Toscanini e il suo tempo

Toscanini e il suo tempo

In questo fine settimana Parma e Milano saranno coinvolte in una due giorni particolare di musica e cultura. Due eventi che si inseriscono nell’ambito delle celebrazioni ufficiali per il centocinquantenario dalla nascita di Arturo Toscanini. In entrambe le città si svolgerà il Convegno di Studi Toscanini, l’Italia, il mondo: formazione, carriera, eredità musicale e civile, con l’intenzione di gettare nuova luce su alcuni aspetti della biografia e della carriera del grande Direttore. In particolare il Convegno di Studi si terrà il 29 Settembre 2017 a Parma presso il Conservatorio “A. Boito” e Casa della Musica mentre il 30 Settembre 2017 a Milano presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” alla mattina , a seguire, presso l’Archivio di Stato di Milano nel pomeriggio avrà luogo la sezione pomeridiana con il concerto finale. L’Archivio di stato che conserva l’importante fondo Toscanini recentemente acquistato dalla Direzione Generale per gli Archivi organizzerà per l’occasione anche una mostra documentaria in collaborazione con il Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi di Milano, dal titolo Toscanini maestro di musica e il suo tempo, a cura di Mariagrazia Carlone e di Liacia Sirch,  che verrà inaugurata sabato 30 settembre 2017 alle ore 19.15, al termine del Convegno di Studi, presso la sala mostre dell’Archivio di Stato di Milano. I documenti esposti provengono dall’Archivio di Stato di Milano, dalla Biblioteca del Conservatorio della stessa città, dalla Biblioteca Palatina di Parma e da raccolte private degli eredi di Toscanini. La mostra è articolata in tre sezioni. La prima, Toscanini musicista: compositore, revisore e studioso, documenta il “far musica” come concreta pratica quotidiana: le composizioni giovanili, l’orchestrazione e a volte il completamento di opere di altri autori, la minuziosa preparazione di partiture e parti; e il continuo studio con cui Toscanini “divora” e giudica la musica con lucida e feroce obiettività. La seconda sezione mostra l’impegno civile del Maestro come un aspetto indissolubile dalla sua attività musicale: i concerti al fronte durante la prima guerra mondiale e quelli di beneficenza al Conservatorio di Milano; la ferma opposizione al fascismo, e la rinuncia a dirigere il festival di Bayreuth dopo la presa del potere da parte di Hitler; il concerto registrato dopo la caduta di Mussolini, con l’esecuzione dell’Inno delle Nazioni di Giuseppe Verdi, simbolo e auspicio di pace fra i popoli, e le fermissime prese di posizione contro il Re e Badoglio, “traditori” indegni di sedere al tavolo delle trattative per la pace. La terza e ultima parte, segreti consensi, porta esempi eloquenti dell’impatto dell’uomo e dell’artista sul pubblico vastissimo e variegato di chi ebbe la fortuna di assistere a un suo concerto o anche soltanto di ascoltarne una registrazione alla radio, entusiasmandosi e commuovendosi.  La mostra è preceduta da una sonorizzazione dello scalone d’ingresso che introdurrà il visitatore nel “mondo acustico” di Toscanini, fatto certo di tanta grande musica, ma anche delle sue vivaci prove musicali e dei suoi coloriti commenti alle imprecisioni dei professori d’orchestra. Un montaggio sonoro di frammenti, di esecuzioni e di commenti del grande direttore accompagnerà all’ingresso della mostra vera e propria. All’interno di due delle sale saranno installati due schermi che riprodurranno, rispettivamente, la registrazione dell’Inno delle Nazioni (un eccezionale film-documento realizzato nel 1943 dallo U.S. Office of War Information) e, in loop, un video con spezzoni di filmati d’epoca di Toscanini, mentre dirige alcuni grandi classici del repertorio orchestrale, inframmezzati da commenti, analisi e considerazioni di alcuni studenti di direzione d’orchestra dei Conservatori di Milano e Parma. Al termine dell’inaugurazione presso la Sala Conferenze dell’Archivio di Stato di Milano alle 20.30 avrà luogo il concerto Al pianoforte con Toscanini. Le liriche da camera.

La mostra sarà visitabile fino al 28 Ottobre 2017 nei seguenti orari: – dal lunedì al giovedì: 8.00-17.30-venerdì: 8.00-14.30- sabato: 8.00-13.30 – domenica: chiuso.

Si effettuerà un’apertura straordinaria della mostra domenica 8 Ottobre in occasione della manifestazione Domenica di Carta, con visite guidate, dalle ore 11.00 alle ore 18.00.

Leggi il programma delle due giornate

Per informazioni dott.ssa Francesca Zara -ufficio stampa Archivio di Stato di Milano tel. 02.7742161 mail as-mi.comunicazione@beniculturali.it e sulla pagina facebook

La fotografia pubblicata in alto è tratta dal fondo Archivio di Stato di Milano, Fondo Toscanini, serie Fotografie “Toscanini e orchestra del Conservatorio di Milano (1920)”

Comunicato Stampa 

Pubblicato il 27/09/2017 

comuni
Annuncio Google

I commenti sono chiusi