un percorso che Lola Greco propone con Francesco Stochino Weiss, produttore di teatro, opera e danza, attivo nel mondo della danza spagnola da decenni e noto regista di eventi, con il quale collabora da oltre 25 anni. Assieme hanno condiviso tournée nei maggiori teatri del mondo, debuttando 9 titoli diversi in oltre 200 repliche.
    Di seguito le altre serate del grande flamenco
    Ledro-Centro Culturale Locca di Concei-giovedì 17 agosto 2017 ore 21.00
    Dimaro– Teatro Comunale-venerdì 18 agosto 2017 ore 21.00
    Levico Terme– Palalevico- sabato 19 agosto 2017 ore 21.00
    Riva del Garda– Cortile della Rocca- domenica 20 agosto 2017 ore 21.00
    Cavalese– Palafiemme- martedì 22 agosto 2017 ore 21.00
    Fondo– Palanaunia-giovedì 24 agosto 2017 ore 21.00
    INFO 393 8049144. Biglietti da 15€.
     
    La Redazione
    Pubblicato il 16/08/2017
     
    Continua a leggere

  • Ferragosto all’Acquario
    Ferragosto all'Acquario

    I giorni del ponte di Ferragosto sono un’occasione per una visita all’Acquario di Genova che offre un ricco programma di eventi e novità per vivere la struttura dall’alba al tramonto. Con apertura prolungata tutti i giorni dalle 8.30 alle 22.30 (ultimo ingresso alle 20.30), i visitatori potranno conoscere il piccolo pinguino papua nato lo scorso 10 luglio che all’età di un mese ha quasi triplicato peso e dimensioni.Nel fine settimana, il pubblico più mattiniero può vivere la nuova esperienza “Apri l’Acquario con noi”, seguendo con lo staff le prime fasi di apertura delle vasche. Tutti i giorni sono inoltre disponibili i due percorsi Dietro le quinte e Dietro le quinte kids che consentono, sotto la guida di un esperto, di scoprire cosa si nasconde dietro le vasche dell’Acquario.Fino al 17 settembre, tutti i giorni dalle ore 18 la tolda della Nave Italia apre le porte a tutti coloro che vogliano rilassarsi davanti a un aperitivo, godendo del suggestivo panorama sulla città gustando un aperitivo; esperienza arricchita da un programma di speciali serate musicali. Per chi vuole unire la visita all’Acquario con l’uscita in battello di avvistamento Cetacei, sono previste partenze domenica 13 alle ore 13 e una speciale gita all’alba lunedì 14 agosto.Con la promozione online, acquistando il biglietto sul sito dell’Acquario di Genova entro il 15 agosto, si può visitare l’Acquario fino al 31 agosto alla tariffa di 22 Euro anziché 25.
    Per chi vuole approfondire la conoscenza degli animali marini con uno sguardo anche al passato infine, la nuova mostra Paleoaquarium consente un tuffo nel mare al tempo dei dinosauri. La mostra è aperta tutti i giorni di agosto dalle 8.30 alle 22.30 (ultimo ingresso alle 21.30) e prevede una tariffa ridotta per i possessori del biglietto Acquario di Genova.
    Ora vediamo nel dettaglio il ricco programma di Ferragosto
    Il piccolo pinguino papua ha appena compiuto un meseNato lo scorso 10 luglio da un uovo deposto il 2 giugno nel nido di ciottoli fatto da papà Bianco e mamma Arancio-Bianco, il piccolo viene cibato da entrambi i genitori che rigurgitano direttamente nel suo becco alimenti pre-digeriti. I genitori non abbandonano mai il nido contemporaneamente e sono molto attenti a proteggere il pulcino. Il piccolo in un mese di vita ha quasi triplicato peso e dimensioni.È visibile dal pubblico nel suo nido all’interno della vasca dei pinguini tra le zampe dei genitori che si alternano a sfamarlo dopo essere stati a loro volta cibati dallo staff. Per poterlo nutrire, mamma e papà mangiano una quantità di cibo maggiore rispetto alla dieta normale, passando da 2 aringhe e 6 capelin al giorno fino a 16 capelin al giorno a testa.
    Apri l’Acquario con noi – sabato e domenica Quali sono le attività di routine all’apertura dell’Acquario di Genova? A questa e a molte altre domande risponde la nuova esperienza che l’Acquario propone al suo pubblico: un tour speciale, per un gruppo ristretto di massimo 12 persone, alla scoperta di notizie e curiosità su funzionamento degli impianti, controllo degli ambienti espositivi e cura degli animali prima che la struttura apra ufficialmente.Il gruppo viene accompagnato da un acquarista che mostra il lavoro quotidiano e tutte le operazioni che vengono effettuate ad inizio giornata, compresa la distribuzione del cibo ad alcune delle 400 specie ospitate.Un’occasione per godersi il percorso di vasche in esclusiva. L’esperienza, che inizia alle ore 7.30 e termina con la colazione al Tender Cafè, è disponibile solo nei week end ed è acquistabile solo on line al costo di 60 euro a persona (+ acquisto del biglietto di ingresso all’Acquario).
    Paleoaquarium – tutti i Continua a leggere

  • San Lorenzo, notte dei desideri
    San Lorenzo, notte dei desideri

    In occasione della notte di San Lorenzo 10 Agosto 2017 il Fai Fondo Ambiente Italiano cerca cacciatori di stelle nei luoghi del Fai, organizza infatti, grazie al contributo del Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca, l’evento ASTRONOMI PER UNA NOTTE per osservare la volta celeste, le galassie, le costellazioni, le stelle e capire attraverso conferenze, visite guidate e laboratori didattici, argomenti affascinanti e ancora spesso avvolti nel mistero. E i luoghi del Fai diventano punti di osservazione privilegiati. Scaricando gratuitamente l’APP del Fai si potrà trovare un’audioguida al cielo stellato per conoscere meglio le costellazioni. Mi raccomando non dimenticate di esprimere i più segreti desideri!
    Ecco gli incantevoli luoghi stellati
    Monastero di Torba, Gornate Olona (Varese) ingresso giovedì 10 Agosto 2017 ore 21.00
    Villa Della Porta Bozzolo, Casalzuigno (Varese) ingresso giovedì 10 Agosto 2017 ore 21.00
    Castello di Masino, Caravino (Torino) ingresso giovedì 10 e domenica 13 Agosto 2017 ore 21.30
    Castello della Manta, Manta (Cuneo) ingresso venerdì 11 e venerdì 18 Agosto 2017 dalle 20.00 alle 23.00. Ingresso entro le 20.30 per il picnic o entro le 21.30 per la sola visita.
    Villa dei Vescovi, Luvigliano (Padova) ingresso giovedì 10 Agosto 2017 dalle ore 20.00 alle ore 24.00
    Bosco di San Francesco, Assisi (Perugia) ingresso giovedì 10 e sabato 19 Agosto 2017 ore 21.00
    Villa e Collezione Panza (Varese)  ingresso venerdì 29  Settembre 2017 ore 21.00
    Per informazioni www.fondoambiente.it
    La Redazione
    Pubblicato il 08/08/2017
     
    Continua a leggere

  • La Rocca delle Fiabe
    La Rocca delle Fiabe

    Sant’Agata Feltria  si trova nell’entroterra riminese a 50Km. da Rimini in Emilia Romagna e racchiude in sé il fascino della fiaba perché proprio qui sovrasta la Rocca Fregoso o Rocca delle Fiabe, posta sul Sasso del Lupo o Pietra Anellaria, uno strapiombo naturale sulla valle del Savio. All’interno della Rocca delle Fiabe, attraverso un percorso guidato si potrà ripercorrere l’intero mondo fiabesco. Il percorso parte dal punto più alto, il secondo piano, per poi scendere. Una sala introduttiva con quattro proiettori porta subito il visitatore in un mondo incantato dove attraverso una forma di intrattenimento verrà presentata la storia dell’illustrazione. Proseguendo si passerà dalla stanza povera di Cenerentola e delle altre donne perseguitate,  al grande salone del ballo, dove il sogno del riscatto viene pienamente coronato e dove la preziosa scarpetta  viene mostrata ai visitatori attraverso una teca illuminata. Qui inoltre una biblioteca virtuale permetterà ad ogni ospite di sfogliare un prestigioso volume di fiabe. La stanza successiva è dedicata al Solitario Castellano, immerso nei suoi solitari pensieri. Nelle quattro stanze del piano inferiore viene presentata la fiaba nel viaggio. A bordo di un caratteristico veliero, accanto ai personaggi della fantasia di ognuno, si potranno attraversare mari e mondi in un viaggio spericolato e avventuroso. E per finire, dopo tante avventure, un momento magico è dato dall’ascolto di alcune fiabe e dal grande tavolo touch-screen che farà scoprire immagini e descrizioni delle fiabe preferite. La Rocca delle Fiabe può essere visitata tutti i giorni da marzo a dicembre dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 15.30 alle ore 18.30 tranne il lunedì e il martedì. Per visitare Sant’Agata Feltria e la sua Rocca delle Fiabe potrebbe essere interessante consultare il sito della Pro Loco
    La Redazione.
    Pubblicato il 08/08/2017
    Continua a leggere

  • Si dice del Castello Scaligero
    Si dice del Castello Scaligero

    Il Castello Scaligero di Sirmione (BS), nato sulle rovine di un’antica fortificazione romana,  fu costruito dal Re Mastino I intorno al tredicesimo secolo per difendere il borgo e il porto di  Sirmione, città posta al confine e per cui particolarmente esposta agli attacchi nemici. Ma non è solo la sua imponente bellezza e la sua posizione, posto  su una lingua di terra che si protrae nel lago di Garda,  ad attrarre i visitatori, il castello conserva  il ricordo di una storia d’amore finita tragicamente, che rivive ancora oggi in ogni angolo della fortezza. Ebengardo e Arice sono i due giovani protagonisti di questa storia, che vivevano felice nel castello trascorrendo una vita felice innamorati uno dell’altra. Ma accadde l’irreparabile quando giunse al castello il marchese Elaberto di Feltrino, un uomo veneto,  di bell’aspetto e che ispirava una certa sicurezza. Era una notte d’inverno tempestosa e ventosa quando egli bussò alla rocca del castello per chiedere accoglienza per un giorno. Allora Ebengardo e Arice non ci pensarono due volte e accolsero il loro ospite nella loro grande dimora. Arice era una donna affascinante, gentile e aggraziata e bastarono poche attenzione della fanciulla, così come avrebbe fatto qualsiasi nobile signora  con il suo ospite, per far innamorare perdutamente Elaberto della donna. Ma peccato che non fu solo un amore platonico, durante la notte l’ospite si recò nella camera della fanciulla intendendo dar sfogo a suoi desideri. Corteggiò ripetutamente la fanciulla, ma poichè il suo cuore apparteneva solo al suo amato Ebengardo, rifiutò l’uomo e gridò dalla paura. Elaberto, accecato dall’odio per quel rifiuto estrasse il pugnale e colpì la fanciulla uccidendola. Ebengardo svegliato dalle grida corse nella stanza della sua adorata amata, ma arrivò troppo tardi,  trovando il suo ospite con il pugnale insanguinato tra le mani e Arice riversa, ormai in fin di vita, in una pozza di sangue. I due uomini duellarono a lungo finchè il disperato Ebengardo ebbe la meglio uccidendo il suo rivale. La vendetta non risanò però le ferite del suo animo dilaniato dal dolore per la perdita della sua amata, così si rifugiò nel castello e lontano dal suono della voce di Arice si consumò. ma nemmeno la morte riuscì a dar fine alle sue sofferenze. Ancora oggi qualcuno durante la visita al castello potrà intravedere Ebengardo vestito di nero, che vaga inconsolabile per non essere riuscito a salvare la sua amata.
    Il Castello Scaligero di Sirmione può essere visitato anche lunedì 14 agosto 8,30 – 19,30 ultimo ingresso 19,00 e martedì 15 agosto 8,30 – 19,30 ultimo ingresso 19,00
    La Redazione
    Pubblicato il 07/08/2017
    Continua a leggere

