mete borghi castelli lombardia
  • Il Borgo dei Balocchi
    Il Borgo dei Balocchi

    Castiglione Olona (VA) –  Il Comune organizza per domenica 10 giugno 2018, in collaborazione con i Gruppi e le Associazioni Locali, la 6a edizione de “IL BORGO DEI BALOCCHI”, un evento nato con l’idea di riscoprire, tramite i giochi d’altri tempi, i valori, la cultura e le tradizioni di una volta.
    La manifestazione, anche quest’anno curata dall’Assessorato ai Servizi Sociali, prenderà il via dalle ore 15.00 fino alle ore 20.00 ed accoglierà i bambini e le famiglie all’interno dei cortili, delle piazzette e negli angoli più caratteristici del Borgo Antico, ci saranno laboratori didattici, attività ludiche, aeromodellismo, giochi, baratti, letture, truccabimbi e la consueta animazione degli spettacoli di giocoleria e danza.
    La partecipazione agli eventi è ad ingresso libero, durante la giornata saranno presenti golosi punti ristoro.
    La Redazione
    Pubblicato il 07/06/2018
    Continua a leggere

  • Michelangelo alla Cripta
    Michelangelo alla Cripta

    Milano Michelangelo alla Cripta di San Sepolcro dal 11 maggio al 15 settembre 2018. Nella Cripta di San Sepolcro, in uno dei luoghi più suggestivi di Milano, è stata installata una creazione del grande regista Michelangelo Antonioni dedicata al Mosè di Michelangelo Buonarroti, conservato in San Pietro in Vincoli a Roma. La grande opera è inoltre accompagnata da bellissime immagini fotografiche del fotografo Aurelio Amendola. La Cripta di San Sepolcro è uno dei luoghi più ricchi di spiritualità della città di Milano. 
    Dalla sua riapertura nel 2016 è stata visitata da oltre  70.000 persone. Sarà proprio in questi ambienti che i visitatori potranno godere del capolavoro Lo sguardo di Michelangelo, un cortometraggio di 15 minuti, realizzato dal regista ferrarese Michelangelo Antonioni nel 2004, tre anni prima della sua scomparsa. Il filmato racconta la straordinaria esperienza dell’incontro del protagonista, il regista Michelangelo Antonioni, con l’opera d’arte il Mosè di Michelangelo Buonarroti conservato nella basilica di San Pietro in Vincoli a Roma . Lo sguardo di cui si parla nel titolo è quello del regista che entra nella penombra della chiesa, si arresta e rimane immobile, quasi sopraffatto quando si trova di fronte al capolavoro di Michelangelo Buonarroti, ne scruta i particolari e si sofferma sull’espressione del Mosè. Il Mosè sembra un marmo che parla, capace di trasmettere all’osservatore tutta la bellezza che il suo autore ha saputo regalargli. In questa visita il regista Michelangelo Antonioni sembra entrare in simbiosi con il Mosè, muovendo delicatamente il braccio fino a sfiorarlo con la mano per coglierne lo spirito. L’uscita del regista dalla porta della chiesa, accompagnato da un misterioso coro di Pierluigi da Palestrina, fa ritornare l’autore del documentario verso la luce del sole che penetra dall’esterno.
    Si tratta di una straordinaria esperienza che fa sentire il visitatore protagonista, che in quella atmosfera, in quel luogo millenario, sotto la frenetica città di Milano, coglie inevitabilmente il confronto tra la caducità umana e l’eternità dell’arte.
    L’iniziativa è curata da Giuseppe Frangi, prodotta da MilanoCard e Casa Testori, promossa dalla Veneranda Biblioteca Ambrosiana, col patrocinio dell’Associazione Michelangelo Antonioni e la sponsorizzazione di Analysis.
    QUANDO 11 maggio – 15 settembre 2018
    DOVE Milano, Cripta di San Sepolcro (ingresso piazza Santo Sepolcro, lato destro della Chiesa)
    ORARI tutti i giorni dalle ore 17.00 alle ore 22.00. Le visite hanno inizio ogni ora.
    BIGLIETTI intero 10€ gratuito: bambini accompagnati Il 50% del ricavato viene destinato agli interventi di conservazione della Cripta.
    Speciale offerta per le scuole: ingresso €190 (fino ad un massimo di 25 persone) con guida in orario mattutino.
    EVENTI COLLATERALI Visita guidata in notturna, in collaborazione con Neiade: tutti i weekend alle ore 22.00. Ingresso + visita 21€. Visita con regista, in collaborazione con Neiade: tutti i Sabati di Giugno alle ore 22.00. Ingresso + visita 24,50€.
    Prenotazioni online: www.criptasansepolcromilano.it/michelangelo
    Informazioni: cripta@milanocard.it | www.criptasansepolcromilano.it/michelangelo
    La Redazione
    Pubblicato il 09/05/2018
    Continua a leggere