  • Cairo Medievale
    Cairo Medievale

    Cairo Medievale è un evento organizzato dalla Pro Loco di Cairo Montenotte (SV) Liguria  in collaborazione con l’Amministrazione Comunale. La festa si svolge nel centro storico di Cairo Montenotte che nei numerosi vicoli caratteristici ospita mostre ed eventi. Il viaggio di esplorazione, attraverso l’invenzione di “Un cairese con Marco Polo, alla corte del Gran Khan”, sarà il tema della 26ª edizione di “Cairo Medievale” che andrà in scena, come da tradizione, dal 5 al 10 agosto 2017 nelle Piazze e nelle Via del centro storico. Per la scelta del tema, la Pro Loco ha preso spunto dal richiamo dell’Organizzazione delle Nazioni Unite che ha dichiarato il 2017 anno del turismo sostenibile. Per questo motivo si è cercata una storia caratteristica sia del medioevo sia dei viaggi di esplorazione proprio nel contesto dello scambio delle esperienze e delle informazioni, della crescita comune e condivisa, del miglioramento del rapporto umano tra i popoli. Marco Polo è stato un protagonista (con suo padre Niccolò e suo zio Matteo) di questa epoca (1271-1288), affrontando un viaggio durato quasi vent’anni e soprattutto riportando in un libro (“Il Milione”, trascritto da Rustichello da Pisa) tutte le cose mirabili vedute, le esperienze fatte, tanto nel viaggio, quanto alla corte dell’imperatore di mongoli, Kublai Khan. Naturalmente serviva un pretesto per legare in qualche modo Cairo Montenotte all’esperienza di Marco Polo, ed allora si è pensato di introdurre, al seguito dei Polo, un servitore tutto inventato, cairese, in fuga da certi creditori, un tale “Augustino di Porta Soprana” (Guştèn ed Porta Surana), interpretato da Maurizio Paccini, uno scaltro uomo del popolo, capace di destreggiarsi in ogni situazione, in grado soprattutto di tornare a Cairo per ritrovare sua moglie e raccontare (a lei e a noi tutti spettatori) tutto quel che ha visto sulla Via della Seta, nel deserto del Gobi, in Terrasanta, in India, sul Caucaso, e soprattutto alla corte dell’imperatore dei mongoli, a Pechino, nell’odierna Cina. La manifestazione trae il suo successo dal coinvolgimento che riesce ad instaurare sui visitatori, immergendoli in un contesto d’altri tempi e fornendo loro un nuovo concetto di divertimento serale. Molto apprezzata risulta la cena itinerante, consumata nelle taverne che sorgono nei punti più caratteristici e coreografici del centro storico e che offrono piatti tipici dell’epoca adatti anche per uno spuntino da dopocena. Particolarmente curato è il contenuto degli spettacoli, allestiti in collaborazione con le migliori compagnie internazionali, che proiettano il pubblico in un’epoca leggendaria, intrisa di lotte fra il Bene e il Male, di timori reverenziali verso la natura e l’aldilà.
    Questo il programma:
    Venerdì 4 Agosto alle ore 21,00 nell’Anfiteatro di Piazza della Vittoria, “Concerto sotto le Stelle” della Banda Musicale “G Puccini” di Cairo Montenotte e saluti del Presidente della Proco Loco per la presentazione della festa alla popolazione.
    Sabato 5 Agosto alle ore 21,00 presso Porta Soprana, l’arrivo di Guştèn ed Porta Surana e l’incontro con la moglie Albina. Alle ore 21,30 presso il Foyer del Teatro Comunale “Chebello”,  inaugurazione della mostra dell’artista cairese Alessandro Carnevale, che resterà aperta per tutto il periodo della manifestazione.
    Domenica 6 Agosto alle ore 21,30 da Porta Soprana, comincia “Il grande viaggio”: sfilata allegorica con Marco Polo, verso la corte dell’imperatore dei mongoli, Kublai Khan. Alle ore 21,45 presso il Cinema Teatro “Chebello”, Premiére del film di Alessandro Carnevale: “Absence Atlas”.
    Lunedì 7 Agosto alle ore 20,30 presso l’ITIS di Cairo (Via Allende) gli alunni e gli studenti degli istituti scolastici di Cairo Montenotte presentano: “Animalia”, letture di animali fantastici. Alle ore 21,30 nell’Anfiteatro di Palazzo di Città, rappresentazione teatrale “Dolus Dolus L’inganno” a cura del Teatro degli Irriverenti. Alle ore 22,00 in Piazza Della Vittoria, spettacolo “circense” a cura della compagnia romana Materia Viva dal titolo “Alchimia”.
    Martedì 8 Agosto alle ore 21,30 da Porta Soprana, riparte “Il grande viaggio”, sfilata Continua a leggere

  • Una notte al Parco
    Una notte al Parco

    Il Parco Archeologico Comunale di Seradina-Bedolina (Brescia), in Valle Camonica, nasce nel 2005 con l’intento di salvaguardare e proteggere il patrimonio d’arte rupestre ivi conservato. La riserva è raggiungibile dal paese di Capo di Ponte e copre un territorio posto tra i 400 e i 600 m s.l.m.  Tutta la zona è soggetta ad una particolare esposizione del sole, per cui l’area è caratterizzata da una fauna specifica di climi più caldi. Vicino agli alberi tipici della valle, è possibile ammirare alcune specie particolari come l’Opunzia Compressa, si tratta di un piccolo fico d’India che con i suoi fiori viola richiama le sfumature della roccia affiorante. Figure e segni di quest’area sono segnalati dai vari studiosi fin dagli anni trenta, ma vere e proprie ricerche iniziano solo nel 1963, successivamente il Centro Camuno inizia a concentrare gli studi sulla grande roccia 12 di Seradina I, sulla quale è possibile ammirare un centinaio di figure incise. Estremamente curate e dinamiche rappresentano scene di caccia al cervo e scene di aratura: si riconoscono duellanti, cavalieri, cervi dalle grandi corna, cani dalla bocca spalancata, eroi che fermano a mani nude serpenti e oranti con le braccia alzate, realizzate con un tratto fine e sicuro. Per apprezzare le varie tipologie di incisioni, all’interno del Parco sono presenti  5 percorsi, che faranno apprezzare al visitatore le numerose scene di aratura, le capanne, le incisioni di corni, probabilmente usati come strumenti musicali e arrivare fino a scoprire la Mappa di Bedolina, posizionata su una terrazza panoramica naturale, che farà apprezzare al visitatore l’intero paesaggio sottostante. Per raggiungere il Parco bisogna arrivare a Capo di Ponte svoltare in direzione di Pescarzo; quindi girare a sinistra seguendo sempre Ie indicazioni per Pescarzo, oltrepassare il ponte sul fiume Oglio e proseguire fino al Cimitero, dove si possono parcheggiare gli autoveicoli, e si imbocca la strada acciottolata che lo costeggia sulla sinistra. L’accesso diretto all’area di Bedolina può essere raggiunto in auto percorrendo la strada Cemmo-Pescarzo, fino al parcheggio posizionato, salendo, sulla sinistra.
    Tratto dal sito turismo vallecamonica.it
    Il Parco è aperto tutto l’anno con i seguenti orari
    orario invernale:
    (dall’1 novembre al 28 febbraio)
    10:00 – 17:00
    aperto: tutti i giorni
    ingresso gratuito
    orario estivo:
    (dall’1 marzo al 31 ottobre)
    9:00 – 18:00 (ultimo ingresso ore 17.30)
    chiuso: mai
    Se poi i vostri bambini volessero rimanere una notte a dormire tra i percorsi d’arte rupestre, il Parco propone per Sabato 12 e Domenica 13 Agosto 2017 SERADINANNA: una notte al Parco per i bambini con il seguente programma SABATO 12 agosto dalle ore 17 allestimento tende animazione per grandi e piccini cena al sacco falò notturno DOMENICA 13 agosto  sveglia e colazione per tutti, visita guidata del Parco Archeologico.
    Quota di partecipazione 5 EURO A PERSONA Sconto famiglie: dal secondo bambino 2,5 EURO A BAMBINO ISCRIZIONE OBBLIGATORIA ENTRO L’11 AGOSTO ALLE 12.00
    Per maggiori informazioni rivolgersi all’agenzia turistico culturale di Capo di Ponte che ha la gestione del Parco Archeologico Comunale di Seradina e Bedolina Tel. +39 0364 42104 Fax. +39 0364 42571
    Cell. +39 334 6575628 email: agenzia.capodiponte@libero.it
    La Redazione
    Pubblicato il 01/08/2017
    Continua a leggere

  • Il Giardino delle Farfalle
    Il Giardino delle Farfalle

    Il Parco del Castello di Verde, collocato interamente ai confini del Comune di Valverde (PV), possiede un significativo valore paesistico con panorami spettacolari in un contesto territoriale che offre aspetti ambientali molto interessanti. In particolare il Giardino delle Farfalle merita di essere visitato in quanto si propone di facilitare l’osservazione delle specie presenti in questa zona al confine tra pianura ed alta collina. L’ambiente è composto da prati coltivati, radure, cespugli radi e anche bosco fitto. Allo scopo di osservare questi variopinti insetti son presenti comodi sentieri e sono stati realizzati interventi destinati a favorire la presenza delle farfalle, come per esempio una pozza d’acqua con fondo in terra per l’abbeverata e l’assunzione di sali minerali. Ma non solo, il mantenimento di zone inerbate aperte, l’introduzione di essenze locali fornitrici di nettare e la realizzazione di un muro a secco, destinato al soleggiamento, permettono al visitatore di osservare comodamente le specie presenti in volo e riposo, durante l’alimentazione, la difesa del territorio, il corteggiamento, l’accoppiamento e la deposizione delle uova. Volendo unire il desiderio di veder volare le farfalle ad un bel pic nic all’aria aperta l’occasione non manca e infatti  Domenica 30 Luglio 2017 dalle ore 11.00 la Pro Loco organizza  “Il pic nic nel Giardino delle Farfalle” per trascorrere una bella gita in allegria nel bel mezzo di un Parco Naturale. Non ci sarà neanche la preoccupazione di preparare il cestino con il pranzo, basteranno una tovaglia a quadretti e qualche cuscino per sedersi  sull’erba e si potrà mangiare e bere a sazietà. Non mancheranno gli intrattenimenti con i cani da tartufo, giochi per i bambini e musica folk da tutto il mondo. I prezzi di ingresso sono 15 euro per gli adulti e 8 euro per i bambini. Valverde si trova a 50 Km. da Pavia, facilmente raggiungibile percorrendo la provinciale 35 fino a Casteggio e seguendo le indicazioni per Borgo Priolo, Borgoratto, Torre d’Alberi e Valverde. Per chi proviene invece  dalla A 7 Milano-Genova, si esce a Casei Gerola e si seguono le indicazioni per Voghera, quindi per Varzi; a Ponte Nizza si svolta a sinistra per Valverde.  Si possono avere informazioni utili presso il Municipio di Valverde tel. 0383.589163-3387915289 e-mail info@comunevalverde.it
    La Redazione
    Pubblicato il 26/07/2017
    Continua a leggere

  • Massafra Carnival Summer
    Massafra Carnival Summer

    Non è uno scherzo, è tutto vero! Quest’anno la città di Massafra, Taranto, Puglia vivrà per la prima volta l’antica festa del Carnevale nel bel mezzo dell’estate, nell’ultimo weekend di Luglio. Sarà un’occasione particolare per accogliere in città una carovana di artisti di strada, pronti ad accendere l’entusiasmo e la gioia negli occhi dei piccoli e dei grandi. Un’apertura in grande stile, dunque, quella del Massafra Carnival Summer, grazie all’Associazione Smile, per la direzione artistica di Manuel Manfuso, che approderà nella ridente cittadina il prossimo 25 luglio 2017 con lo spettacolo itinerante, che sta attraversando in lungo e in largo l’intera regione pugliese con numeri di presenze da record, lo “Smile Circus”. L’allegra e frizzante parata con gli artisti e le street band sfilerà a partire da Via Caduti della Nave Roma, alle ore 20.00, e attraverserà il centro storico, fra le esposizioni dei migliori ritrattisti e creativi pugliesi, per concludersi nella nuova Piazza Giuda, dove si terrà il primo spettacolo e di seguito gli altri previsti per la serata Un vero e proprio “Paese dei Balocchi” in cui lasciarsi incantare dall’abilità dei trampolieri, personaggi strambi che passeggiano a un metro e mezzo da terra, ciascuno con la propria peculiarità, accanto a simpatiche Mascotte dell’Associazione “C’era una volta”, impegnate ad intrattenere i più piccoli per le vie del Centro. E proprio i bambini saranno i protagonisti di un sogno, raccontato dalla bella Fiocchettina che, attraverso dei laboratori, rivelerà i trucchi per creare un liquido perfetto e ottenere bolle di sapone da qualsiasi materiale da riciclo. I suoi “Sospiri di Bolle” giganti prenderanno vita in uno spettacolo che fonde Magia, Musica e Meraviglia. Di tutt’altro genere il laboratorio creativo “Spupazzando”, nato con l’intento di offrire un ulteriore strumento per comunicare con i bambini attraverso il gioco: un mix di manualità, teatro, animazione e sorrisi, dove imparare a costruire burattini in gommapiuma, con la vena artistica di Carolina, la pazzia di Biagio e le molteplici improvvisazioni dei suoi personaggi. Un modo insolito e originale per rendere i “piccoli artisti” inconsapevolmente complici ed attori di un’improvvisazione teatrale a favore dei passanti, frutto di un’iniziativa dell’Associazione “Teste di Legno” che in questi anni ha lavorato a stretto contatto con diverse scuole ed enti Pro Loco, vantando collaborazioni in progetti sia con il Ministero dei Beni Culturali che con quello dell’Ambiente. Anche per Furios Costamagna, alias Furious, l’improvvisazione resta la chiave di tutto lo spettacolo. Sarà proprio il presidente dell’Associazione World’s Street Artists a creare, attraverso il mimo e fantastici numeri di giocoleria, un diverso modo di comunicare con il pubblico. Insieme al compagno sputa fuoco Pogoman, andrà a produrre azioni di grande impatto scenografico in una performance che “infiammerà” gli occhi degli spettatori. Toccherà stare col naso all’insù, invece, per ammirare gli splendidi volteggi tra i tessuti di Natascia Greco, la ballerina originaria di Taranto con la passione di emergere nel campo dell’acrobatica aerea, che si lascerà guidare dalla delicata musica di Francesco Greco, violinista noto al grande pubblico per le sue performances nei più bei teatri e piazze di tutta Italia. Un ensemble esclusiva che si fonderà nel suggestivo spettacolo del “Violino Acrobatico”, ideato dallo stesso Manuel Manfuso eslusivamente per lo SMILE CIRCUS.
    A catturare lo sguardo dei più giovani saranno invece i palleggi acrobatici del Freestyler di Calcio, protagonista del video ufficiale dell’U.S. Lecce e chiamato ad esibirsi persino nel pre-partita di Roma-Milan allo Stadio Olimpico. Interessante novità, la presenza di Jack Sorressa, musicista appassionato della cultura etnica, che suonerà con l’utilizzo di due bacchette l’antico Continua a leggere

  • Il Treno dei Bimbi a Baceno
    Il Treno dei Bimbi a Baceno

    Un villaggio molto particolare da visitare per una simpatica gita fuori porta o come meta turistica per grandi e bambini, il “Villaggio Treno dei Bimbi” di Baceno (VB) vi stupirà per la sua particolarità. Un villaggio unico nel suo genere composto e formato da vecchie carrozze ferroviarie nato per opera di un Frate Cappuccino nell’anno 1966. La struttura che può ospitare gruppi di ragazzi e famiglie è composta da 28 carrozze ferroviarie adibite a camere, refettoi, sale tv ed esposizioni molto particolari. All’interno del villaggio, troviamo un “Parco giochi” un campo da “pallavolo” ed un “campo da calcio”. Alcuni vagoni sono allestiti in maniera unica, possiamo visitare ed ammirare il “Paese dei Balocchi” un vagone espositivo di giocattoli, peluches e giochi vari, il “Vagone dell’arte” dove ogni anno vengono esposte le opere di vari artisti: ceramiche sculture, quadri, fotografie e tanto altro.  Da visitare al centro del parco il vagone del “C’era una volta” che raccoglie moltissimi pezzi di storia delle ferrovie e non solo. Una chiesetta, un presepe e un laghetto adibito alla pesca alla trota, oltre a tanti fiori e piante rendono veramente il posto unico. Il villaggio propone ai suoi visitatori e turisti anche ottime escursioni paesaggistiche. Nelle vicinanze si possono intraprendere passeggiate naturalistiche visitando le vicine Valli  Antigorio e Formazza. Da vedere sicuramente la “Cascata del Toce” e gli “Orridi di Uriezzo”. A pochi Km raggiungendo il Lago Maggiore e traghettando, si può visitare la splendida Locarno in territorio Elvetico. Numerose e sempre nuove sono le iniziative organizzate anche all’interno del “Villaggio Treno dei Bimbi” sopratutto nel fine settimana e nel periodo Estivo.
    La redazione
    Pubblicato il 19/07/2017
    Continua a leggere

  • Novantico a Novi Ligure
    Novantico a Novi Ligure

    Novantico: Gran Mercato del Piccolo Antiquariato

    Ogni quarto sabato del mese e per il mese di Luglio 2017 cade proprio Sabato 22, le vie del Centro Storico di Novi Ligure ( AL) in Piemonte si animano, complici le bancarelle del gran mercato del piccolo antiquariato. Sono tanti gli oggetti che si possono trovare. Per  chi sta arredando casa si tratta di una curiosa opportunità  per personalizzare il proprio arredamento con un tocco vintage. Passeggiando tra i banchi, oltre a sedie e mobili antichi da risistemare anche tanti oggetti e accessori come per esempio pomelli in ceramica per la cucine, macina caffè, cappelliere e vecchie valigie e ancora vecchi ferri da stiro apribili da utilizzare come originali e simpatici vasi per i fiori, magari con un bel geranio rosso cascante. Per chi invece vuole solo curiosare e ritornare con la mente e i ricordi al passato è un’ottima occasione per trascorrere una piacevole giornata in un territorio ricco di storia, tradizioni e enogastronomia.
    Comunicato stampa tratto dal Distretto del Novese
    La Redazione
    Pubblicato martedì 18/07/2017
    Continua a leggere

  • Porto Recanati Air Show 2017
    Porto Recanati Air Show 2017

    Porto Recanati Air Show 2017. Bis delle Frecce Tricolori sulla costiera Adriatica. Dopo il folto pubblico attirato con le loro fantastiche evoluzioni a Ravenna nello scorso week end, facendo registrare il pienone sul lungomare Ravennate, la Pattuglia Acrobatica delle Frecce Tricolori si ripropone con il suo spettacolo a Porto Recanati nel fine settimana. Sul Lungomare Scarfiotti sarà possibile ammirare le acrobazie dalle h. 16.00 alle h.18.30 nelle giornate di (Sabato 15 Luglio Prove e Domenica 16 Luglio Air Show).
     