  • Sagra della Zucca al Castello
    Sagra della Zucca al Castello

    La Pro Loco Fagnano Olona organizza la ventiduesima edizione della Sagra della Zucca domenica 15 ottobre 2017, in Piazza Cavour dalle ore 10 alle ore 18, con il patrocinio del Comune di Fagnano Olona. Come da tradizione, sugli stand allestiti per l’occasione saranno esposte numerose qualità differenti di zucche, coltivate anche da agricoltori locali. A disposizione dei visitatori anche diverse qualità pregiate delle mele di Cavour, che unitamente alle caldarroste fumanti, a gustose frittelle di mela, alla polenta con i Bruscitt o con il gorgonzola, pan tramvai (con uvetta), Veneziane e dolci a base di zucca e altri prodotti tipici della stagione autunnale.
    Un Mercatino di hobbistica, per l’intera giornata, con esposizione di oggettistica, riempirà Piazza Cavour e gli spazi adiacenti. E’ ancora possibile iscriversi per esporre, inviando un’email all’indirizzo presidente@proloco-fagnanoolona.org.
    Il triportico del Castello Visconteo si trasformerà per un giorno in una biblioteca grazie all’iniziativa “Un libro per un libro“, promossa da alcuni soci Pro Loco, in cui sarà possibile scambiare un libro in buone condizioni con un altro volume in cambio, ma anche solamente curiosare tra i tanti libri messi a disposizione.
    L’organizzazione ha pensato anche ai bambini, ai quali sarà dedicato uno stand di Truccabimbi e intrattenimento con laboratori didattici a tema, in cui i bambimi potranno dare sfogo alla fantasia.
    I volontari della Pro Loco organizzano una visita guidata del Castello Visconteo, alle ore 10, e per i partecipanti vi sarà la possibilità di fare “Colazione al Castello“. (Per organizzare al meglio la colazione, è richiesta la prenotazione, inviando un’email all’indirizzo presidente@proloco-fagnanoolona.org ).
    Alle ore 17 uno dei momenti più attesi dell’intera rassegna, ovvero la Maxi Risottata che – come da tradizione ventennale – vedrà la distribuzione di quasi mille porzioni di gustoso risotto, preparato sotto gli occhi di tanti curiosi con oltre 60 Kg di riso, accompagnato ovviamente dalla zucca, da 20 Kg di luganiga tagliata a pezzetti e da polvere di amaretti.
    Il ricavato dalla Risottata quest’anno sarà devoluto a favore della ricerca promossa dal progetto Telethon.
    Nel pomeriggio, in Piazza Cavour, si avrà la possibilità di assistere a esibizioni coreografiche di danza e Cheerleading con il gruppo “Black Falcons Cheer“, l’esibizione di danza dell’associazione “Motiv-Azione”, a cui seguirà la Sfilata “Moda e gioielli” a cura della Gioielleria Patrizia Colombo, per terminare con una esibizione di danza del ventre.
    Una serie di attività pensate per ogni fascia d’età, nel rispetto della sicurezza per i partecipanti grazie alla chiusura del traffico veicolare di Piazza Cavour, di via Volta e di parte di via Roma e di Piazza XX Settembre.
    GLI APPUNTAMENTI CON LA SOLIDARIETA’ INIZIANO GIA’ DA SABATO ALLE H. 21 CON “UNA GOCCIA NELL’OCEANO”.
    Nelle serate a partire da Sabato 14 Ottobre Concerto meditazione “Una goccia nell’oceano” all’interno del ciclo di concerti in valle promossi e organizzati da Telethon e dalle associazioni Avis e Aido di Fagnano.
    Il doppio appuntamento musicale e solidale si svolgerà nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Fornaci (Via Dante Alighieri) nelle serate del 14 e 15 ottobre 2017 con inizio alle ore 21. Un accostamento di suoni e immagini sui temi del dono, della vita e della testimonianza preparato dal Coro Giovani “Madonna della Selva” della Comunità Pastorale di Fagnano Olona.
    Sabato 14 OTTOBRE, ore 21:00
    Chiesa S.MARIA ASSUNTA ALLE FORNACI
    Coro Gospel JOYFUL SINGERS
    Dirige il M° Davide Bontempo
    Domenica 15 OTTOBRE, ore 21:00
    Chiesa S.MARIA ASSUNTA ALLE FORNACI
    Coro Giovani MADONNA DELLA SELVA
    Dirige il M° Michele Zanella
    Eventi organizzati con il supporto di Fondazione Telethon, UILDM, Aido, Avis, Associazione Culturale Musikademia, Feder Gospel Choirs, Pro Loco Fagnano Olona e Comune di Fagnano Olona.
    Comunicato stampa
    La Redazione
    Pubblicato il 10/10/2017
    Continua a leggere

  • Navigando il Panperduto
    Navigando il Panperduto

    Gioiello d’idraulica industriale, il Panperduto rappresenta un grande patrimonio culturale, storico, ambientale del territorio. Dal 2016 le attività culturali e turistiche, unitamente all’ospitalità dell’ostello e alla valorizzazione dei prodotti gastronomici del territorio proposti dalla caffetteria del Panperduto, sono affidate alla gestione della Cooperativa Ester Produzioni. 
    Arrivando presso la diga in Via Lungo il Canale Villoresi, 4 a Somma Lombardo (VA),
    a partire dal 24 settembre 2017 sarà possibile visitare il sito direttamente dall’acqua, navigando con l’imbarcazione Verdi dell’armatore consorzio Navigare l’Adda che condivide la proprietà con Autostradale srl, gestori della navigazione sul Naviglio Grande. L’imbarcazione è coperta e riscaldata, può ospitare al massimo 55 passeggeri.
    Il progetto sperimentale di navigazione è reso possibile grazie al Consorzio Navigare l’Adda, al Consorzio ET Villoresi, a Navigli Lombardi in collaborazione con Ester Produzioni. Questa iniziativa “Navigando il Panperduto” diventa uno strumento per la conoscenza dei territori dove l’elemento acqua, risorsa essenziale per lo sviluppo, ha segnato l’evoluzione storica e oggi può dare nuova linfa al turismo culturale.
    La barca, oggi come ieri, costituisce infatti, oltre che uno mezzo per trasportare uomini e merci, anche un veicolo d’esplorazione, scoperta e divertimento.
    Al momento, saranno due gli itinerari di visita e navigazione previsti al Panperduto, oltre ad una proposta di aperitivo al tramonto.

    IL PAESAGGIO DEL PANPERDUTO
    BARCA + GUIDA: tour di 50 minuti circa. Ogni domenica alle ore 14.15
    Giungendo in questo luogo si rimane incantati dal paesaggio: l’acqua è la protagonista assoluta, se ne percepisce la maestosità e la potenza; lo sguardo viene attratto dalla complessità dei percorsi da essa compiuti fra l’ambiente fluviale e le opere di derivazione e canalizzazione. Durante questo tour in barca, vi accompagneremo alla scoperta della diga del Panperduto, dell’Opera di Presa e tutto il complesso sistema idrico che qui si sviluppa, dall’inizio della sua storia ai giorni nostri, dove ancora oggi ricopre un ruolo fondamentale sia nell’economia che nella cultura del territorio.
    Programma:
    Ore 14.15 Imbarco davanti all’ostello. Concata, navigazione sul fiume Ticino fino a Porto della Torre. Concata del Panperduto e navigazione in bacino. Sbarco davanti all’ostello. Costo al pubblico 10,00 € cad. I bambini dai 5 ai 10 anni pagano 5,00 €
    Per i bambini sotto i 4 anni gratuito.

    TOUR COMPLETO DEL PANPERDUTO
    BARCA + GUIDA + MUSEO: tour di 90 minuti circa. Ogni domenica alle ore 15.20
    Gioiello d’idraulica industriale, il Panperduto rappresenta un grande patrimonio culturale, storico, ambientale del territorio. Durante questo tour in barca sarà possibile visitare tutto il Panperduto, navigare sul Fiume Ticino fino allo sbarramento di Porto della Torre, comprendere il complesso sistema idrico della Diga e dell’Opera di Presa del Panperduto, fino al Museo delle Acque Italo Svizzere, dove una grande mappa del territorio illustra l’origine, la storia e la complessità strutturale e funzionale del bacino idraulico italo-svizzero del Ticino. Il Giardino dei Giochi d’Acqua (visitabile fino alla stagione autunnale) completa l’esperienza di visita di tutto il complesso del Panperduto e racconta come è possibile sfruttare la fisica dell’acqua.
    Programma:
    Ore 15.20 Imbarco davanti all’ostello. Concata, navigazione sul fiume Ticino fino a Porto della Torre. Concata del Panperduto e navigazione in bacino. Sbarco davanti al Museo delle Acque Italo Svizzere, visita al Museo e al Giardino dei Giochi d’Acqua. Visita alla diga e all’opera di presa, rientro a piedi all’ostello.
    Costo al pubblico 15,00 € cad. I bambini dai 5 ai 10 anni pagano 8,00 € (ogni bambino deve essere accompagnato da 1 adulto). Per i bambini sotto i 4 anni gratuito.
    Continua a leggere

  • Ferragosto esplosivo
    Ferragosto esplosivo

    Fondazione Augusto Rancilio, dedica a tutti coloro che passano questo caldo agosto in città una APERTURA STRAORDINARIA di Villa Arconati  di Castellazzo di Bollate (MI) il giorno di Ferragosto dalle 10.30 alle 18.30 (ultimo accesso alle 17.30) E alle 18.15 a conclusione della giornata di festa, verrà sparato un colpo di cannone da uno dei cannoni ottocenteschi appartenuti al Marchese Antonio Busca e ancora splendidamente conservati. Un modo davvero unico per festeggiare l’estate!
    Ma non è finita qui … Villa Arconati è anche:
    – Natura: un giardino monumentale di 12 ettari con sculture classiche, freschi bersò, panchine di pietra e il vezzoso parterre alla francese sono interamente visitabili in autonomia nell’arco dell’intera giornata
    – Visite guidate: la storia che ha reso unico il fascino di questo luogo alla scoperta del Piano Nobile, tra stucchi, dorature, pitture strabilianti e stanze che ancora oggi dimostrano il gusto per il lusso elegante del Settecento
    Visite guidate garantite alle ore 11.00 – 14.30 – 16.00 – 17.30 (senza prenotazione)
    – Mostre: la collezione d’arte contemporanea di Kiron Espace viene valorizzata nella nuova ala aperta al piano terra con la mostra Presenza, un dialogo tra passato presente e futuro
    – Toc Toc Lab: un modo unico, semplice e divertente per grandi e piccini di tutte le età (da 0 a 99 anni) di conoscere la storia della villa attraverso tutti i sensi
    – InFuoriPoint: il punto verde allestito nella Limonaia per conoscere tutti i segreti del Giardino
    – BarOcco: il delizioso punto ristoro offrirà ai visitatori bevande dissetanti, freschissimi sandwiches, caffè equo e solidale per uno spuntino, un pic-nic da consumare nel parco o una merenda degna dei palati più raffinati
    – Bookshop FAR: tanti oggetti unici, realizzati in collaborazione con le realtà artigianali del territorio, per portarsi a casa un “pezzetto” della storia di Villa Arconati-FAR.
    Fondazione Augusto Rancilio ha avviato una collaborazione con La Grufa Ceramiche e Fabbrica dei Segni – due realtà artigianali e sociali – per la realizzazione degli oggetti del merchandising FAR proprio per sottolineare e promuovere la collaborazione e il senso di appartenenza al territorio in cui sorge la Villa.
    Ricordiamo che tutte le attività promosse da Fondazione Augusto Rancilio concorrono al progetto di recupero e valorizzazione della villa.
    Comunicato Stampa
    La Redazione
    Pubblicato il 12/08/2017
    Continua a leggere