    Programma della manifestazione:
    Aerei ultraleggeri
    Elicottero HH-139A dell’Aeronautica Militare con dimostrazione di soccorso in mare
    Lancio paracadutisti
    Pattuglia acrobatica YakItalia
    Elicottero Esercito Italiano
    ATR Guardia di Finanza
    Mezzi anfibi
    Frecce Tricolori
    Area espositiva dalle ore 10:00 alle ore 20:00
    La Redazione
    Pubblicato il 11/07/2017
    Continua a leggere

  • Bielmonte festa per famiglie
    Bielmonte festa per famiglie

    Il  Bielmonte Outdoor Festival  per la 4a edizione propone una formula nuova articolata su due domeniche consecutive, il 16 e il 23 luglio dalle 10.00 alle 18.00. Un evento per tutta la famiglia, per praticare ATTIVITA’ ALL’ ARIA APERTA nel cuore dell’Oasi Zegna, a Bielmonte all’Activity Village con guide e istruttori per cimentarsi in mountain bike, nordic walking, equitazione, golf, yoga. Tra le novità di quest’anno i BABY CAMP MULTI SPORT: scherma, basket, volley, calcio, rugby, ginnastica artistica, laboratori circensi, didattici sulla natura di ispirazione Montessoriana e “uno spolvero di farina” per imparare a impastare e preparare i dolci. E poi…TANTO DIVERTIMENTO con bungee run, climbstation, acrojump, rolbarun (uno speciale bob a rotelle con discesa adrenalinica). Non mancano le ATTRAZIONI SPECIALI:
    Domenica 16 luglio grandi esibizioni del CIRKO VERTIGO con un cast internazionale di interpreti (ore 14.30 e ore 17.00).
    Domenica 23 luglio, tre spettacoli di CIRCO E ARTE DI STRADA:
    – alle 11.00 “HOOPnosis” di e con Linda Vellar (40 min) con verticali, contorsioni, manipolazioni di hula hoop;
    – alle 14.00 “Interferenze” di e con Francesca Merisio (durata 45 min) con clown, hula hoop e improvvisazioni teatrali;
    – alle 17.00 “Niente è come sembra” di e con Mario Comaneci (40 min), Paolo cinese con musica live.
    Sempre domenica 23 luglio le spettacolari esibizioni della Squadra Nazionale Arcieri paralimpica con atleti medagliati (alle 12.00 e alle 15.30) e del Gruppo Arcieri Dahu (alle 12.00 e alle 15.30).
    A chiudere la giornata il Coro Cesare Rinaldo (alle ore 18.00) suggestivo coro di montagna di rassegna popolare.

    E tra un’attività e un’altra non possono mancare le pause gastronomiche a cura del Consorzio Turistico Oasi Zegna. Al centro del Village del Bielmonte Outdoor Festival è possibile gustare qualche salamella grigliata, costine, hamburger e patatine. Non troppo distante anche locande, ristoranti, rifugi, agriturismi con speciali proposte degustazioni e sapori del territorio. L’ingresso al Bielmonte Outdoor Festival e l’accesso a molte delle attività proposte è gratuito. Potete trovare tutte le info e gli aggiornamenti su www.bielmonteoutdoorfestival.com
    La Redazione
    Pubblicato il 10/07/2017
    Continua a leggere

  • Visita al Castello Baradello
    Visita al Castello Baradello

    Parco Regionale Spina Verde-Como – L’itinerario circoscrive il colle del Castello Baradello e permette di raggiungerne la sommità. Il castello, simbolo della città di Como è ben visibile a chiunque si avvicini alla città e dalla cima è possibile godere di un panorama a 360° sul lago, sulle Alpi e sulla Brianza. Il percorso ha inizio da via degli Alpini che affianca il parco delle Rimembranze, dove si trova il monumento dei Caduti, e prosegue sino alla cima dove si trova il Castello Baradello, eretto per ordine del Barbarossa, dopo la vittoria del 1168 su Milano, sui resti di più antichi insediamenti. Sotto al Castello si trova una baita e una area di sosta, attrezzata con delle panchine ombreggiate dalle conifere. Ripartendo dalla baita si procede in discesa sulla strada che porta verso l’arrivo, ornata da vegetazione arborea ed arbustiva considerata di pregevole interesse botanico. Nelle vicinanze si segnalano i resti di una cava di arenaria e, verso la convalle, la basilica di San Carpoforo, famosa perché sede di avvenimenti storico religiosi importanti. La tradizione vuole infatti che, verso la fine delle persecuzioni, un soldato romano, Carpoforo con cinque compagni, Esanto, Cassio, Licinio, Severo e Secondo, fuggiti da Milano, perché cristiani, subirono il martirio nella località detta Selvetta, sulle pendici orientali del colle Baradello, presso un tempio dedicato al dio Mercurio, di cui sono state rinvenute iscrizioni su pietra. Le persecuzioni cessarono nel 313 con l’editto di Costantino. Nel 386 Sant’Ambrogio consacrò primo vescovo di Como san Felice che trasformò in chiesa cristiana l’antico tempio pagano ormai in rovina e vi collocò le spoglie di San Carpoforo e dei suoi compagni. Intorno a questa prima chiesa di Como sorse la prima comunità cristiana comasca. Il sentiero si chiude infine in località Ul Ginocc, antico ritrovo che era attrezzato con una pista di pattinaggio sul ghiaccio. Il percorso adatto alle famiglie porta il visitatore attraverso il tempo, dalle origini di Como ai nostri giorni. Il castello è aperto al pubblico Domenica 9 Luglio 2017 e  visitabile dalle ore 10.00 alle 18.00 per informazioni e prenotazioni meglio rivolgersi a baradello@spinaverde.it cell.+39 3331634674 
    Comunicato stampa tratto dal sito del Parco Regionale Spina Verde
    La Redazione
    Pubblicato il 06/07/2017
     
    Continua a leggere

  • Le Frecce Tricolori a Ravenna
    Le Frecce Tricolori a Ravenna

    LE FRECCE TRICOLORI SUL CIELO DI RAVENNA PER CELEBRARE IL “VALORE TRICOLORE”
    Domenica 9 luglio la Pattuglia Acrobatica Nazionale stenderà nel cielo il più grande tricolore del mondo. L’iniziativa celebra i valori costituzionali nel decimo anniversario della morte del comandante Andrea Golfera.. Sabato 8 e domenica 9 luglio a Ravenna arriva la seconda edizione di Valore Tricolore: dimostrazioni, esercitazioni, esposizioni di mezzi militari, attività sportive e attrazioni animeranno le due giornate, che culmineranno con l’esibizione delle Frecce Tricolori, simbolo internazionale delle eccellenze italiane, che stenderà sul cielo il Tricolore più grande al mondo.
    L’evento è il punto di partenza per un cartellone di appuntamenti periodici che si pongono l’obiettivo di dare la giusta visibilità a tutti quei valori posti alla base della Carta costituzionale, celebrando l’identità nazionale, la democrazia, la libertà, la pace e il rispetto del prossimo, l’eccellenza italiana, l’educazione ai valori sociali, condivisi che vengono racchiusi e citati dalla bandiera italiana e di cui le Forze armate sono i maggiori custodi. Valori quanto mai attuali, a settantuno anni dalla nascita della Costituzione italiana e a quasi cento anni dal termine della Grande guerra, anniversario che sarà oggetto di importanti iniziative a Ravenna come in tutta Italia. Non solo. Valore Tricolore si pone l’obiettivo di mettere in relazione impresa, territorio, istituzioni e cittadini, ambiti potenzialmente diversi, ma accomunati dagli stessi valori ritenuti ormai sopiti, ma che in realtà richiedono solo maggiore fiducia: affinché un’impresa e un territorio e le istituzioni funzionino, occorre infatti che i valori su cui si fondano siano fortemente identitari e legati profondamente alle caratteristiche uniche di eccellenza capaci di restituire la competitività vincente di un sistema economico. L’evento vuole quindi riaccendere la fiducia in quei valori, nonché accrescere e consolidare una consapevolezza di quelli che sono i punti di forza della nostra cultura nazionale e locale trasmettendoli attraverso simboli e metafore radicati nel territorio, che vengono resi visibili e condivisi. Due giornate dall’altissimo contenuto emozionale, che saranno capaci di entusiasmare tanto i bambini quanto gli adulti, con appuntamento nel lungomare di Punta Marina Terme. Sabato 8 luglio la giornata sarà dedicata alle prove di volo, con inizio alle 16: esercitazioni per il soccorso in mare, voli acrobatici, nonché le prove generali delle Frecce Tricolori animeranno il pomeriggio fino alle 18. Domenica 9 luglio la manifestazione entrerà invece nel vivo, a partire dalle 14.30 con l’arrivo delle autorità e la possibilità di visitare tutti gli spazi espositivi allestiti per l’occasione. Seguiranno le esibizioni in cielo: si comincerà con la simulazione di soccorso marittimo con elicottero Sar, poi spazio al volo della Scuola nazionale elicotteri dell’Aero Club di Lugo. Alle 16.30 sorvolo della manifestazione di uno storico biplano da addestramento Stearman, seguito da alcune esibizioni acrobatiche di aerei civili e della scuola di volo dell’Aero Club di Lugo. La manifestazione si concluderà in grande stile con l’esibizione delle Frecce Tricolori, in programma alle 17.30: la Pattuglia Acrobatica Nazionale comporrà diverse figure in cielo, culminando con la stesura del più grande Tricolore del mondo. L’evento è organizzato dall’Aero Club Francesco Baracca di Lugo, con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, della Provincia di Ravenna, del Comune di Ravenna e del Comune di Lugo. per ulteriori informazioni, consultare il sito web www.valoretricolore.it, oppure la pagina Facebook “ValoreTricolore”. L’evento è stato ideato per la prima volta nel 2016, per celebrare il 70° anniversario della nascita della Repubblica italiana, il 70° delle Forze armate italiane e il centenario del Cavallino rampante, simbolo dell’asso italiano dei cieli Francesco Baracca; quest’anno l’appuntamento Continua a leggere

  • Rivivi il ‘600 a Bassano Romano
    Rivivi il '600 a Bassano Romano

    Uno spaccato di vita seicentesca nel Borgo di Bassano Romano.
    Una manifestazione unica da non perdere il 7-8-9 Luglio
    La manifestazione, organizzata dal comitato Mercatini del ‘600, con la collaborazione della Pro Loco e dei singoli cittadini, consiste in una rievocazione di una giornata di festa-mercato ambientata nel XVII secolo. I fautori vogliono avvicinare il presente con il passato facendo rivivere quei momenti con una rappresentazione ambientata nei vicoli e nelle piazzette del centro storico. Figuranti in costume d’epoca animeranno il borgo, con spettacoli culturali e folcroristici. Giochi popolari, carnevale secentesco, mostre e concerti di musica barocca,  percorsi dei sapori, inttraterranno e coinvolgeranno i presenti indirizzandoli dove poter gustare la cucina rurale tra cantine e vicoli suggestivi e, nelle piazzette, potranno curiosare tra i piccoli mercati artigianali; una festa nella storia  per rivivere i fasti di un tempo.
    Una manifestazione unica da non perdere il 7-8-9 Luglio.
    L’apertura straordinaria come da consuetudine di Palazzo Giustiniani-Odescalchi, sarà la tappa d’onore dei visitatori per poter ammirare i pregevoli affreschi che ornano il piano nobile.
    La Redazione
    Pubblicato il 03/07/2017
    Continua a leggere

  • Il Palio di Castiglione Olona
    Il Palio di Castiglione Olona

    Prende il via come da tradizione “il Palio dei Castelli di Castiglione Olona” (VA). La manifestazione giunta alla 42^ edizione, che ogni anno richiama migliaia di turisti nel Borgo.
    Non prendete impegni e non mancate, a partire dal 30 Giugno e fino al 9 Luglio 2017, il piccolo Borgo, detto anche “Isola di Toscana in Lombardia“, si animerà con mostre, concerti, giochi e intrattenimenti in perfetto stile rinascimentale il tutto accompagnato da centinaia di figuranti in abiti d’epoca. La ricca programmazione del “Palio dei Castelli” coinvolgerà ogni fascia di pubblico, dai più piccoli ai meno giovani, con la maestria e il supporto della fantastica squadra della Pro Loco, la quale si prodiga da sempre per la buona riuscita della manifestazione e per la promozione della città di Castiglione Olona.
    Di seguito il TEMA STORICO di questa edizione e il PROGRAMMA. 
    TEMA STORICO 
    Tema storico di questa quarantaduesima edizione del Palio dei Castelli rievoca la partecipazione del Cardinal Branda Castiglioni al Concilio di Basilea, Ferrara e Firenze convocato da papa Martino V nel 1431 e trasferito in Italia da Eugenio IV nel 1438.
    L’assise di alti prelati, in cui grande ruolo ebbe il nostro Porporato, si dedicò anzitutto all’obiettivo di riunificare la Chiesa Latina con quella Greca: forti dell’esperienza del precedente concilio svoltosi a Costanza, con cui era stato ricomposto lo Scisma d’Occidente, i Padri Conciliari si trovavano a guardare ad un oriente che sembrava affatto più vicino sia grazie alle relazioni instaurate dalle Missioni francescane e domenicane, ma anche a rinnovate rotte commerciali che sempre più frequentemente volgevano a levante.
    Gli orientali giunsero al Concilio in numero di circa seicento e la discussione venne istruita riguardo a diversi temi teologici, ecclesiologici e politici. Le delegazioni delle due Chiese cercarono di sanare le proprie divisioni riguardo anzitutto al Credo professato, concentrandosi sull’articolo inerente lo Spirito Santo, e al primato papale posto in antitesi al conciliarismo. Non meno importante dal punto di vista strategico, la riunione delle Chiese era auspicata dall’Imperatore bizantino alla ricerca di alleati contro l’avanzata ottomana.
    Il documento finale del 1439 riuscì a sanare le antiche fratture, tuttavia, seppur sostenuto da entrambe le parti, non trovò mai applicazione concreta per diverse ragioni. Ciò ebbe conseguenze non solo sul piano ecclesiale, ma anche su quello politico con l’abbandono al proprio destino dell’Impero romano d’Oriente che crollò di lì a pochi anni, con l’assedio di Costantinopoli del 1453.
    Se dal punto di vista ecclesiale e politico questo Concilio non fu proficuo, è da sottolineare, invece, quanto la presenza dei cristiani ortodossi in Italia diede un grande contributo al rinnovamento culturale. Il Rinascimento, infatti, distaccandosi dalla concezione medioevale, aveva preso a riferimento l’età classica romana, ma anche quella greca: la venuta in Italia della delegazione orientale, tra cui possiamo annoverare uomini illustri quali Giorgio Gemisto detto Pletone o Giovanni Bessarione,  fu certamente occasione di contatto e riscoperta di questa tradizione. Gli echi di questa esperienza conciliare giunsero attraverso Branda Castiglioni fino a Castiglione Olona: tra le vie e i palazzi della Città ideale, vero laboratorio del Rinascimento, il Cardinale seppe precorrere i tempi, lasciandoci in eredità un patrimonio culturale che ci provoca quotidianamente, che ci sfida ad esserne all’altezza. Anche ai nostri giorni l’oriente è foriero di uomini che arrivano sul nostro territorio: la storia ci provoca ad essere all’altezza del nostro passato, capaci cioè di innescare circuiti virtuosi per la nostra cultura dall’incontro con tradizioni così apparentemente distanti. 
    PROGRAMMA
    VENERDI’ 30 GIUGNO
    Ore 19.30 – Castello di Monteruzzo
    “Il Palio a tutta Continua a leggere

  • Milano chiama Castellazzo
    Milano chiama Castellazzo

    Nel Parco delle Groane c’è la più grandiosa villa barocca di Lombardia, luogo del cuore con i suoi giardini considerati fra i primi dieci d’Italia per bellezza e importanza architettonica. Dell’uomo che ha realizzato questo capolavoro si parla poco e si conosce poco, eppure fu uno fra i personaggi più straordinari dell’epoca spagnola, che lasciò ai posteri, oltre alla sontuosa dimora, il Codice Atlantico vinciano, il colosso di Pompeo e le straordinarie opere del Bambaja per il monumento a Gaston de Foix (oggi in Castello): Galeazzo Arconati. Un viaggio attraverso la storia e la natura, un viaggio sorprendente che inizia ai tempi dei romani, attraversa il Rinascimento e la peste, per giungere ai giorni nostri, fra gli straordinari eventi del Festival e le prospettive di recupero dell’insigne monumento: Villa Arconati, la piccola Versailles milanese.L’incontro, dal titolo Galeazzo Arconati-Milano chiama Castellazzo,  organizzato dal Comune di Milano, Parco delle Groane in collaborazione con Fondazione Augusto Rancilio e con il patrocinio del Comune di Bollate, intende essere un modo per restituire ai milanesi un pezzo di storia ancora troppo poco conosciuto riguardo ad un bene storico e culturale, il Castellazzo, che è una realtà unica in tutta la Lombardia. Sarà, inoltre, l’occasione per ricordare Galeazzo Arconati, figura di spicco del panorama collezionistico e culturale milanese del Seicento, che fu tra i precursori del collezionismo di matrice classica, portando da Roma al Castellazzo la colossale statua un tempo creduta di Pompeo Magno, ma soprattutto che ebbe il merito di consegnare alla sua città in dono i fogli del Codice Atlantico di Leonardo.
    L’appuntamento è per Martedì 4 Luglio 2017 ore 17.30 in Galleria Vittorio Emanuele lato Piazza Scala presso Urban Center Milano. Interverranno: Fabio Lopez, già direttore Parco delle Groane – Quel fiumiciattolo chiamato Nirone che ha disegnato  due millenni di storia milanese. Carlo Dones, ricercatore- Galeazzo Arconati collezionista e mecenate del XVII secolo. Giancarlo Cattaneo, Comune di Bollate- Il Festival di Villa Arconati dagli esordi ai grandi successi internazionali, visto dal suo curatore-aneddoti e personaggi in scena. Sonia Corain, Fondazione Augusto Rancilio- La villa, fucina di cultura ed arti, oggi e domani.

    Comunicato Stampa
    La Redazione
    Pubblicato il 27/06/2017
    Continua a leggere

  • Mercatiamo tutti a Zoagli
    Mercatiamo tutti a Zoagli

    Zoagli, Sabato 15 e Domenica 16 Luglio 2017, dalle ore 09,00 alle ore 22,00, si svolgerà la 2^ Edizione di Mercatiamo. Mostra Mercato di Manufatti con Amore & Actionnella nella splendida cornice di Zoagli (GE). Mercatiamo è una rassegna espositiva di prodotti genuini, articoli artigianali e originali, creati con dedizione, fantasia e meticolosità, da artigiani, artisti, operatori dell’ingegno ed hobbisti, aziende agricole, floricoltori, associazioni e, ulteriore innovazione di questo sinergico gruppo, i “Garagisti”, ovvero i rigattieri per un giorno. Un altro fiore all’occhiello della manifestazione, sono   gli ”Action“, cioè dove alcuni espositori faranno delle performance attive, proponendo dal vivo la propria arte creativa, la fase di realizzazione, a dimostrazione che il risultato armonioso dell’oggetto o della creazione finita è frutto di ricerca, studio, prove, estro, ore di attesa, contemplazione, dedizione…che scaturiscono all’esterno, spinti dalla forza del cuore, la passione.
    Comunicato Stampa
    Pubblicato il 22/06/2017
    Continua a leggere

  • Giochi di Luci sul Lago D’Orta
    Giochi di Luci sul Lago D'Orta

    Il piacevole appuntamento è fissato per Mercoledì 21 Giugno a Orta San Giulio (NO) con “Giochi di Luce”.
    Al calar del sole presso “Piazza Motta”, dalle h.22.00, si svolgeranno spettacolari giochi pirotecnici a tempo di musica che coloreranno il lago nel giorno del solstizio d’Estate.
    La Redazione
    Pubblicato il 19/06/2017
    Continua a leggere

  • Sorriso di Stelle a Ville Ponti
    Sorriso di Stelle a Ville Ponti

    L’evento “Sorriso di Stelle” che unisce degustazione dei sapori e dei prodotti del varesotto  a scopi benefici si svolgerà quest’anno a ville Ponti di Varese.Durante la serata di martedì 20 Giugno si alterneranno momenti  di intrattenimento con ospiti famosi a degustazioni tra le isole gastronomiche e gli stand espositivi oltre alle risate proposte dal cabaret di Francesco Rizzuto direttamente da Zelig e alla musica garantita dal dj set di Mastermax Dj. Lo scopo benefico vede la raccolta di fondi a favore della Fondazione Giacomo Ascoli di Varese che da anni si impegna nel sostenere la lotta contro i tumori infantili, nel migliorare la qualità di vita dei piccoli pazienti del reparto Oncoematologico dell’Ospedale del Ponte di Varese  e delle loro famiglie. Nelle isole gastronomiche saranno presenti chef d’eccezione, Giordano Ferraerese, Damiano Simbula, Daniele Preda e Gian Maria Merlotti  che proporranno degustazioni di risotti, mentre alle 21.45 si svolgerà  un grande show cooking a cura dell’Associazione “Pasticceri per la Vita”che realizzeranno un torta per l’occasione con degustazione nell’area dessert. La serata è organizzato da Confcommercio Uniascom della provincia di Varese e dall’Associazione Provinciale Cuochi Varesini, in collaborazione con Coldiretti Varese, Associazione Pasticceri per la vita ed Unibirra.  I biglietti, che comprendono 8 ticket da consumare nelle isole possono essere acquistati direttamente all’ingresso della serata oppure sul sito online www.sorrisodistelle.com e anche presso le associazioni commercianti della provincia, da Unibirra e da Fondazione Ascoli. E allora l’appuntamento da non dimenticare con “Sorriso di Stelle” è per martedì 20 Giugno 2017 a ville Ponti Varese a partire dalle 18.00
    La Redazione
    Pubblicato il 16/06/2017
    Continua a leggere