  • San Lorenzo, notte dei desideri
    San Lorenzo, notte dei desideri

    In occasione della notte di San Lorenzo 10 Agosto 2017 il Fai Fondo Ambiente Italiano cerca cacciatori di stelle nei luoghi del Fai, organizza infatti, grazie al contributo del Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca, l’evento ASTRONOMI PER UNA NOTTE per osservare la volta celeste, le galassie, le costellazioni, le stelle e capire attraverso conferenze, visite guidate e laboratori didattici, argomenti affascinanti e ancora spesso avvolti nel mistero. E i luoghi del Fai diventano punti di osservazione privilegiati. Scaricando gratuitamente l’APP del Fai si potrà trovare un’audioguida al cielo stellato per conoscere meglio le costellazioni. Mi raccomando non dimenticate di esprimere i più segreti desideri!
    Ecco gli incantevoli luoghi stellati
    Monastero di Torba, Gornate Olona (Varese) ingresso giovedì 10 Agosto 2017 ore 21.00
    Villa Della Porta Bozzolo, Casalzuigno (Varese) ingresso giovedì 10 Agosto 2017 ore 21.00
    Castello di Masino, Caravino (Torino) ingresso giovedì 10 e domenica 13 Agosto 2017 ore 21.30
    Castello della Manta, Manta (Cuneo) ingresso venerdì 11 e venerdì 18 Agosto 2017 dalle 20.00 alle 23.00. Ingresso entro le 20.30 per il picnic o entro le 21.30 per la sola visita.
    Villa dei Vescovi, Luvigliano (Padova) ingresso giovedì 10 Agosto 2017 dalle ore 20.00 alle ore 24.00
    Bosco di San Francesco, Assisi (Perugia) ingresso giovedì 10 e sabato 19 Agosto 2017 ore 21.00
    Villa e Collezione Panza (Varese)  ingresso venerdì 29  Settembre 2017 ore 21.00
    Per informazioni www.fondoambiente.it
    La Redazione
    Pubblicato il 08/08/2017
     
    Continua a leggere

  • Si dice del Castello Scaligero
    Si dice del Castello Scaligero

    Il Castello Scaligero di Sirmione (BS), nato sulle rovine di un’antica fortificazione romana,  fu costruito dal Re Mastino I intorno al tredicesimo secolo per difendere il borgo e il porto di  Sirmione, città posta al confine e per cui particolarmente esposta agli attacchi nemici. Ma non è solo la sua imponente bellezza e la sua posizione, posto  su una lingua di terra che si protrae nel lago di Garda,  ad attrarre i visitatori, il castello conserva  il ricordo di una storia d’amore finita tragicamente, che rivive ancora oggi in ogni angolo della fortezza. Ebengardo e Arice sono i due giovani protagonisti di questa storia, che vivevano felice nel castello trascorrendo una vita felice innamorati uno dell’altra. Ma accadde l’irreparabile quando giunse al castello il marchese Elaberto di Feltrino, un uomo veneto,  di bell’aspetto e che ispirava una certa sicurezza. Era una notte d’inverno tempestosa e ventosa quando egli bussò alla rocca del castello per chiedere accoglienza per un giorno. Allora Ebengardo e Arice non ci pensarono due volte e accolsero il loro ospite nella loro grande dimora. Arice era una donna affascinante, gentile e aggraziata e bastarono poche attenzione della fanciulla, così come avrebbe fatto qualsiasi nobile signora  con il suo ospite, per far innamorare perdutamente Elaberto della donna. Ma peccato che non fu solo un amore platonico, durante la notte l’ospite si recò nella camera della fanciulla intendendo dar sfogo a suoi desideri. Corteggiò ripetutamente la fanciulla, ma poichè il suo cuore apparteneva solo al suo amato Ebengardo, rifiutò l’uomo e gridò dalla paura. Elaberto, accecato dall’odio per quel rifiuto estrasse il pugnale e colpì la fanciulla uccidendola. Ebengardo svegliato dalle grida corse nella stanza della sua adorata amata, ma arrivò troppo tardi,  trovando il suo ospite con il pugnale insanguinato tra le mani e Arice riversa, ormai in fin di vita, in una pozza di sangue. I due uomini duellarono a lungo finchè il disperato Ebengardo ebbe la meglio uccidendo il suo rivale. La vendetta non risanò però le ferite del suo animo dilaniato dal dolore per la perdita della sua amata, così si rifugiò nel castello e lontano dal suono della voce di Arice si consumò. ma nemmeno la morte riuscì a dar fine alle sue sofferenze. Ancora oggi qualcuno durante la visita al castello potrà intravedere Ebengardo vestito di nero, che vaga inconsolabile per non essere riuscito a salvare la sua amata.
    Il Castello Scaligero di Sirmione può essere visitato anche lunedì 14 agosto 8,30 – 19,30 ultimo ingresso 19,00 e martedì 15 agosto 8,30 – 19,30 ultimo ingresso 19,00
    La Redazione
    Pubblicato il 07/08/2017
    Continua a leggere