  • Medioevo al Castello di Legnano
    Medioevo al Castello di Legnano

    Spettacolari raffigurazioni di scene medioevali, vi aspettano al Castello di Legnano. Da Venerdì 23 a Domenica 25 Giugno per fare un salto nel passato, con un evento collaterale al Palio di Legnano. La Festa delle contrade si svolgerà nel Borgo Medioevale e sarà caratterizzata da un ricchissimo programma di Eventi e Giochi con incontri e degustazioni in perfetto stile Medioevale. Giullari, Giocolieri e spettacoli con mangiafuoco intratterranno i presenti per la gioia dei bambini, oltre a spettacoli di falconeria con il coinvolgimento del pubblico.
    PROGRAMMA:
    VENERDì 23 GIUGNO
    Alle h.19.00 Apertura Castello accompagnato da “Aperitivo delle Contrade“. h.20.00 Locanda al Castello:cena a base di pesce in collaborazione con ASD 5 Mulini. h 21.30 Concerto Federico Avallone e la sua Band.
    LE GIORNATE MEDIEVALI
    SABATO 24 GIUGNO
    h.15.30 Apertura Campo con scene di vita medievali,banchi didattici
    h.16.00 Prova tiro con l’arco
    h.17.30 Spettacolo Falconeria e Battesimo del Guanto
    h.18.30 Lancio con Catapulta e combattimenti
    h.19.30 Esibizione di musica Medievale
    h.20.00 Spettacolo Giullari, Giocolieri e Sputafuoco
    h.21.00 Spettacolo Musica Celtica Medievale con il gruppo Barbarian Pipe Band
    h.22.15 Spettacolo bellico col fuoco, combattimenti, Frecce infuocate e macchine d’assedio
    h.24.00 Chiusura campo
    CENA MEDIOEVALE SU PRENOTAZIONE INIZIO H.19.30
    APERITIVO MEDIEVALE INIZIO H.18.30
    GRIGLIATA PER TUTTI DALLE H.19.00
    DOMENICA 25 GIUGNO
    h.10.00 Apertura Campo con scene di vita medievale,banchi didattici
    h.10.30 Santa Messa al Castello
    h.11.30 Chi fermerà il terribile Barbarossa? Avventura medievale per Bambini
    h.12.00 Musica Medievale, Spettacolo di Falconeria e volo dei Falchi
    h.14.00 Tiro con l’arco, prova la freccia
    h.14.30 Spettacolo Sbandieratori e Musici Città di Legnano
    h.15.00 Battesimo della sella su pony Centro Ippico La Stella
    h.16.00 Chi Fermerà il terribile Barbarossa? Avventura medievale per Bambini
    h.17.00 Spettacolo di Falconeria e Battesimo del Guanto
    h.18.00 Tornei di Spade dei cavalieri,combattimenti multipli
    h.19.30 Spettacoli sul palco: Musica Medievale – Giocolieri Giochi di Fuoco
    h.20.30 Chiusura festa medievale e inizio festa con musica dal vivo
     
    PRANZO MEDIOEVALE SU PRENOTAZIONE INIZIO H.13.00
    APERITIVO MEDIEVALE DALLE H.11.30 E DALLE H.18.30
    GRIGLIATA PER TUTTI DALLE H.12.00 E DALLE H.19.00
    DALLE H.21.00 MUSICA DAL VIVO
    La Redazione
    Pubblicato il 15/06/2017
     
     
    Continua a leggere

  • La notte Romantica nei Borghi
    La notte Romantica nei Borghi

    Sabato 24 giugno 2017 la Notte Romantica ne “I Borghi più belli d’Italia”: un’occasione per celebrare l’amore e il romanticismo nella magia delle piazze, dei vicoli, dei palazzi dei Borghi più belli d’Italia. Una serata indimenticabile, a lume di candela, in un’atmosfera raccolta che caratterizzerà le vie del centro storico per gustare i menù studiati per l’occasione. Un evento di grande richiamo che mobiliterà migliaia di appassionati e innamorati, che potranno ammirare la bellezza dei nostri Borghi in ogni forma: non solo l’inestimabile patrimonio storico, artistico e culturale ma anche angoli suggestivi, paesaggi incontaminati, filosofia del buon vivere e prelibatezze enogastronomiche.
    E a mezzanotte: migliaia di palloncini saranno liberati nel cielo e faranno da cornice al bacio di mezzanotte!
    La notte della musica Romantica
    Il 21 Giugno 2017, in occasione del Festival Europeo della Musica la serata sarà tutta all’insegna della musica romantica. Concerti, improvvisazioni, flash mob musicali animeranno gli angoli più suggestivi dei nostri borghi, creando un’atmosfera musicale che ci accompagnerà tutti nell’attesa della Notte Romantica del 24 giugno.
    La Redazione
    Pubblicato il 14/06/2017
     
    Continua a leggere

  • Vette d’artificio 2017
    Vette d'artificio 2017

    Dal 28 luglio al 12 agosto tre imperdibili show in tre meravigliose località delle Alpi piemontesi!
    VETTE D’ARTIFICIO 2017: FUOCHI E MUSICA TRA LE CIME
    Al via la terza edizione dell’unica rassegna piromusicale “in vetta” d’Italia, dal 28 luglio al 12 agosto.
    Tra le novità un’iniziativa fotografica per premiare i vostri migliori scatti: in palio tre fantastiche vacanze nelle sedi degli show e un meraviglioso premio finale!
    Torna anche nell’estate 2017 l’unica rassegna piromusicale in alta quota mai proposta in Italia: un evento volto a valorizzare le località dell’alto Piemonte che hanno aderito anche quest’anno. Tre conferme nel calendario estivo, Mottarone, Macugnaga e San Domenico, tre tappe che diventeranno palcoscenici naturali di spettacoli piromusicali poco impattanti e “attenti” all’ambiente, grazie all’esperienza di GFG Pyro, azienda organizzatrice della rassegna.
    Mottarone, 28/07
    La prima tappa coincide con la “montagna dei sette laghi”, così denominata per la spettacolare e impareggiabile vista che il Mottarone offre dalla sua vetta di 1491 metri. Una cornice naturale dal panorama suggestivo che abbraccia, appunto, sette laghi, tra cui i Laghi Maggiore, d’Orta e di Mergozzo, e offre una vista a 360° dalle Alpi Marittime al Monte Rosa. Lo show coinciderà con l’inaugurazione dell’edizione 2017 di Vette d’artificio, venerdì 28 luglio.
    Macugnaga, 5/08
    Il secondo appuntamento si terrà invece a Macugnaga (Valle Anzasca): dal centro dell’antico borgo walser a quota 1.327 metri, il pubblico potrà assistere ad un emozionante show di fuochi, luci e musica letteralmente ai piedi dell’imponente parete est del Monte Rosa.
    Macugnaga è stata la culla delle popolazioni walser e una giornata in questo borgo, rimasto intatto nella sua struttura architettonica originaria, non può che lasciare senza fiato: arte, tradizioni, sapori autentici e una natura incontaminata proprio ai piedi della parete himalayana del Monte Rosa.
    San Domenico, 12/08
    La chiusura della terza edizione di Vette d’artificio è programmata anche quest’anno a San Domenico (Valle Divedro), ormai tra le più blasonate destinazioni dell’arco alpino per gli sport invernali, grazie ad un grandioso ammodernamento degli impianti sciistici, ma anche apprezzata meta estiva per la miriade di percorsi escursionistici disponibili. Questo sarà lo spettacolo più “alto” della rassegna: verrà infatti ospitato nella spettacolare conca alpina dell’Alpe Ciamporino, a circa 2.000 metri di altitudine, in uno scenario naturalistico mozzafiato.
    Tutti gli spettacoli piromusicali di Vette d’artificio inizieranno indicativamente alle ore 22.30 e saranno anticipati da un ricco programma di eventi collaterali (in costante aggiornamento su questo sito) a cura dei comitati promotori, per scoprire in quota le mille sfaccettature di queste località di montagna.
    PARTECIPA ANCHE TU !
    Tra le novità di quest’anno anche un’iniziativa speciale dedicata a voi che amate fotografare, che ci avete seguito fin dalla prima edizione e avete piacevolmente “inondato” i nostri social ufficiali con immagini spettacolari!
    Anche per valorizzare un patrimonio di immagini davvero di qualità l’organizzazione di Vette d’artificio, in collaborazione con i comitati promotori delle singole tappe, ha dunque pensato di coinvolgere tutti voi che seguite le nostre serate armati di fotocamera. Sarà sufficiente pubblicare sulla pagina Facebook ufficiale di Vette d’artificio – entro il giorno successivo allo spettacolo – una foto scattata durante lo show. Le votazioni saranno il frutto di un mix tra i “mi piace” espressi dai fan della pagina e i giudizi espressi da una competente giuria di qualità composta dal fotografo ufficiale di Vette d’artificio, Giancarlo Parazzoli, da un rappresentante del comitato organizzatore e dallo staff di GFG Pyro.
    Per chi si aggiudicherà il punteggio più alto in regalo una vacanza presso la località sede di spettacolo!
    E tra i tre vincitori verrà Continua a leggere

  • Impressioni del panperduto
    Impressioni del panperduto

    IMPRESSIONI DEL PANPERDUTO
    Passeggiata tra natura e impressionismo, incontrando gli artisti e l’atmosfera di quell’epoca. Domenica 18 giugno 2017 presso il Panperduto, l’Associazione “Quelli del 63” sarà protagonista dell’evento “Impressioni del Panperduto”, una composizione scenica che riprodurrà fedelmente le tele dei più famosi pittori impressionisti, alcuni dei quali presentati già nel 2014. Tra le acque del fiume Ticino e la natura che attornia il Panperduto, il pubblico potrà passeggiare godendo di uno spettacolo unico: figuranti in costume ottocentesco saranno i soggetti dei quadri viventi a comporre la struttura pittorica di artisti come Renoir, Van Gogh, Pissarro, Monet. Le opere d’arte prenderanno forma sotto i nostri occhi con pennellate cariche di luce e di colore dei pittori en plein air, che secondo la locuzione francese indica un metodo pittorico consistente nel dipingere all’aperto.
    L’opera di presa, la diga e il Museo del Panperduto saranno in questa occasione lo sfondo e l’ambientazione suggestiva di emozionanti tableaux vivants. Non mancheranno scene inedite e sorprese grazie anche agli amici dell’Accademia della Costina. Con questo evento il Panperduto festeggia la Giornata Nazionale dei Piccoli Musei, offrendo a tutti un piccolo dono, ovvero la possibilità di accedere gratuitamente all’area di visita di tutto l’itinerario del Panperduto, un grande patrimonio culturale, storico, ambientale del territorio. Con questo gesto gli organizzatori intendono regalare a tutti un’esperienza di immagini e suoni da custodire per sempre. Ameremo in modo particolare tutti quei visitatori che si presenteranno in abiti bianchi e tenui colori pastello, con grandi cappelli e grandi sorrisi. I visitatori potranno fare con noi un viaggio nel tempo, guardare, ascoltare, fantasticare e degustare specialità, ma soprattutto fotografare diventando protagonisti: infatti con gli hashtag #giornatapm e #invasionidigitali i partecipanti potranno raccontare insieme a noi la passione che ha dato vita a questo evento. Nella Giornata Nazionale dei Piccoli Musei, insieme al grande flusso italiano di immagini celebranti tutte quelle piccole realtà che salvano e divulgano la storia locale, ci sarà anche il Panperduto, che merita di essere apprezzato ben oltre la Lombardia. Evento a cura di Associazione “Quelli del ’63”, con la collaborazione di Ester Produzioni e Associazione Accademia della Costina, con il patrocinio del Comune di Somma Lombardo, del Consorzio ETVilloresi e del Parco Lombardo della Valle del Ticino.
    INFORMAZIONI UTILI:

    L’evento è gratuito e aperto a tutti; si svolgerà dalle ore 10.00 alle ore 19.00 (gli ultimi ingressi saranno alle ore 18.45). Per la particolarità dell’area, ogni ingresso all’area di visita sarà a gruppi accompagnati lungo il percorso obbligato (circa 1 km). L’ingresso sarà presso l’info point davanti all’opera di presa del Panperduto (Via Lungo Canale). A tutti i visitatori si consiglia abbigliamento adeguato: scarpe comode e cappello per proteggersi dal sole. Lungo il percorso di visita non saranno ammessi cani e passeggini. In caso di maltempo l’evento sarà annullato.
    Come raggiungere il Panperduto:
    Il Panperduto è immerso nella natura, per questo è bello raggiungerlo a piedi, circa 700 metri dai parcheggi dell’area Canottieri; 1,5 km dai parcheggi di località Maddalena. Parcheggio gratuito presso località Canottieri (Via Canottieri, Somma Lombardo) e parcheggio a pagamento con gratta e sosta presso Via Canottieri; parcheggi gratuiti presso località Maddalena (Via al Ticino, Somma Lombardo).
    Contatti:
    Panperduto info@panperduto.it Tel. 0331/259752 Associazione “Quelli del ’63” quellidelsessantatre@gmail.com 3488079775 (Sonia).
     
    PER APPROFONDIRE
    PANPERDUTO
    Il Panperduto è un grande patrimonio culturale, storico e ambientale del territorio. Ex casello di guardiania idraulica della diga del Panperduto e dell’opera di presa, dopo una ristrutturazione conservativa, oggi accoglie i turisti di tutto il mondo. Grazie alla nuova gestione a cura di Ester Produzioni Soc. Coop. Continua a leggere

  • Sant’Efisio e la 361^ festa
    Sant'Efisio e la 361^ festa

    Il 1° maggio 2017 Cagliari e tutta la Sardegna festeggiano la 361ª Festa di Sant’Efisio.
    Un intenso momento di devozione, fede, cultura e tradizioni centenarie che si fondono in una processione che non ha eguali. Carri, cavalieri, devoti e pellegrini accompagna il simulacro del Santo Martire Efisio da Cagliari fino a Nora, luogo ritenuto per tradizione lo stesso dello svolgimento del martirio di Sant’Efisio. Questo evento di straordinaria partecipazione popolare, in equilibrio tra fede e devozione, folklore e tradizione, viene vissuto con grande intensità emotiva.
    Sant’Efisio, nato in una città dell’Asia Minore, visse all’epoca dell’Imperatore Diocleziano nel III sec. d.C.
    Giovanissimo intraprese la carriera militare e, inviato in Italia per contrastare la diffusione del cristianesimo, la tradizione vuole che si convertì in seguito alla visione straordinaria di una croce splendente nel cielo che successivamente si impresse nel palmo della mano e sentendo la voce di Cristo che lo rimproverava per la sua missione sanguinaria.
    Giunto in Sardegna, mentre i suoi soldati combattevano i barbari, Sant’Efisio si convertì al cristianesimo e ne divenne difensore, disobbedendo agli ordini di Diocleziano il quale ne comandò il martirio che avvenne il 15 gennaio del 303 d.C. nella prigione di Nora.
    Il rito ha origine da un Voto del 1652 della Municipalità di Cagliari, oggi custodito presso l’Archivio storico, nel quale s’invoca l’intercessione di Sant’Efisio per far terminare la peste e ci si impegna a celebrare ogni anno e perpetuamente una Festa solenne.
    Dal 1657 si ripete annualmente con una cerimonia solenne la Festa di Sant’Efisio, il Pellegrinaggio da Cagliari al luogo del martirio del Santo e i riti di scioglimento del Voto voluto dalla Municipalità di Cagliari.
    Ogni 1° di maggio, quindi, i fedeli accompagnano il Santo in questa tradizionale processione, ripercorrendo il tragitto che giunge dal carcere in cui venne imprigionato al luogo del martirio a Nora, per poi tornare alla sua Chiesa di Stampace il 4 maggio entro la mezzanotte.
    Tratto da cagliari turismo
    La Redazione
    Pubblicato il 27/04/2017
    Continua a leggere

  • Cavallo e Umani
    Cavallo e Umani

    La SEE – Equitazione Etica – Scuola Etica di Relazione Umano-Equino sará tra le province di Mantova e Ferrara DOMENICA 11 GUGNO per una giornata dello Stage teorico/pratico di grande successo sul tema “IL BENESSERE DEL CAVALLO NELLA RELAZIONE CON GLI UMANI”
    Interverranno in qualità di relatori: Andrea Montagnani, formatore nazionale della SEE e autore del libro “da Zero a Cinque – La Formazione Etica del Cavallo” e l’etologa Rachele Malavasi (Etologia Equina con Rachele Malavasi), ricercatrice e consulente in etologia per la SEE, insieme per parlare di equilibrio nella relazione fra uomo e cavallo, e per vivere una giornata in cui ogni attivitá pratica verrá svolta all’insegna dell’approccio cognitivo-relazionale.
    Un’occasione unica per comprendere la direzione etica che sta prendendo il futuro dell’approccio al cavallo, non più coercitivo, non più fatto di dominanza e sottomissione, ma aperto al pieno riconoscimento dell’individuo, delle sue esigenze e motivazioni di specie e di soggetto dotato di pensiero, emozioni, capacità di scelta. Il tutto con il supporto della letteratura scientifica!
    Lo stage alterna momenti teorici a parti pratiche insieme ai cavalli.
    E’ possibile partecipare sia con il cavallo che senza.
    PROGRAMMA DETTAGLIATO:
    • Cos’è l’approccio etico (Andrea)
    • Struttura sociale equina, leadership, dominanza (Rachele)
    • Attività con i cavalli (Andrea) commentata per i partecipanti senza cavallo da Rachele
    • Spazio per domande e risposte
    • Pausa pranzo con chiacchiere zoonatropologiche
    • Destrutturare, desensibilizzare: non solo termini (Rachele)
    • Attività con i cavalli (Andrea) commentata per ipartecipanti senza cavallo da Rachele
    • Commento e condivisione dell’esperienza
    Ti aspettiamo presso:
    Az. Agr. Ai piedi dell’arcobaleno
    via Colombo 8 – Moglia di Sermide – Mantova 46028
    Per informazioni su costi e prenotazioni contattare:
    Doralisa 328.4912554 – vallicelli.elisa@libero.it
    Vuoi organizzare uno stage presso la tua struttura?
    Contatta Laura Ascione al 340.7418244 – info@equitazioneetica.it
    COMUNICATO CONDIVISO
    La Redazione
    Pubblicato il 12/04/2017
    Continua a leggere

  • Festival del volontariato
    Festival del volontariato

    A Lucca la nuova edizione del Festival Italiano del Volontariato, parte dal “ricostruire”. Tema di attualità purtroppo, visti i fatti accaduti nel centro Italia e che hanno compromesso il nostro territorio. L’appuntamento di Lucca si terrà a Palazzo Ducale e nelle piazze del centro. L’evento che si svolgerà da Venerdì 12 a domenica 14 Maggio, richiama più di 100000 affezionati al tema che presidiano ai molti convegni, spettacoli e laboratori organizzati. Anche quest’anno centinaia i volontari che parteciperanno alla Staffetta della Solidarietà, la marcia diventata uno dei simboli del Festival.
    La Redazione
    Pubblicato il 10/04/2017
    Continua a leggere

  • Festival dell’aquilone Cervia
    Festival dell'aquilone Cervia

    Grande Kermesse dell’Aquilone quella organizzata da Artevento, per la 37^ edizione del Festival Internazionale dell’Aquilone di Cervia. Dal 21 aprile al 1° maggio la spiaggia e il cielo di Pinarella di Cervia si coloreranno di mille colori volteggianti. Oltre 200 aquilonisti provenienti da tutto il mondo, richiameranno sulla spiaggia più di 300000 persone appassionati e non di aquiloni. Il festival si arricchisce sempre più di nuovi eventi: il colorato Tendone del Circo Paniko terrà banco in spiaggia, mentre negli spazi del Magazzino del sale, sul Porto Canale, il famoso artista del vento Michel Gressier, esporrà le sue opere. Sempre in riva al mare bellissime istallazioni Eoliche accompagneranno la manifestazione, mentre per Sabato 22 Aprile e Sabato 29 Aprile dalle 21.30 affascinanti spettacoli con le luci della sera e in notturna ci faranno restare senza fiato con il naso all’insù. Durante le giornate sempre ricche di appuntamenti si potrà far volare il proprio aquilone, si potranno assistere nella mattinata a prove di volo acrobatico e dimostrazioni di combattimenti realizzate dai maestri del volo acrobatico di precisione. Cosa dire, per giorni centinaia di aquiloni colorati e di qualsiasi forma ci faranno restare a bocca aperta dai più grossi ai più piccoli agli speciali agli enormi, insomma ce n’è per tutti i gusti. Per chi volesse poi costruire il proprio aquilone, laboratori per bambini e adulti vi aiuteranno nell’opera. E allora SII  VOOLA…
    La Redazione
    Pubblicato il 10/04/2017
     
    Continua a leggere

  • Morcote e Parco Scherrer
    Morcote e Parco Scherrer

    Morcote, il Villaggio più bello della Svizzera Italiana.
    Il pittoresco villaggio che ai tempi del Medioevo era il più grande porto sul lago di Lugano, si trova a pochi km dal nostro confine.
    Il paesello che si affaccia sulle rive del lago di Lugano è unico nel suo genere. Con le facciate decorate, Morcote è famosa per i suoi edifici con porticato posti sulla riva del Lago che risalgono al tardo Medioevo. Si possono ammirare inoltre il palazzo “Torre del Capitano“, le Dimore Gentilizie  e la chiesa di Santa Maria del Sasso risalente al XIII secolo.