  • Una notte al Parco
    Una notte al Parco

    Il Parco Archeologico Comunale di Seradina-Bedolina (Brescia), in Valle Camonica, nasce nel 2005 con l’intento di salvaguardare e proteggere il patrimonio d’arte rupestre ivi conservato. La riserva è raggiungibile dal paese di Capo di Ponte e copre un territorio posto tra i 400 e i 600 m s.l.m.  Tutta la zona è soggetta ad una particolare esposizione del sole, per cui l’area è caratterizzata da una fauna specifica di climi più caldi. Vicino agli alberi tipici della valle, è possibile ammirare alcune specie particolari come l’Opunzia Compressa, si tratta di un piccolo fico d’India che con i suoi fiori viola richiama le sfumature della roccia affiorante. Figure e segni di quest’area sono segnalati dai vari studiosi fin dagli anni trenta, ma vere e proprie ricerche iniziano solo nel 1963, successivamente il Centro Camuno inizia a concentrare gli studi sulla grande roccia 12 di Seradina I, sulla quale è possibile ammirare un centinaio di figure incise. Estremamente curate e dinamiche rappresentano scene di caccia al cervo e scene di aratura: si riconoscono duellanti, cavalieri, cervi dalle grandi corna, cani dalla bocca spalancata, eroi che fermano a mani nude serpenti e oranti con le braccia alzate, realizzate con un tratto fine e sicuro. Per apprezzare le varie tipologie di incisioni, all’interno del Parco sono presenti  5 percorsi, che faranno apprezzare al visitatore le numerose scene di aratura, le capanne, le incisioni di corni, probabilmente usati come strumenti musicali e arrivare fino a scoprire la Mappa di Bedolina, posizionata su una terrazza panoramica naturale, che farà apprezzare al visitatore l’intero paesaggio sottostante. Per raggiungere il Parco bisogna arrivare a Capo di Ponte svoltare in direzione di Pescarzo; quindi girare a sinistra seguendo sempre Ie indicazioni per Pescarzo, oltrepassare il ponte sul fiume Oglio e proseguire fino al Cimitero, dove si possono parcheggiare gli autoveicoli, e si imbocca la strada acciottolata che lo costeggia sulla sinistra. L’accesso diretto all’area di Bedolina può essere raggiunto in auto percorrendo la strada Cemmo-Pescarzo, fino al parcheggio posizionato, salendo, sulla sinistra.
    Tratto dal sito turismo vallecamonica.it
    Il Parco è aperto tutto l’anno con i seguenti orari
    orario invernale:
    (dall’1 novembre al 28 febbraio)
    10:00 – 17:00
    aperto: tutti i giorni
    ingresso gratuito
    orario estivo:
    (dall’1 marzo al 31 ottobre)
    9:00 – 18:00 (ultimo ingresso ore 17.30)
    chiuso: mai
    Se poi i vostri bambini volessero rimanere una notte a dormire tra i percorsi d’arte rupestre, il Parco propone per Sabato 12 e Domenica 13 Agosto 2017 SERADINANNA: una notte al Parco per i bambini con il seguente programma SABATO 12 agosto dalle ore 17 allestimento tende animazione per grandi e piccini cena al sacco falò notturno DOMENICA 13 agosto  sveglia e colazione per tutti, visita guidata del Parco Archeologico.
    Quota di partecipazione 5 EURO A PERSONA Sconto famiglie: dal secondo bambino 2,5 EURO A BAMBINO ISCRIZIONE OBBLIGATORIA ENTRO L’11 AGOSTO ALLE 12.00
    Per maggiori informazioni rivolgersi all’agenzia turistico culturale di Capo di Ponte che ha la gestione del Parco Archeologico Comunale di Seradina e Bedolina Tel. +39 0364 42104 Fax. +39 0364 42571
    Cell. +39 334 6575628 email: agenzia.capodiponte@libero.it
    La Redazione
    Pubblicato il 01/08/2017
    Continua a leggere

  • Il Giardino delle Farfalle
    Il Giardino delle Farfalle

    Il Parco del Castello di Verde, collocato interamente ai confini del Comune di Valverde (PV), possiede un significativo valore paesistico con panorami spettacolari in un contesto territoriale che offre aspetti ambientali molto interessanti. In particolare il Giardino delle Farfalle merita di essere visitato in quanto si propone di facilitare l’osservazione delle specie presenti in questa zona al confine tra pianura ed alta collina. L’ambiente è composto da prati coltivati, radure, cespugli radi e anche bosco fitto. Allo scopo di osservare questi variopinti insetti son presenti comodi sentieri e sono stati realizzati interventi destinati a favorire la presenza delle farfalle, come per esempio una pozza d’acqua con fondo in terra per l’abbeverata e l’assunzione di sali minerali. Ma non solo, il mantenimento di zone inerbate aperte, l’introduzione di essenze locali fornitrici di nettare e la realizzazione di un muro a secco, destinato al soleggiamento, permettono al visitatore di osservare comodamente le specie presenti in volo e riposo, durante l’alimentazione, la difesa del territorio, il corteggiamento, l’accoppiamento e la deposizione delle uova. Volendo unire il desiderio di veder volare le farfalle ad un bel pic nic all’aria aperta l’occasione non manca e infatti  Domenica 30 Luglio 2017 dalle ore 11.00 la Pro Loco organizza  “Il pic nic nel Giardino delle Farfalle” per trascorrere una bella gita in allegria nel bel mezzo di un Parco Naturale. Non ci sarà neanche la preoccupazione di preparare il cestino con il pranzo, basteranno una tovaglia a quadretti e qualche cuscino per sedersi  sull’erba e si potrà mangiare e bere a sazietà. Non mancheranno gli intrattenimenti con i cani da tartufo, giochi per i bambini e musica folk da tutto il mondo. I prezzi di ingresso sono 15 euro per gli adulti e 8 euro per i bambini. Valverde si trova a 50 Km. da Pavia, facilmente raggiungibile percorrendo la provinciale 35 fino a Casteggio e seguendo le indicazioni per Borgo Priolo, Borgoratto, Torre d’Alberi e Valverde. Per chi proviene invece  dalla A 7 Milano-Genova, si esce a Casei Gerola e si seguono le indicazioni per Voghera, quindi per Varzi; a Ponte Nizza si svolta a sinistra per Valverde.  Si possono avere informazioni utili presso il Municipio di Valverde tel. 0383.589163-3387915289 e-mail info@comunevalverde.it
    La Redazione
    Pubblicato il 26/07/2017
    Continua a leggere