    Tappa obbligatoria per chi visita Morcote è Parco Scherrer, caratterizzato dalle sue meraviglie botaniche con oltre 50 varietà di piante tutte catalogate. Nella cornice spettacolare del parco che si estende per circa 15000 mq inserite in un contesto di flora subtropicale composta da cedri, cipressi, canfori, eucalipti, magnolie, azalee, palme, camelie, glicini, oleandri, si possono ammirare svariate collezioni di oggetti d’arte provenienti da altrettanti paesi ed epoche diverse. Uno spettacolo unico che in primavera sprigiona un fascino unico e irripetibile da vedere.
    La Redazione
    Pubblicato il 08/04/2017
    Continua a leggere

  • Coppa Italia Master 2017
    Coppa Italia Master 2017

    Coppa Italia Master 2017 svoltesi a Pampeago dal 10 al 12 Marzo 2017. Oltre 1.000 gli atleti iscritti, provenienti da circa 16 regioni italiane, in 3 gg. di gare perfette su piste splendide. Il tutto sotto l’esperta regia dello Sci Club Guastalla che abbina da sempre la formula agonismo, gastronomia e divertimento. L’evento ha avuto luogo all’interno di un enorme villaggio sulla neve, grazie alla collaborazione con lo Ski Center Latemar.  Il Villaggio ha ospitato quasi 3.000 persone….che dire… a Voi ogni commento…
    La Redazione
    Pubblicato il 18/03/2017
    Continua a leggere

  • Carnevale marino
    Carnevale marino

    CARNEVALE MARINO ALL’ACQUARIO DI GENOVA Dal 15 febbraio al 5 marzo 2017, l’Acquario di Genova festeggia Carnevale con un ricco programma dedicato ai più piccoli, dalle animazioni “Animali in maschera” alla speciale postazione per un face painting a tema marino nei fine settimana del 19-20 e 25-26 febbraio e il martedì grasso 28 febbraio. E per tutto il periodo dal 15 febbraio al 5 marzo, con la promozione dedicata, l’Acquario di Genova regala a tutti i bimbi la metà del biglietto. Le attività e le promozioni di Carnevale in dettaglio. “Animali in maschera” è l’appuntamento che consente ai bambini di scoprire, guidati dagli esperti, i trucchi, non soltanto carnevaleschi, degli organismi marini per sopravvivere nel profondo blu. Spesso la forma e il colore degli animali traggono in inganno circa la loro natura; questi “travestimenti” non sono casuali, ma hanno precise funzioni. Le animazioni, comprese nel prezzo del biglietto, si svolgeranno il 19 e 20, 25 e 26 e martedì 28 febbraio alle ore 15:30. Ogni animazione, rivolta a un massimo di 25 partecipanti, ha una durata di 40 minuti circa. Negli stessi giorni, i bambini troveranno lungo il percorso una speciale postazione “Face painting” dove potranno farsi truccare, trasformandosi in una delle meravigliose creature del mare ospiti delle vasche dell’Acquario di Genova. L’attività di face painting, compresa nel biglietto di ingresso, sarà a disposizione dei più piccoli nei giorni 19 e 20, 25 e 26 e martedì 28 febbraio dalle ore 14:30 alle ore 16:30. Per festeggiare Carnevale, inoltre, l’Acquario di Genova regalerà metà del biglietto di ingresso a tutti i bambini di età compresa dai 4 ai 12 anni in visita dal 15 febbraio al 5 marzo 2017. La promozione è acquistabile e valida esclusivamente nel periodo indicato sia online su www.acquariodigenova.it sia presso le casse dell’Acquario di Genova sul biglietto di ingresso alla struttura e non è cumulabile con altre promozioni in corso. Nel mese di febbraio, l’Acquario di Genova è aperto tutti i giorni con il seguente orario: giorni feriali dalle ore 9.30 alle ore 20 (ultimo ingresso ore 18), sabato e festivi dalle ore 9.30 alle ore 21 (ultimo ingresso ore 19). Biglietto adulto € 25, ragazzo  (4-12 anni) € 15 e dal 15/2 al 5/3 7,5 Euro grazie alla speciale promozione. Info: www.acquariodigenova.it. Ufficio stampa Costa Edutainment Acquario di Genova
    La Redazione
    Pubblicato il 13/02/2017 
     
    Continua a leggere

  • King of Obereggen
    King of Obereggen

    Grande attesa nel mondo dello snowboard per il «King of Obereggen» in programma domenica 5 febbraio 2017 organizzato da ASV Skateboardproject-Bolzano in collaborazione con la società impianti Obereggen Spa. Qui, cuore del comprensorio altoatesino del Latemar (Obereggen-Pampeago-Predazzo), si affronteranno numerosi specialisti della tavola in uno degli snowpark più attrezzati e spettacolari del Dolomiti Superski. L’evento decreterà il Re e la Regina freestyle, categorie under 16, Senior e Girls, del parco altoatesino, tra i più conosciuti a livello italiano ed internazionale. I partecipanti si esibiranno in numeri acrobatici inediti davanti ad una giuria di esperti tra l’entusiasmo contagioso, come nelle scorse edizioni, di numerosi appassionati. In mattinata si svolgerà la gara principale, ad iscrizione gratuita, nella modalità Slopestyle: in palio uno skipass stagionale Obereggen-Val di Fiemme 2017/18 e numerosi premi in materiale tecnico offerti da Nitro e Neff. «L’iscrizione alla gara sarà gratuita» spiega Stefano Tonini, presidente dell’associazione ASV Skateboardproject-Bolzano «nostro auspicio è che ognuno possa trascorrere una giornata di puro snowboard e competizione in allegria con gli amici». Nel pomeriggio largo al BBQ jam ad offerta libera, la tradizionale ed attesa Grill Battle ovverosia il duello a suon di carne ai ferri alla griglia tra due, autentici specialistici: Alex di Fakieshop il Vikingo contro il Neuroshop. Lo Snowpark Obereggen, che dista appena 20 minuti da Bolzano, è un park per tutti, dotato di 30 strutture, una halfpipe, una pista boardercross e un nightpark illuminato tre sere alla settimana fino alle ore 22. Lo snowpark si trova sulla pista Pampeago, servita dalla veloce seggiovia Obereggen. Anche questa stagione sono all’opera gli shaper di F-tech in stretta collaborazione con la società impianti Obereggen. Manutenzioni giornaliere a forza di mano e gatto delle nevi. Parkhouse con musica stizzosa e chill-area inclusa.
    Obereggen relazioni pubbliche e marketing
    La Redazione
    Pubblicato il 21/01/2017 
     
    Continua a leggere

  • L’expo riapre
    L'expo riapre

    L’EXPO RIAPRE CON INGRESSO GRATUITO  Riapre l’ Expo, pensata per le famiglie, i giovani e anche i turisti. Dal 27 maggio e fino al 30 settembre e forse oltre, si entrerà dal venerdì alla domenica dalle 15 alle 23 e inoltre nei giorni dei campionati europei dal 10 giugno al 10 luglio ci sarà un’apertura straordinaria ad ogni partita, che verrà trasmessa sui maxi schermi montati nel teatro all’aperto, da dove si potrà assistere in diretta anche alle Olimpiadi.
    L’ingresso sarà gratuito.  Si entrerà a Sud di Merlata, a Est di Roserio e a Ovest di Triulza e ci sarà un servizio di Atm (a tutti gli effetti pubblico, quindi si utilizzerà il biglietto del metrò) che viaggerà lungo il perimetro meridionale. Non si potrà, infatti, girare per tutto il sito.
    Tante le attrazioni tra cui l’ex supermercato del futuro e l’ex auditorium che ospiteranno le mostre della Triennale dedicata al design.
    Nella piazza tra i due edifici si potrà ammirare l’orto planetario di 3000 metri con 150 specie di frutta e verdura coltivate e vendute direttamente in una sorta di mercato a chilometro zero. A Cascina Triulza ci sarà anche una summer school.
    I padiglioni Iran, Austrisa e Slovenia si trasformeranno in una zona dove fare sport all’aria aperta con campi da calcetto, basket, beach volley e pareti per arrampicare.
    Punto d’incontro principale sarà il teatro all’aperto , dove verrà aggiunta una nuova tribuna coperta da 2000 posti a sedere ed è proprio qui che si potrà assistere alla partita della finale di Champions League del 28 maggio.
    Sarà riaperto il Padiglione Italia e si potrà assistere a nuovi spettacoli dell’Albero della vita.
    Non mancheranno attrazioni per i bambini e spettacoli messi in scena dall’Accademia della Scala di Milano.
    Il Cardo sarà invece il luogo ideale per allestire un food truck e non solo.
    Già il 1 maggio ci sarà una prima simbolica riaccensione dell’Albero della vita e a seguire un concerto a inviti dell’Accademia della Scala.
    Il 25 maggio a pochi giorni dalla riapertura canterà al Teatro all’aperto l’emozionante Andrea Bocelli.
    E allora… Varrebbe la pena ritornarci! 
    La Redazione
    Pubblicato il 10/05/2016
    Continua a leggere

  • Vacanza Green
    Vacanza Green

    La Val di Fiemme ha trasformato la tassa di soggiorno in un vantaggio per il turista, infatti versando 2 euro a notte l’ospite riceverà una card con la quale potrà viaggiare gratuitamente su impianti di risalita, trenini, bus e navette. I vantaggi però non finiscono qui, infatti si potrà entrare gratuitamente al Palazzo della Magnifica Comunità, al Museo Geologico delle Dolomiti, al Parco Naturale di Paneveggio Pale di San Martino e ai Castelli del Trentino e a numerosi altri siti storico culturali della provincia. E ancora, se vi piace  partecipare ad escursioni alla scoperta della natura, delle tradizioni e degustare l’enogastronomia del territorio, guide alpine, esperti botanici e guide naturalistiche sono pronti ad accompagnarvi. Tanti saranno poi gli sconti per gli amanti del rafting, della bike, del trekking e ancora sconti fino al 30% sull’ingresso ai centri wellness e al parco giochi al Passo di Lavazè e per finire, con la card si otterranno benefit anche nelle malghe, ai rifugi e dai produttori a km zero.
    La Redazione
    Pubblicato il 03/05/2016
    Continua a leggere

MOSTRA TUTTI GLI ARTICOLI

    I commenti sono chiusi