  • Il Palio di Castiglione Olona
    Il Palio di Castiglione Olona

    Prende il via come da tradizione “il Palio dei Castelli di Castiglione Olona” (VA). La manifestazione giunta alla 42^ edizione, che ogni anno richiama migliaia di turisti nel Borgo.
    Non prendete impegni e non mancate, a partire dal 30 Giugno e fino al 9 Luglio 2017, il piccolo Borgo, detto anche “Isola di Toscana in Lombardia“, si animerà con mostre, concerti, giochi e intrattenimenti in perfetto stile rinascimentale il tutto accompagnato da centinaia di figuranti in abiti d’epoca. La ricca programmazione del “Palio dei Castelli” coinvolgerà ogni fascia di pubblico, dai più piccoli ai meno giovani, con la maestria e il supporto della fantastica squadra della Pro Loco, la quale si prodiga da sempre per la buona riuscita della manifestazione e per la promozione della città di Castiglione Olona.
    Di seguito il TEMA STORICO di questa edizione e il PROGRAMMA. 
    TEMA STORICO 
    Tema storico di questa quarantaduesima edizione del Palio dei Castelli rievoca la partecipazione del Cardinal Branda Castiglioni al Concilio di Basilea, Ferrara e Firenze convocato da papa Martino V nel 1431 e trasferito in Italia da Eugenio IV nel 1438.
    L’assise di alti prelati, in cui grande ruolo ebbe il nostro Porporato, si dedicò anzitutto all’obiettivo di riunificare la Chiesa Latina con quella Greca: forti dell’esperienza del precedente concilio svoltosi a Costanza, con cui era stato ricomposto lo Scisma d’Occidente, i Padri Conciliari si trovavano a guardare ad un oriente che sembrava affatto più vicino sia grazie alle relazioni instaurate dalle Missioni francescane e domenicane, ma anche a rinnovate rotte commerciali che sempre più frequentemente volgevano a levante.
    Gli orientali giunsero al Concilio in numero di circa seicento e la discussione venne istruita riguardo a diversi temi teologici, ecclesiologici e politici. Le delegazioni delle due Chiese cercarono di sanare le proprie divisioni riguardo anzitutto al Credo professato, concentrandosi sull’articolo inerente lo Spirito Santo, e al primato papale posto in antitesi al conciliarismo. Non meno importante dal punto di vista strategico, la riunione delle Chiese era auspicata dall’Imperatore bizantino alla ricerca di alleati contro l’avanzata ottomana.
    Il documento finale del 1439 riuscì a sanare le antiche fratture, tuttavia, seppur sostenuto da entrambe le parti, non trovò mai applicazione concreta per diverse ragioni. Ciò ebbe conseguenze non solo sul piano ecclesiale, ma anche su quello politico con l’abbandono al proprio destino dell’Impero romano d’Oriente che crollò di lì a pochi anni, con l’assedio di Costantinopoli del 1453.
    Se dal punto di vista ecclesiale e politico questo Concilio non fu proficuo, è da sottolineare, invece, quanto la presenza dei cristiani ortodossi in Italia diede un grande contributo al rinnovamento culturale. Il Rinascimento, infatti, distaccandosi dalla concezione medioevale, aveva preso a riferimento l’età classica romana, ma anche quella greca: la venuta in Italia della delegazione orientale, tra cui possiamo annoverare uomini illustri quali Giorgio Gemisto detto Pletone o Giovanni Bessarione,  fu certamente occasione di contatto e riscoperta di questa tradizione. Gli echi di questa esperienza conciliare giunsero attraverso Branda Castiglioni fino a Castiglione Olona: tra le vie e i palazzi della Città ideale, vero laboratorio del Rinascimento, il Cardinale seppe precorrere i tempi, lasciandoci in eredità un patrimonio culturale che ci provoca quotidianamente, che ci sfida ad esserne all’altezza. Anche ai nostri giorni l’oriente è foriero di uomini che arrivano sul nostro territorio: la storia ci provoca ad essere all’altezza del nostro passato, capaci cioè di innescare circuiti virtuosi per la nostra cultura dall’incontro con tradizioni così apparentemente distanti. 
    PROGRAMMA
    VENERDI’ 30 GIUGNO
    Ore 19.30 – Castello di Monteruzzo
    “Il Palio a tutta Continua a leggere

  • Medioevo al Castello di Legnano
    Medioevo al Castello di Legnano

    Spettacolari raffigurazioni di scene medioevali, vi aspettano al Castello di Legnano. Da Venerdì 23 a Domenica 25 Giugno per fare un salto nel passato, con un evento collaterale al Palio di Legnano. La Festa delle contrade si svolgerà nel Borgo Medioevale e sarà caratterizzata da un ricchissimo programma di Eventi e Giochi con incontri e degustazioni in perfetto stile Medioevale. Giullari, Giocolieri e spettacoli con mangiafuoco intratterranno i presenti per la gioia dei bambini, oltre a spettacoli di falconeria con il coinvolgimento del pubblico.
    PROGRAMMA:
    VENERDì 23 GIUGNO
    Alle h.19.00 Apertura Castello accompagnato da “Aperitivo delle Contrade“. h.20.00 Locanda al Castello:cena a base di pesce in collaborazione con ASD 5 Mulini. h 21.30 Concerto Federico Avallone e la sua Band.
    LE GIORNATE MEDIEVALI
    SABATO 24 GIUGNO
    h.15.30 Apertura Campo con scene di vita medievali,banchi didattici
    h.16.00 Prova tiro con l’arco
    h.17.30 Spettacolo Falconeria e Battesimo del Guanto
    h.18.30 Lancio con Catapulta e combattimenti
    h.19.30 Esibizione di musica Medievale
    h.20.00 Spettacolo Giullari, Giocolieri e Sputafuoco
    h.21.00 Spettacolo Musica Celtica Medievale con il gruppo Barbarian Pipe Band
    h.22.15 Spettacolo bellico col fuoco, combattimenti, Frecce infuocate e macchine d’assedio
    h.24.00 Chiusura campo
    CENA MEDIOEVALE SU PRENOTAZIONE INIZIO H.19.30
    APERITIVO MEDIEVALE INIZIO H.18.30
    GRIGLIATA PER TUTTI DALLE H.19.00
    DOMENICA 25 GIUGNO
    h.10.00 Apertura Campo con scene di vita medievale,banchi didattici
    h.10.30 Santa Messa al Castello
    h.11.30 Chi fermerà il terribile Barbarossa? Avventura medievale per Bambini
    h.12.00 Musica Medievale, Spettacolo di Falconeria e volo dei Falchi
    h.14.00 Tiro con l’arco, prova la freccia
    h.14.30 Spettacolo Sbandieratori e Musici Città di Legnano
    h.15.00 Battesimo della sella su pony Centro Ippico La Stella
    h.16.00 Chi Fermerà il terribile Barbarossa? Avventura medievale per Bambini
    h.17.00 Spettacolo di Falconeria e Battesimo del Guanto
    h.18.00 Tornei di Spade dei cavalieri,combattimenti multipli
    h.19.30 Spettacoli sul palco: Musica Medievale – Giocolieri Giochi di Fuoco
    h.20.30 Chiusura festa medievale e inizio festa con musica dal vivo
     
    PRANZO MEDIOEVALE SU PRENOTAZIONE INIZIO H.13.00
    APERITIVO MEDIEVALE DALLE H.11.30 E DALLE H.18.30
    GRIGLIATA PER TUTTI DALLE H.12.00 E DALLE H.19.00
    DALLE H.21.00 MUSICA DAL VIVO
    La Redazione
    Pubblicato il 15/06/2017
     
     
    Continua a leggere

  • Pomeriggio d’Estate al Castello
    Pomeriggio d'Estate al Castello

    Sabato 17 Giugno il Castello Visconteo di Fagnano Olona (VA) apre le sue porte.
    L’evento “Un Pomeriggio d’estate al Castello” è organizzato dal Gruppo FAI Giovani Seprio e con la collaborazione della Pro Loco Fagnano Olona. Teatro di prestigio quello del Castello Visconteo dove si svolgeranno gli appuntamenti programmati. Previa prenotazione entro il 14 Giugno, alla mail faigiovani.seprio@fondoambiente.it sarà possibile partecipare ad una delle due visite programmate all’interno del maniero che avranno luogo alle h.17.00 e alle h.17.45. I partecipanti saranno accolti e accompagnati da figuranti in costumi medioevali a cura della Pro Loco di Fagnano Olona. Al termine del giro guidato, verrà offerto ai partecipanti  un “fresco Aperitivo” sulla spettacolare terrazza affacciata sulla Valle Olona. Seguirà alle h.18.30 un Concerto nel cortile del Castello Visconteo a cura dell‘Associazione “Amici del Bellini”Promo EuroJollyService
    Situato al centro del paese, in un punto panoramico sul ciglione che guarda il fiume Olona, il Castello di Fagnano presenta ancora evidenti le sue massicce strutture fortificate e da sempre ha avuto una funzione strategica di rilievo: viene, infatti, considerato l’antemurale di Castelseprio ed è citato nelle lotte tra i Torriani e i Visconti. Le notizie circa le sue origini sono scarse; pare comunque che il maniero già esistesse – proprio come luogo fortificato – in epoca romana.
    Come in ogni maniero che si rispetti, anche tra le mura del Castello di Fagnano Olona si aggirerebbero delle “entità”: diverse, infatti, sono le persone che hanno avvertito una “presenza” al proprio fianco proprio mentre si trovavano all’interno delle sale del Castello.
    La Redazione
    Pubblicato il 10/06/2017
    Continua a leggere

  • Lodi meta storica
    Lodi meta storica

    Lodi è una piccola città lombarda della bassa Val Padana, di circa 44 mila abitanti situata sulla riva destra del fiume Adda, a sudest di Milano. Il nucleo antico di Lodi si sviluppa intorno a Piazza della Vittoria, che viene considerata una delle più belle piazze d’Italia. E’ caratterizzata da un porticato che riempie i suoi quattro lati e dalla classica pavimentazione a ciottoli di fiume inoltre è circondata da importanti edifici : il Municipio (Palazzo Broletto), del 1284, con i portici e la loggia in stile neoclassico; il Palazzo Vistarini (XIV secolo), nell’angolo ovest, che fu dimora di un’importante famiglia ghibellina; il Duomo (Basilica Cattedrale della Vergine Assunta), del 1160, si tratta di una grande struttura in stile la cui costruzione durò per oltre un secolo. All’interno sono custoditi i tesori del Museo Diocesano di Arte Sacra. Il Tempio Civico della Beata Vergine Incoronata è un altro gioiello di architettura e pittura che vale la pena visitare. Il tempio civico, espressione della pietà popolare, progettato da Giovanni Battagio nel 1448, è completamente decorato da affreschi, tavole, tele realizzate dai maggiori artisti che hanno operato a Lodi tra il Quattrocento e l’Ottocento. Rimanendo sempre in centro potrebbe essere interessante percorrere Corso Roma per uno shopping dal gusto raffinato ed ammirare sulla via parallela, via Marsala, integrata con altri edifici, la preziosa facciata in cotto della chiesa di Sant’Agnese per poi ritornare in piazza della Vittoria. A pochi passi, percorrendo Corso Vittorio Emanuele II si giunge a Piazza Castello dove sorge il Castello Visconteo, che fu originariamente edificato da Federico Barbarossa. Solo il grande Torrione rimane a testimoniare la ricca storia dell’edificio, mentre la parte in rovina è stata ricostruita ed ora vi ha sede la Questura di Lodi.
    Scopri altri itinerari in Lombardia
    La Redazione
    Pubblicato il 15/05/2017
    Continua a leggere

  • Morcote e Parco Scherrer
    Morcote e Parco Scherrer

    Morcote, il Villaggio più bello della Svizzera Italiana.
    Il pittoresco villaggio che ai tempi del Medioevo era il più grande porto sul lago di Lugano, si trova a pochi km dal nostro confine.
    Il paesello che si affaccia sulle rive del lago di Lugano è unico nel suo genere. Con le facciate decorate, Morcote è famosa per i suoi edifici con porticato posti sulla riva del Lago che risalgono al tardo Medioevo. Si possono ammirare inoltre il palazzo “Torre del Capitano“, le Dimore Gentilizie  e la chiesa di Santa Maria del Sasso risalente al XIII secolo.

    Tappa obbligatoria per chi visita Morcote è Parco Scherrer, caratterizzato dalle sue meraviglie botaniche con oltre 50 varietà di piante tutte catalogate. Nella cornice spettacolare del parco che si estende per circa 15000 mq inserite in un contesto di flora subtropicale composta da cedri, cipressi, canfori, eucalipti, magnolie, azalee, palme, camelie, glicini, oleandri, si possono ammirare svariate collezioni di oggetti d’arte provenienti da altrettanti paesi ed epoche diverse. Uno spettacolo unico che in primavera sprigiona un fascino unico e irripetibile da vedere.
    La Redazione
    Pubblicato il 08/04/2017
    Continua a leggere

  • Il delta del Po
    Il delta del Po

    ALLA SCOPERTA DEL PARCO REGIONALE DEL DELTA DEL PO. Nel panorama unico del Delta del Po c’è il territorio creato sia dalla sedimentazione del fiume, che dall’opera dell’uomo che nei secoli ne ha regimentato le acque e bonificato i terreni. Nell’area del Delta, natura, storia, tradizione, cultura ed arte si intrecciano, offrendo al visitatore un paesaggio inedito e sorprendente. Nel Delta si distinguono vari ambienti, ognuno con caratteristiche peculiari: la campagna con i paleoalvei, le dune fossili, gli argini, le golene, le valli da pesca, le lagune o sacche e gli scanni. Questi elementi del paesaggio si incontrano arrivando da est, scendendo lungo la corrente del Po. Vediamo allora alcune escursioni adatte a tutta la famiglia per conoscere da vicino luoghi e paesaggi unici.
    A VENEZIA NAVIGANDO IN LAGUNA: tutti i martedì fino al 15 settembre. Imbarco in motonave a Chioggia per attraversare la Laguna Veneta costeggiando Pellestrina ed il Lido di Venezia fino a raggiungere il bacino di San Marco a Venezia.
    NAVIGANDO NEGLI ORTI D’ACQUA: tutti i giovedì fino al 15 settembre. Escursione guidata in battello navigando nella Laguna di Caleri tra gli allevamenti di vongole dove si potrà osservare un paesaggio incantevole e una natura unica.
    APERITIVO AL TRAMONTO: mercoledì 27 luglio- 10 e 24 agosto – 7 settembre. Escursioni in battello in laguna di Caleri per godere dell’atmosfera incantata del tramonto.
    PEDALATA TRA ORTI DI TERRA E PRATI DI MARE: venerdì 5 e 19 agosto – 2 settembre. Escursione guidata in bicicletta e in battello per ammirare i caratteristici orti d’acqua della Laguna di Caleri.
    APPUNTAMENTI AL CHIAR DI LUNA: mercoledì 17 agosto e sabato 17 settembre . Cena a buffet con i prodotti del territorio dove il fiume incontra il mare.
    I PROFUMI DEL BOSCO IN RIVA AL MARE: tutti i martedì e giovedì fino al 15 settembre. Visita guidata lungo i sentieri del giardino botanico di Porto Caleri
    DOVE IL FIUME INCONTRA IL MARE: tutti i martedì fino al 15 settembre. Escursione guidata in motonave lungo il Po di Venezia fino alle foci.
    IL FIUME INCANTATO: ogni sabato fino al 15 settembre. Escursione guidata in battello lungo il Po di Maistra, il ramo più bello e naturale fra tutti i rami che formano il Delta.
    La Redazione
    Pubblicato il 01/05/2016
     
    Continua a leggere

  • Cascate del Serio
    Cascate del Serio

    DOMENICA 19 GIUGNO 2016 PRIMA APERTURA DELLE CASCATE DEL SERIO Le Cascate del Serio sono formate dall’omonimo fiume pochi chilometri dopo la sua nascita, nelle Alpi Orobie, in provincia di Bergamo. Sono situate ad una quota di circa 1.750 metri di altitudine (testa della cascata). Si trovano nel territorio di Valbondione, in alta Valle Seriana. Sono alte complessivamente 315 metri e sono formate da tre salti principali di 106, 74 e 75 metri. Nel 1931, nel luogo in cui sorgeva un piccolo lago naturale, venne edificata una diga per la produzione di energia elettrica che interruppe il corso del fiume. Nel 1969  la diga aprì le barriere per far rivivere la bellezza delle cascate. Da allora, in accordo con ENEL, l’evento è ripetuto diverse volte lungo ogni stagione estiva regalando a curiosi e appassionati della natura uno spettacolo mozzafiato. Domenica 19 Giugno ci sarà la prima apertura della Cascata del Serio dalle ore 11.00 alle ore 11.30 Ticket parcheggio auto € 5,00, si consiglia abbigliamento da montagna. Possibilità di andare alla scoperta delle Cascate del Serio accompagnati da guide alpine. Partenza dal Palazzetto dello Sport alle ore 8.30, si percorre una comoda mulattiera seguendo il percorso  n.305 con soste didattiche e culturali  a seguire sosta all’osservatorio per godere dello spettacolo.
    Per info: Ufficio Turistico Valbondione 
    La Redazione
    Pubblicato il 10/06/2016
    Continua a leggere

MOSTRA TUTTI GLI ARTICOLI

    I commenti sono chiusi